Epidurale sì, epidurale no?

...linee, punti, sfere, in essere e in divenire
Smilla

Messaggio da Smilla »

Non ho letto tutto:

io ho fatto le pratiche per la partoanalgesia sia per Edo e le sto facendo anche ora per questa gravidanza.

Il mio primo parto è stato veloce e non c'è stato bisogno dell'epidurale, molto probabilmente anche questo secondo parto sarà così, ma le pratiche per la partoanalgesia appunto le ho fatte perchè non si sa mai come andrà questo parto e quindi mi tengo dalla parte del sicuro.
(in quanto nell'ospedale dove partorirò se non hai fatto le pratiche prima, nessuno ti fa l'epidurale)


MariannaMJ

Messaggio da MariannaMJ »

Sere83 ha scritto:Al corso pre parto ci aveva parlato l'anestesista, io ero terrorizzata dall'analgesia, ci dissero che l'unico effetto collaterale era un forte mal di testa se fosse stato messo male l'ago.
questo è vero, molto dipende dalla mano e dall'esperienza dell'anestesista.
considera che nell'opsedale dove ho partorito io hanno avuto (ti parlo dei dati fino al 2008) 3 casi in quasi 30 anni di epidurale.
MariannaMJ

Messaggio da MariannaMJ »

Smilla ha scritto:(in quanto nell'ospedale dove partorirò se non hai fatto le pratiche prima, nessuno ti fa l'epidurale)
credo sia un pò ovunque così, per il contenimento dei costi.
almeno dove ho partorito io la pratica consisteva nella visita dall'anestesista che spiegava il tutto (come avviene e controindicazioni, con prescrizione dell'ECG) ed era possibile farla solo in intramoenia alla modica cifra di 140 euro :cisssss:
Avatar utente
emamè
Utente
Utente
Messaggi: 4499
Iscritto il: ven set 17, 2010 11:17 pm

Messaggio da emamè »

eccomi fresca fresca di esperienza:

avevo aperto anche io un post simile, magari te lo linko che può esserti utile;

http://www.noimamme.it/forum/showthread.php?t=112513

ho fatto tutte le pratiche per l'epidurale, quando sono arrivata in ospedale ero già di 5cm e la dottoressa mi dice: "io la vedo bene, al momento non farei l'epidurale" e io spavalda: " ma si procediamo nature!"

il problema è che dopo 5-6 ore ero sempre di 5cm e quindi per evitare il cesareo via di ossitocina, a quel punto però ho chiesto l'epidurale (eh oh! se deve esser medicalizzato che lo sia nel migliore dei modi)

bhè devo dire che la differenza c'è, il dolore c'è ma è molto meno intenso, più gestibile, quindi io la consiglio assolutamente!
tanto più che l'anestesista era un figo e pure bravissimo, non ho sentito nulla nonostante la mia fobia degli aghi!

poi alla fine ho dovuto comunque fare il cesareo, ma il bello è che hanno usato il catetere dell'epidurale sparandoci dentro il bolo di anestesia, così pure in questo è stata utile!

fai le carte e poi deciderai!
:bacio:
robyjk

Messaggio da robyjk »

ciao!
ti racconto lamia esperienza..

parto indotto a 37 settimane quindi collo dell'utero del tutto impèreparato...
24 ore di induzione (col gel) di cui un 6-7 ore di dolori fortissimi, però ora che ho chiesto l'epidurale e che me l han fatta ero di 8 cm e ho iniziato a spingere..

mi ha spiegato lìanestesista che esistono due modi x farla..

uno è quello che toglie solo il dolore delle contrazioni, tutto il resto lo senti (spinte e dolori vaginali ecc)

l'altra è più forte e toglie tutto.

io ho fatto il primo tipo, è vero è stata "inutile" dato che mi son sparata il tarvaglio senza..

però mi ha permesso da fare un parto (periodo espulsivo) stupendo, davvero, magnifico..
in 3 spinte è nata, seguivo con calma ciò che diceva l'ostetrica xchè avevo il dolore delle spinte, ma paragonatro alle ore di travaglio era una passeggiata..

