Dermatite atopica

Per parlare dei più piccoli, da 0 a 5 anni
Avatar utente
cica
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 934
Iscritto il: dom giu 13, 2010 9:39 pm

Messaggio da cica »

mammamatty ha scritto:Eccoci, è venuta anche a Matty, io sinceramente inizio ad informarmio adesso perchè non ne aveva mai sofferto. Da questo pomm. si gratta molto la fronte, c'è qualcosa che si può mettere per alleviare il fastidio?


ma sei sicura che è dermatite atopica?



Avatar utente
mammamatty
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1600
Iscritto il: dom nov 30, 2008 9:56 pm

Messaggio da mammamatty »

cica ha scritto:ma sei sicura che è dermatite atopica?
Si . L'ho portato all'ospedale per un controllo post dimissione ,gli ho fatto vedere queste macchie(che pensavo fossero una reazione ai farmaci) e la dott. mi ha detto che era dermatite atopica. ero però talmente presa dal motivo della visita che mi sono scordata di farmi consigliare sulla dermatite.

Avatar utente
cica
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 934
Iscritto il: dom giu 13, 2010 9:39 pm

Messaggio da cica »

mammamatty ha scritto:Si . L'ho portato all'ospedale per un controllo post dimissione ,gli ho fatto vedere queste macchie(che pensavo fossero una reazione ai farmaci) e la dott. mi ha detto che era dermatite atopica. ero però talmente presa dal motivo della visita che mi sono scordata di farmi consigliare sulla dermatite.


a parte tutti i consigli che hai già letto si applicano creme idratanti specifiche, noi ad esempio usiamo cetaphil.

solo se ls situazione diventa insostenibile facciamo un ciclo di cremina al cortisone (lo abbiamo fatto tre volte in due anni), ma è meglio ovviamente farlo meno frequentamente possibile.

ovviamente unghie sempre corte e possibilmente pulite.

MariannaMJ

Messaggio da MariannaMJ »

Cabopino ha scritto:marianna,
allora tu puoi capirmi... anche io la vivo come una battaglia...
mi sono messa a dieta pure io eliminando gli alimenti che contengono istamina e quelli che risultano darle fastidio...
non so + che fare... forse come dici anche tu devo accettare che guarirà col tempo... ma tu come hai risolto il problema sonno?
adesso è più facile perchè parla, quindi ben prima che arrivi la botta di chiazze&piaghe mi dice "mamma mi prude" "mamma mi fa male la pelle", e magari a vederla non ha ancora niente. quindi almeno per il prurito riesco ad anticiparle l'antistaminico e quando le "fa male" passo alle creme barriera e idratanti (in condizioni normali uso Weleda alla calendula, quando sta male cambio).
non dorme ancora :ghgh: però almeno i risvegli per il prurito li gestiamo con l'antistaminico. adesso si sveglia semplicemente per venire nel lettone o farsi una chiaccherata :grsm:

purtroppo le d.a. non sono tutte uguali ed ogni bimbo è a se. su tanti fronti noi siamo migliorati, su altri no. quindi sì crescendo si migliora, ma non per tutti è così.

l'unica cosa che ti consiglio è di smettere di cercare una causa a tutti i costi. ovvio che se ti accorgi che qualcosa le fa male te la segni e te ne accerti. ma atopia non è sinonimo di allergia.
è molto meglio cercare di capire fase per fase come sta la pelle e cercare di gestire al meglio i periodi critici.
un abbraccio

MariannaMJ

Messaggio da MariannaMJ »

elly stellina ha scritto:non sono d'accordo sul lavarli poco! mia figlia ha avuto la dermatite atopica per i primi 10 mesi di vita e io le ho sempre fatto il bagnetto tutti i giorni, come ora! però usavo solo il detergente dell'ADERMA per pelli atopiche e dopo il bagno crema della stessa marca sempre per pelli atopiche.
Secondo me quando la pelle è molto secca tende a spaccarsi e fare delle piccole piaghette che possono infettarsi per mancanza di igiene!
Meglio quindi lavare i bambini, anche solo con acqua!
il discorso non è affatto così semplice e gli studi epidemiologici dimostrano esattametne il contrario.
partiamo dal presupposto che essendo la d.a. una malattia congenita lo stato di default è la secchezza cutanea e la difettosità della barriera cutanea. e da qui parte il circolo vizioso: secco+buchi in barriera->perdita d'acqua->ancora+secco->infiammazione.
a questo punto arriva un batterio qualunquissimo, che sta sulla pelle di tutti ma in particolare alberga su quella degli atopici: lo staffilocco aureo.
l'infiammazione genera prurito->grattamento->lesioni->infezione, generalmente da s. aureo.
quindi non è che se la lavi di più previeni le infezioni. anzi.
numerose linee guida suggeriscono addirittura l'uso di addolcenti per l'acqua perchè hanno visto che il contatto con acque dure può aggravare la d.a.

ci sono tanti prodotti ad hoc per lavare le pelli atopiche e ce ne sono altrettanti per effettuare un lavaggio SENZA risciacquo.
questo perchè dipende fondamentalmente dalla gravità della d.a.; le dermatiti non sono tutte uguali.

come neanche le acque sono tutte uguali. la balneoterapia termale è ad esempio una valida alternativa terapeutica nella gestione della d.a. ed un efficace supporto alle terapie farmacologiche convenzionali.
ma non tutte le terme sono uguali e neanche la nostra acqua di rubinetto somiglia alle acque termali.
è chiaro

