Galattogoghi

Avatar utente
Alessia
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2920
Iscritto il: ven feb 05, 2010 11:35 am

Messaggio da Alessia »

io ho usato il domperidone perché mio figlio si rifiutava di ciucciare a causa del reflusso e rischiavo di compromettere la produzione.
non ho avuto grosse remore a prenderlo, visto che anche del primo figlio un pediatra me lo consigliò per lui proprio a causa del reflusso (quello che passa nel latte materno è nulla a confronto di quello che prenderebbe direttamente per il reflusso).
mi sono trovata bene, ma non c'è motivo di usare galattogoghi se non ci sono problemi.
io ogni volta che avevo il dubbio di avere meno latte per qualche giorno attaccavo il bimbo qualche volta in più e tutto si sistemava


Avatar utente
ziska
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1234
Iscritto il: ven apr 09, 2010 2:20 pm

Messaggio da ziska »

Hyla ha scritto: Io credo che questi preparati ( che siano tisane, bustine, pastiglie) servano SOLO a far perdere la fiducia della mamma NEL RIUSCIRE AD ALLATTARE da sola. Nella mente scatta il meccanismo del: devo prendere qualcosa per allattare perchè senza aiuti non ce la farei. Non è così ed è deleterio
Quoto questo perchè è quello che è successo a me, per mia ignoranza e per cattivi consigli... mia suocera insisteva che bevessi birra... ho usato il lactogal ed andavo in paranoia se stava per finire e non ne trovavo in farmacia, ho usato pastiglie fatte di erbe varie (tra qui il fieno greco) e tisane...
il risultato?
Ho smesso di allattare mio figlio ai tre mesi e comunque ho fatto fatica ad allattarlo anche prima, grazie al consiglio del pediatra di dargli l'aggiunta di LA.
saraglam
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 38
Iscritto il: gio mar 31, 2011 4:30 pm

Messaggio da saraglam »

eccomi qui... concordo sulla questione intrugli: le mamme che non hanno latte sono facile preda dei pirati delle erbe, che non ne sanno una mazza e x loro vendere quelle o calzini è uguale. :frusta:
infatti, da mammina alle prime armi e superansiosa ho rotto le aplle a tutti (pediatra, gine, farmacista erborista guru) prima di decidermi a prendere qlcosa. alla fine mi son convinta del piùlatte solo xè mi han spiegato che ci sono principi attivi stabiliti, cioé: c'è quella dose lì xè si è stabilito (scientificamente) che con quella funziona e son tutti d'accordo.
sulle tisane, il problema è un altro: come fai a sapere quanto ce n'è dentro?!
non tutti ti spiegano che, che ne so, se è il fiore che funziona allora devi prendere quello - poi xò vai dal pirata erbetto furbetto e nelle ramaglie che ti da' di fiore ce n'è 2 ogni 100gr... come tutte le cose, bisogna usarle in modo giusto ma, soprattutto, avere il **** di trovare qlcuno che alemno ti informa un minimo
...e cmq, alla fine non è detto lo stesso che funzioni! quindi boh.

...ma la birra non serviva solo a far venire le tette più grandi?!
Rispondi