matteo e il primo sonno

Per parlare dei più piccoli, da 0 a 5 anni
betty matteo
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3008
Iscritto il: gio ago 21, 2008 3:57 pm

matteo e il primo sonno

Messaggio da betty matteo »

allora matteo la sera dorme presto perche il pomeriggio nn dorme piu' e la mattina alle 8 lo alzo.

alle 9 e 30 dorme e da un venti giorni buoni verso le 23 mezzanotte si mette ad urlare, a occhi chiusi tira calci pugni chiama forte mamma papa bisogna essere in due a tenerlo fermo sembra davvero agitatissimo poi dopo 5 minti di urla e botte si calma e dorme

tutto questo lo fa ad occhi chiusi e digrignando i denti

la mattina vuoto nn ricorda nulla...

ditemi cosa e' che il marito vuole portarlo a fare esami test e visite varie....



Avatar utente
Vale80
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 608
Iscritto il: mar lug 29, 2008 6:10 pm

Messaggio da Vale80 »

Se non sbaglio ho incrociato qui un paio di post che parlano di "pavor notturno"...

Avatar utente
ziaco
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3228
Iscritto il: mer set 16, 2009 10:53 am

Messaggio da ziaco »

Brutti sogni????

Mica vede cartoni brutti tipo ben ten gormiti ecc ecc?

betty matteo
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3008
Iscritto il: gio ago 21, 2008 3:57 pm

Messaggio da betty matteo »

Vale80 ha scritto:Se non sbaglio ho incrociato qui un paio di post che parlano di "pavor notturno"...
e quindi di cosa si tratta?

betty matteo
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3008
Iscritto il: gio ago 21, 2008 3:57 pm

Messaggio da betty matteo »

ziaco ha scritto:Brutti sogni????

Mica vede cartoni brutti tipo ben ten gormiti ecc ecc?
pero' se fa gli incubi al mattino si ricorda e poi mi sembra strano tutte le sere

Avatar utente
Vale80
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 608
Iscritto il: mar lug 29, 2008 6:10 pm

Messaggio da Vale80 »

betty matteo ha scritto:e quindi di cosa si tratta?
Scusa Betty, non riesco a mettere il link della discussione, per farla breve e imprecisa, una sorta di sonnambulismo che non ha conseguenze se non quella di terrorizzare i genitori!
Aspetta però consigli più esperti, a me è venuto subito in mente questo perchè ero rimasta molto colpita dal racconto di Elisa

Copio da Wikipedia:

pavor nocturnus (in italiano terrore notturno) o terrore nel sonno è un disturbo del sonno che colpisce generalmente i bambini in età prescolare: inizia a manifestarsi intorno ai 2-4 anni e può continuare fino agli 11-12 anni. Più raramente, può colpire l'individuo adulto, in casi di particolare stress psico-emotivo.

Il pavor nocturnus rientra nel gruppo delle parasonnie, insieme al sonnambulismo e alle illusioni ipnagogiche.

Indice [nascondi]
1 Sintomi
2 Cause
3 Rimedi
4 Collegamenti esterni

Sintomi[modifica]L'attacco di pavor nocturnus avviene durante il sonno, in maniera improvvisa ed inaspettata. Nella prima metà della notte, il bambino si solleva dal letto. Piange ed urla in maniera esagerata e non sembra reagire a nessun richiamo dei genitori. Di solito ha gli occhi sbarrati ma non vede chi ha di fronte. Altre volte, può restare con gli occhi chiusi. Se si tenta di "consolarlo", invece di calmarsi reagisce con maggior terrore.

Spesso, il bambino presenta sudorazione eccessiva, tachicardia e rigidità muscolare durante tutta la durata dell'attacco che può durare da pochi minuti ad oltre mezz'ora. Dopo la crisi, il bambino si rilassa e riprende a dormire.

Non è un incubo ed è molto diverso dal sonnambulismo: è una vera e propria crisi di terrore che si verifica nelle fasi 3 e 4 del sonno NREM (non-REM). Il bambino, anche se sembra sveglio, in realtà non lo è e per questo non reagisce agli stimoli ambientali. A volte esso può essere la conseguenza diretta di un incubo particolarmente spaventoso, ma nella maggior parte dei casi, il bambino non ricorda nessun incubo. Ricorda solo il terrore paralizzante. Spesso, la mattina dopo non c'è più memoria dell'accaduto.

Cause[modifica]Le cause possono essere svariate: stimolazioni sonore o luminose durante il sonno, stress, distensione vescicale, ipertrofia adenoidea - vegetazioni adenoidee, fisiologiche (febbre, deficit di sali minerali - a causa del caldo ed eccessiva sudorazione), o genetiche. Sembra essere tipico di chi ha vissuto anche per pochi giorni di vita esperienze di "istituzionalizzazione" spiacevoli o traumatiche, ad esempio in collegio, orfanotrofio, carcere, etc.

Nella maggioranza dei casi, però, le cause restano sconosciute

Rimedi[modifica]Se il disturbo si presenta occasionalmente, non è necessario alcun tipo di intervento medico. I genitori devono evitare di toccare o prendere in braccio il bambino (infatti non farebbero altro che aumentarne il terrore). Spesso, parlare dolcemente al piccolo lo aiuta a calmarsi ed a tornare, lentamente, a dormire.

Risvegliare bruscamente il bambino è sconsigliato: potrebbero insorgere complicazioni psicologiche momentanee che lo porterebbero ad una vera e propria "crisi di panico cosciente", se non addirittura al blocco respiratorio o all'arresto cardiaco

thupeda
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 66
Iscritto il: dom mar 20, 2011 6:27 pm

Messaggio da thupeda »

Potrebbe trattarsi di una fobia notturna.
Ecco cosa dice a tal proposito Eduard Estivill nel suo libro "Fate la nanna" (non scagliate le pietre, credo che sui problemi del sonno se ne intenda, anche se i suoi consigli sono troppo duri e troppo incentrati sui bisogni dei genitori):
Si verificano nella prima metà della note, associate al sonno più profondo, e hanno la caratteristica di destare bruscamente il piccolo, che cominci a urlare quasi fosse in preda ad atroci sofferenze. Quando i genitori corrono in suo aiuto si trovano dinanzi un bambino pallido, che suda freddo, terrorizzato e incapace di riprendere contatto con la realtà. Qualunque cosa dicano lui non li riconoscerà e, se la mamma e il papà sono a digiuno sull'argomento delle fobie notturne, credono che stia per morire.
E invece non succede nulla: il bambino non reagisce e non ha la minima coscienza di ciò che succede perché è profondamente addormentato.
Questo 'orrore' dura tra i due e i dieci minuti; se vi capita di assistervi non cercate di svegliare vostro figlio, impresa quasi impossibile tanto profondamente è addormentato. Se poi vi riuscisse non fareste che peggiorare le cose. Al contrario di quanto accade con gli incubi, il giorno dopo non ricorderà niente.
Che fare? Restategli accanto per vigilare che non cada dal letto, e nient'altro. Bisogna solo aspettare che gli passi, cercando di mantenere la calma. Così come gli incubi, le fobie notturne compaiono intorno ai due-tre anni e spariscono spontaneamente con l'inizio dell'adolescenza.

betty matteo
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3008
Iscritto il: gio ago 21, 2008 3:57 pm

Messaggio da betty matteo »

quindi nn devo fare piu' di quello che sto facendo anzi ora noi cerchiamo di tenerlo fermo e nn dovremmo farlo...dite di parlarne al pediatra???oddio che paura addirittura se svagliato pu' provacare crisi respiratorie o arresto cardiaco!!!

Rispondi