MariannaMJ

Messaggio da MariannaMJ »

elly stellina ha scritto:non sono d'accordo sul lavarli poco! mia figlia ha avuto la dermatite atopica per i primi 10 mesi di vita e io le ho sempre fatto il bagnetto tutti i giorni, come ora! però usavo solo il detergente dell'ADERMA per pelli atopiche e dopo il bagno crema della stessa marca sempre per pelli atopiche.
Secondo me quando la pelle è molto secca tende a spaccarsi e fare delle piccole piaghette che possono infettarsi per mancanza di igiene!
Meglio quindi lavare i bambini, anche solo con acqua!
il discorso non è affatto così semplice e gli studi epidemiologici dimostrano esattametne il contrario.
partiamo dal presupposto che essendo la d.a. una malattia congenita lo stato di default è la secchezza cutanea e la difettosità della barriera cutanea. e da qui parte il circolo vizioso: secco+buchi in barriera->perdita d'acqua->ancora+secco->infiammazione.
a questo punto arriva un batterio qualunquissimo, che sta sulla pelle di tutti ma in particolare alberga su quella degli atopici: lo staffilocco aureo.
l'infiammazione genera prurito->grattamento->lesioni->infezione, generalmente da s. aureo.
quindi non è che se la lavi di più previeni le infezioni. anzi.
numerose linee guida suggeriscono addirittura l'uso di addolcenti per l'acqua perchè hanno visto che il contatto con acque dure può aggravare la d.a.

ci sono tanti prodotti ad hoc per lavare le pelli atopiche e ce ne sono altrettanti per effettuare un lavaggio SENZA risciacquo.
questo perchè dipende fondamentalmente dalla gravità della d.a.; le dermatiti non sono tutte uguali.

come neanche le acque sono tutte uguali. la balneoterapia termale è ad esempio una valida alternativa terapeutica nella gestione della d.a. ed un efficace supporto alle terapie farmacologiche convenzionali.
ma non tutte le terme sono uguali e neanche la nostra acqua di rubinetto somiglia alle acque termali.

Avatar utente
Vale80
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 608
Iscritto il: mar lug 29, 2008 6:10 pm

Messaggio da Vale80 »

Anche per noi è stata una guerra.

Ti hanno già scritto tante mamme e aggiungo quindi solo una cosa che vedo nessuna ha detto: per noi è stato miracoloso un integratore a base di olio di boraggine (DIET B).

Edo adesso ha una pelle perfetta, non credo sia solo merito di questo perchè è stata una lunga battaglia fatta di constanza nell'uso di prodotti specifici anche nei periodi di benessere, ma anche di recente, provando a sospendere le goccine mi sono accorta che qualche patacca riappare.
Vale la pena di provare anche perchè non ha controindicazioni.

Ogni tanto rivedo le foto di Edo a 6 mesi e non ci credo... era veramente conciato malissimo, sicuramente la guarigione è un insieme di fattori, noi non abbiamo avuto riscontri nelle variazioni di alimentazione e in questo senso il reparto di dermatologia del Gaslini che ha un gruppo di lavoro che si occupa solo di dermatite atopica, in effetti esclude qualunque relazione con l'alimentazione.

Sara_S
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 84
Iscritto il: gio feb 17, 2011 1:57 pm
Contatta:

Messaggio da Sara_S »

Anche Tristan ha la dermatite atopica... e fino a due settimane fa era completamente rovinato in faccia e dietro le orecchie, sul collo e su caviglie e polsi - per non parlare poi della testa... :cry:
Poi finalmente (dopo aver cambiato dottore perché il primo era incompetente!) abbiamo fatto il tampone e siamo stati dal dermatologo. Risultato: 2 settimane di antibiotici perché nel frattempo la pelle si era infettata (stafilococco aureus) e almeno un mese e mezzo di crema cortisonica.
Già dopo un solo giorno di cura la situazione era migliorata notevolmente e adesso, dopo appena 2 settimane, la dermatite è sparita quasi del tutto.
Nemmeno qui esiste una cura miracolosa. Sí può tenere a bada con creme grasse e con le dovute precauzioni, tipo evitare la lana a contatto con la pelle e vestiti troppo caldi, tenere la pelle sempre ben idratata e, per quanto riguarda i bagnetti, la dermatologa mi ha detto che effettivamente ci sono 2 scuole di pensiero: la prima tende a lavare la pelle il meno possibile e la seconda a lavarla proprio per evitare le infezioni batteriche. Io sinceramente faccio il bagnetto a Tristan 2 volte alla settimana, ma la testa e le zone in cui gli do la crema cortisonica gliele lavo tutti i giorni. I prodotti che uso sono quelli della A-derma ( è una ditta francese, si dovrebbero trovare anche in Italia). La linea dei prodotti si chiama Exomega e sono perfetti per le pelli soggette ad eczemi e dermatiti. L'olio lo uso per il bagnetto e la saponetta per tutti i giorni, entrambi senza sapone. Da oggi abbiamo abbassato la dose della crema cortisonica (da due ad una volta al giorno) e la mattina lo idrato con la crema grassa della stessa marca - che usavo anche prima del cortisone - cara da morire ma ne vale la pena!!!
Per il resto anche la dermatologa mi ha dato conferma che la dermatite non è collegata ne' all'alimentazione, ne' ad allergie varie... che dire?

Buona guarigione a tutti in ogni caso!!! :abbraccio:

Rispondi