aiutatemi con mia suocera

Il luogo del pensiero, dell'approfondimento, della discussione; società, politica, religione e tanto altro su cui riflettere, un occhio critico sul mondo che ci circonda.
Avatar utente
Agnese G. Pupa
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2014
Iscritto il: mar mar 29, 2011 1:03 am

Messaggio da Agnese G. Pupa »

Linda Eva ha scritto:Si, brava, è quello che intendevo io (avevo usato la seconda persona perché mi riferivo all'obiezione di Agnese)!!!

Peccato che io non sappia aiutarti sul libro giusto!!!
Sarebbe da chiedere a qualche NoiNonna!!!! :cisssss:
Per carità : provare è lecito! solo che dalle cose che scrive Denise (giusto?!) mi pare di capire, che la signora in questione sappia di sbagliare ma nn riesce proprio a farne a meno.
Scusate che dico così, ma io lavoro coi disabili, penso sempre che bisogna SEMPRE provarci e mai gettare la spugna, ma appunto in questo caso ARIGINARLA e CONFINARLA IN UN RUOLO PRECISO E SE ESCE DALLO STECCATO paga pegno, sia l'unica.
Purtroppo con alcune persone vale solo la CONTENZIONE (mentale ovviamente, lungi da me la contenzione fisicaaa!!! :occhiodibue: )
Ma tesorina, tanto per contestualizzare, che infanzia ha avuto sta poraccia?! se fossi nei tuoi panni la detesterei, ma da fuori mi fa molta pena..nn dev'essere bello essere cosi...se se ne rende conto poi...frustrante!
Tuo marito non la odia, nel senso che non può odiarla e basta! probabilmente ha un sentimento contrastante che lo manda in tilt. ovvio quello che viene fuori è solo la parte che la detesta, ma è impossibile per un figlio odiare veramente i genitori. E' una roba piu forte di noi...
E poi occhio, che i mostri piu brutti ed inconsci coi figli possono uscire (piu coscienza si ha di quel che si è passato, meno rischio c'è)
Scusa Lenni, he!? faccio l'educatrice, parlo senza personalismi ma solo cercando l'occhio critico esterno.
Riassumendo :
NON PUOI FARLA FUORI COMPLETAMENTE, VIVRESTE MALISSIMO.
MA SE LEI VUOL PARTECIPARE LE REGOLE LE FATE VOI.
DEVE IMPARARE A RISPETTARLE E A STARE AL SUO POSTO.
VOI DOVETE ESSERE SUPER FERMI IN QUESTO.
NON AVER PAURA LA VOSTRA INTELLIGENZA AVRA' LA MEGLIO.

:ok:


Avatar utente
Agnese G. Pupa
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2014
Iscritto il: mar mar 29, 2011 1:03 am

Messaggio da Agnese G. Pupa »

NESSUNA LETTERA!
LE PERSONE COSI' VANNO CORAGGIOSAMENTE AFFRONTATE IN FACCIA...
IL BIMBO E' VOSTRO E LEI FARA' SOLO QUELLO CHE VOI VORRETE. DEVE SENTIRSELO DIRE SPESSO E CHIARAMENTE, DA ENTRAMBE!!!! anche con molta serenità.
SE NN LE PIACE, DITELE "che a voi nn serve una nonna rompicoglioni" (usare altro aggettivo ovviametne!!!) quindi, prendere o lasciare.
DESTABILIZZATELA !!! ma siate RISOLUTI!!!
secondo me una bella terapia d'urto la potrebbe far rilassare...vive d'ansie da prestazione... PORACCIA... :arg: :pinocchio: :testata:
Avatar utente
lenni
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2477
Iscritto il: ven gen 28, 2011 4:29 pm

Messaggio da lenni »

andrea è legato a sua mamma per esigenza, non per affetto... è stato appurato anche dagli psicologi...
lui non ne sente la mancanza, non gli interessa renderla partecipe, non la considera, non le parla mai, ma non ha problemi a dire che gli fa comodo il suo aiuto, o meglio lei si impone per far qualcosa per lui e lui dopo un pò si stressa di averla in officina che lo rincorre e lo fissa e allora le da due commissioni e lei è a posto... ma non la tiene mai in considerazione, cosa che invece fa con suo papà.