sentivo appunto le spinte e spingevo quando serviva.. ho partorito chiaccherando con lì'ostetrica e ridendo!!!


detto questo, se quando l ho fatta avessi saputo che mancava cosìpoco, forse col senno di poi avrei evitato..

non ho paura dei "contro" dell'epidurale, sono infermiera e conosco bene la manovra, nelmio reparto la fanno ogni giorno a moltissimi bambini,mai mai mai visto un problema..

semplicemente ho il dubbio cheil farmaco abbia reso sara un pelo soporosa,e questo ha compromesso l'avvio dell'allattamento..
son supposzioni (confermate da un'ostetrica>) quindi prendile come tali...
e poi il cateterino da tenere 24 ore a me ha dato un fastidio enorme...

ciò non toglie che se dovessi rifare un parto indotto, e la dilatazione fosse così lenta, la richiederei..

ma se posso, provo senza!
Smilla

Messaggio da Smilla »

]
MariannaMJ ha scritto:credo sia un pò ovunque così, per il contenimento dei costi.
almeno dove ho partorito io la pratica consisteva nella visita dall'anestesista che spiegava il tutto (come avviene e controindicazioni, con prescrizione dell'ECG) ed era possibile farla solo in intramoenia alla modica cifra di 140 euro :cisssss:
qui a Ravenna tutta la procedura è gratuita ma bisogna farla prima, domani ho gli esami del sangue e l'elettrocardiogramma e la settimana prossima il colloquio con l'anestesista.
Avatar utente
emamè
Utente
Utente
Messaggi: 4499
Iscritto il: ven set 17, 2010 11:17 pm

Messaggio da emamè »

Smilla ha scritto:]



qui a Ravenna tutta la procedura è gratuita ma bisogna farla prima, domani ho gli esami del sangue e l'elettrocardiogramma e la settimana prossima il colloquio con l'anestesista.
anche a bg tutto gratuito ma per legge va firmato il consenso prima;
a detta dell'anestesista con cui ho fatto il colloquio io il motivo è che in travaglio non si è considearate legalmente in grado di intendere e di volere, o meglio, ci si potrebbe appellare a questo in caso qualcosa vada storto, quindi l'ospedale si tutela.
Avatar utente
Pandina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5640
Iscritto il: mer feb 14, 2007 6:25 pm
Contatta:

Messaggio da Pandina »

Ti racconto la mia esperienza.

Primo parto, travaglio lunghissimo.
Dolori lancinanti già dalle prime contrazioni. Fortissime. Insopportabili.
Ma faticavo a dilatarmi.
Dopo 20 ore così ero stremata.

Decidono di mettermi ossitocina in vena per accelerare.
Io che già vedevo le stelle e mi sentivo ad un passo dalla morte, con l'ossitocina ho SPERATO che mi dicessero "signora, procediamo con un cesareo".
Giuro. Pensavo solo "tiratemela fuori, fate quello che volete, non ce la faccio più".

Alla bambina non pensavo più. Non c'erano pensieri per lei.
Volevo solo che tutto quel dolore infinito terminasse.
Non ero più partecipe del mio parto.
C'era solo questo dolore, immenso. Solo dolore. NOn c'era spazio per nessun altro pensiero, nessun'altra sensazione.

Quando ormai hanno capito che in quelle condizioni non potevo collaborare hanno chiamato l'anestesista.
Epidurale.

Quella è stata la svolta.
Le contrazioni c'erano.
Il dolore anche. Forte. Fortissimo.
Ma era più sopportabile. Riuscivo a respirare, ero più cosciente.
Grazie all'epidurale sono riuscita a riprendere fiato, a tornare presente ed essere finalmente attiva e partecipe al mio parto.
Ho potuto sentire benissimo le contrazioni e spingere quando serviva.
Inoltre rilassandomi un pochino la dilatazione è finalmente avanzata fino ai 10 cm (alla fine sono state 24 ore di travaglio).

L'epidurale è stata fondamentale nel mio caso.

Al secondo e terzo parto si è deciso preventivamente di non aspettare troppo tempo visti i miei problemi a dilatarmi e quindi ossitocina+epidurale una volta raggiunti i 4 cm.
Sempre trovata benissimo.
Rispondi