Come gestire la diversità?

Il luogo del pensiero, dell'approfondimento, della discussione; società, politica, religione e tanto altro su cui riflettere, un occhio critico sul mondo che ci circonda.
Avatar utente
la eli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5046
Iscritto il: lun set 28, 2009 12:03 pm
Contatta:

Come gestire la diversità?

Messaggio da la eli »

Vi spiego cosa intendo e il fatto che ha scatenato la riflessione.

Sabato mattina io e i pargoli siamo andati a far incetta di calzini corti e canottiere in un negozio di intimo di un centro commerciale della zona.

In questo centro commerciale, uno dei commessi è un transgender.
Viso imberbe, truccato con mascara, matita e gloss, unghie lunghe di resina.
Aspetto e voce decisamente da uomo comunque.

Mentre eravamo alla cassa, Tommy lo ha guardato stranito e riflessivo.
Linda ha cominciato a chiamarlo "Dada! Ciao!" e il commesso ha ovviamente risposto. E Tommy ha commentato verso Linda "Non è una dada, non vedi che è un dado!"

Usciti dal negozio, Tommy ha cominciato a chiedere perché quel ragazzo fosse truccato e con le unghie lunghe.
Gli ho spiegato che a volte alcune persone non si sentono bene così come sono e vorrebbero cambiare.
La spiegazione non l'ha convinto.

Come gestire la cosa quando mi chiederà approfondimenti? Perché lo farà, lo conosco!


Avatar utente
Lupina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5906
Iscritto il: mer mar 19, 2008 10:45 pm
Contatta:

Messaggio da Lupina »

Oh my god.

Anche a noi è capitato, Jacopo però ha fatto prima: ha chiesto direttamente a lui/lei.
Il soggetto si è mostrato molto divertito.

Che figura, però.
Avatar utente
la eli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5046
Iscritto il: lun set 28, 2009 12:03 pm
Contatta:

Messaggio da la eli »

Lupina ha scritto:Oh my god.

Anche a noi è capitato, Jacopo però ha fatto prima: ha chiesto direttamente a lui/lei.
Il soggetto si è mostrato molto divertito.

Che figura, però.

:ahahaha:
asolina

Messaggio da asolina »

hahahaha, mi piace un sacco la genuinità dei bimbi.
ok, le figure di cacca pensiamo di farle ugualmente, ma non è così!
chi sta di fronte a noi se ha testa lo capisce.
niente, hai spiegato tutto bene, a me fino ad ora non è mai capitato che mi chiedessero nulla. lo abbiamo fatto sempre entrare nella normalità.
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

Credo che istintivamente avrei risposto che come ci sono tante donne che amano vestirsi con abiti prettamente maschili ci sono anche alcuni uomini che invece desiderano vestirsi in modo femminile.
Solo che per le donne è considerato normale per l'uomo meno quindi di solito lo fa solo chi ha magari avrebbe preferito nascere donna.

Vista l'età mi pare la spiegazione più semplice.
Avatar utente
Mirko e i furetti
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1622
Iscritto il: sab dic 08, 2007 11:51 pm

Messaggio da Mirko e i furetti »

prendendo atto della diversità.
non c'è niente di più offensivo per un "diverso" di essere trattato come un "normale" da una persona che si vede benissimo che lo considera "diverso" ma nasconde la diversità per imbarazzo.

un grasso è una persona che è anche grassa.
uno sulla sedia a rotelle è una persona che è anche sulla sedia a rotelle.
un transgender è una persona che è anche transgender.
un nero è una persona che è anche nera.

ma rimane una persona.
la diversità è UNA delle sue mille sfaccettature.

i bambini hanno il diritto di stupirsi di fronte alla diversità, poi siamo noi che spesso sbagliamo e li costringiamo a "fare finta di niente", sostituendo la malizia allo stupore.

saluti diversi
Mirko
Avatar utente
la eli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5046
Iscritto il: lun set 28, 2009 12:03 pm
Contatta:

Messaggio da la eli »

Mirko e i furetti ha scritto:prendendo atto della diversità.
non c'è niente di più offensivo per un "diverso" di essere trattato come un "normale" da una persona che si vede benissimo che lo considera "diverso" ma nasconde la diversità per imbarazzo.

un grasso è una persona che è anche grassa.
uno sulla sedia a rotelle è una persona che è anche sulla sedia a rotelle.
un transgender è una persona che è anche transgender.
un nero è una persona che è anche nera.

ma rimane una persona.
la diversità è UNA delle sue mille sfaccettature.

i bambini hanno il diritto di stupirsi di fronte alla diversità, poi siamo noi che spesso sbagliamo e li costringiamo a "fare finta di niente", sostituendo la malizia allo stupore.

saluti diversi
Mirko
Sono d'accordo Mirko.
Infatti credo che la spiegazione che gli ho dato rientri in quello che hai scritto tu.


Però non so come gestire l'approfondimento senza scendere in dettagli sull'identità di genere e le problematiche correlate.
Perchè, ripeto, lui al momento sta riflettendo, poi chiederà perché e per-come.

Alle spiegazioni sull'omosessualità ci siamo già arrivati da tempo, ma nel caso dei transgender non saprei proprio come e cosa spiegare.
Avatar utente
la eli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5046
Iscritto il: lun set 28, 2009 12:03 pm
Contatta:

Messaggio da la eli »

lenina ha scritto:Credo che istintivamente avrei risposto che come ci sono tante donne che amano vestirsi con abiti prettamente maschili ci sono anche alcuni uomini che invece desiderano vestirsi in modo femminile.
Solo che per le donne è considerato normale per l'uomo meno quindi di solito lo fa solo chi ha magari avrebbe preferito nascere donna.

Vista l'età mi pare la spiegazione più semplice.
Il senso della risposta che gli ho dato sabato è questo più o meno
Rispondi