lei è stata cresciuta nello stesso modo da sua mamma..infatti io so che lei lo fa a fin di bene... ma dico, se ti rendi conto che tua mamma ti opprimeva, se sai che è sbagliato e lo dici... perchè poi continui a comportarti male pur ammettendo che sai che ti comporti così anche te?
Avatar utente
Agnese G. Pupa
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2014
Iscritto il: mar mar 29, 2011 1:03 am

Messaggio da Agnese G. Pupa »

tesoro, credimi non è così facile uscire dalla "coazione a ripetere"....
mi si è svegliato il Pupo...mi spiegherò meglio poi... :bacio:
Avatar utente
lenni
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2477
Iscritto il: ven gen 28, 2011 4:29 pm

Messaggio da lenni »

un'altra cosa che mi preoccupa sono i continui scontri tra giorgio e fulvia, i miai suoceri appunto...

quando siamo li a cena, rare volte, si cerca di parlare e loro due non fanno altro che sormontare le loro voci per prendere possesso di parola e scrediatare l'altro, solitamente è lei che inizia perchè non sopporta che giorgio ogni tanto sia scherzoso e faccia qualche benevola battuta, perchè bisogna essere seri mentre si parla... alla fine ci sono loro che litigano ed andrea ed io che ci guardiamo aspettando di andare via...

io preferirei che i bimbi non vedessero i genitori litigare di front a lui, nel limite del possibile... e se evitassero anche i nonni di farsi i dispetti sarebbe meglio...
Avatar utente
lenni
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2477
Iscritto il: ven gen 28, 2011 4:29 pm

Messaggio da lenni »

immagino che non sia semplice ma se la aiutiamo, se le stiamo vicini e con calma le spieghiaod i volta in volta che esagera dovrebbe almeno capire... lei si offende... che si fotta! dopo un pò basta anche un santo si smarona!
Avatar utente
Agnese G. Pupa
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2014
Iscritto il: mar mar 29, 2011 1:03 am

Messaggio da Agnese G. Pupa »

"Nella coazione a ripetere le pulsioni che operano però sembrano essere in contrasto con il principio di piacere, poichè esse portano dolore e disagio all’individuo, che sembra subire passivamente un "meccanismo" che non riesce ad interrompere"

è molto piu difficile di quel che sembra. cmq se lui nn la considera, nn le vuole bene etc.etc. di che ti preoccupi!??! l'avete già sistemata, no!??! :frusta:
Avatar utente
Linda Eva
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2985
Iscritto il: dom gen 09, 2011 5:46 pm

Messaggio da Linda Eva »

Agnese G. Pupa ha scritto: sappia di sbagliare ma nn riesce proprio a farne a meno.
Ma certo, ma a volte dal di dentro è difficile (anche per la mente più onesta con se stessa, figuriamovi una di questo stampo!) trovare le chiavi giuste per modificare qualcosa.

Il contenimento o contenzione secondo me sono la prima difesa ovvia che dovrà mettere in atto la nuova famiglia lenni!!! (paletti, regole, distanza: patti chiari e fermi!!!!)

Poi sperare (seppur vagamente) in una sua presa di coscienza che lo renda anche a lei per lo meno un po' più facile da accettare e la mia preoccupazione in questo momento non è tanto per questa donna, ma per lenni e andrea: sicuramente vederla assorbire più serenamente una presa di posizione giusta, ma dura e bellicosa come la loro, renderebbe la cosa meno difficile per loro da sostenere!

Io, per es., i ricatti (impliciti) economici o morali di mia madre li ho sempre rifiutati, non sono stata mai al suo gioco e ho tenuto duro, alla fine si sono mostrati fuffa, per fortuna, quindi vi consiglio di non farvi troppi problemi se dipendete da "lei" per lavoro, siate fermi e mettete regole, la lite si può scongiurare in questo modo: paletti e orecchie (vostre) da mercante!

Poi quualcuno aveva proposto di provare a rovesciare la situzione: se fossi tu a volerti imporre a lei, per qualcosa di altrettanto importante come l'educazione di un suo neonato, come pensi che reagirebbe??
penso proprio che non ti lascerebbe tanto spazio, no? Il come lo puoi immaginare meglio tu che la conosci.
Regolati su quello, di certo il suo linguuaggio lo saprà interpretare bene, e vedrai che non sbaglierai di molto!!!!
Rispondi