Birth Plan, che ne dite?

...linee, punti, sfere, in essere e in divenire
Avatar utente
ziska
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1234
Iscritto il: ven apr 09, 2010 2:20 pm

Messaggio da ziska »

Brava Marialisa!
La prossima volta che partorirò lo farò anche io!!!


Avatar utente
Saramik
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3682
Iscritto il: lun lug 26, 2010 8:44 am

Messaggio da Saramik »

È una bella cosa, questo Birth Plan....dove ho partorito io non lo avrebbero preso nemmeno in considerazione, ma alla fine mi è andata abbastanza bene....


OT:Marialisa, ma tu sei a 39+2, la vogliamo aprire quest'altra saletta?e pure quella di Chiccha...ma in genere quando si aprono??
Avatar utente
Sheireh
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 17185
Iscritto il: mar feb 26, 2008 4:35 pm

Messaggio da Sheireh »

Saramik ha scritto:OT:Marialisa, ma tu sei a 39+2, la vogliamo aprire quest'altra saletta?e pure quella di Chiccha...ma in genere quando si aprono??
Quando lo decide l'interessata, sarebbe meglio.
Salette anticipate aumentano l'ansia.
Avatar utente
Saramik
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3682
Iscritto il: lun lug 26, 2010 8:44 am

Messaggio da Saramik »

Ah, ok, ila...non sapevo bene come funzionasse...., mi scuso :red:
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

MariannaMJ ha scritto:...certe volte mi rendo conto che l'ospedale dove ho partorito ha quasi una doppia personalità.
nel senso che se dovessi tornare a partorire lì e scrivere il piano nascita, potrei quasi quasi omettere tutti i punti elenco di ostetricia (per loro è prassi non fare certe cose) mentre dovrei allungare l'elenco per le richieste di pediatria.

mi sembra in ogni caso un'ottima idea. non so però immaginarmi la reazione del personale dell'ospedale nel vedersi recapitare il messaggio...
è storia di moltissimi ospedali questa forte differenza fra ostetricia e pediatria
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

Io al primo parto sono arrivata con le idee ma senza averne parlato prima.
Stavolta non ho fatto un vero e proprio piano nascita ma ho elencato le mie richieste agli incontri preparto, se le sono segnate e le hanno rispettate tutte.
Avatar utente
Marialisa
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4574
Iscritto il: mar mag 12, 2009 3:32 pm
Contatta:

Messaggio da Marialisa »

Saramik ha scritto:È una bella cosa, questo Birth Plan....dove ho partorito io non lo avrebbero preso nemmeno in considerazione, ma alla fine mi è andata abbastanza bene....


OT:Marialisa, ma tu sei a 39+2, la vogliamo aprire quest'altra saletta?e pure quella di Chiccha...ma in genere quando si aprono??
visto il precedente parto a 42..... direi non prima delle 41 :cisssss:
Avatar utente
Speranza
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3143
Iscritto il: mer dic 12, 2007 12:09 pm

Messaggio da Speranza »

Marialisa secondo me hai fatto benissimo a fare il tuo piano del parto però una cosa vorrei specificarla:mi dispiace molto dirti questa cosa ma quasi sicuramente non faranno entrare tuo marito in sala operatoria soprattutto in caso di cesareo di urgenza, ma anche di elezione!. Da noi non fanno entrare neanche i mariti medici (che magari lavorano lì in ospedale). Secondo me è anche assurdo chiederlo in effetti e questo lo dico non perchè non desidero che il padre entri a vedere la nascita di un figlio ma perchè questa cosa è una di quelle su cui riflettere molto, perchè stare in una sala operatoria è molto difficile. Pensa che noi tirocinanti ci possiamo andare solo dopo 2 anni di tirocinio in ospedale e solo dopo aver dato 2 esami di chirurgia. Puoi provarci però la vedo davvero durissima. I motivi per cui non lo faranno sono cinque:

1) al momento della nascita di vostro figlio qualcuno dovrebbe stare con lui (te usciresti dalla sala solo molto dopo che tuo figlio è nato) e dall'inizio del cesareo alla nascita passano al massimo 10 minuti poi lui dovrebbe uscire. Nel cesareo non danno il bimbo alla mamma subito come nel parto, spesso lo fanno vedere solo dopo che l'ha vistato il pediatra.

2) le sale operatorie spesso sono piccole e non c'è spazio per tante persone

3) Potrebbe essere una cosa molto traumatizzante per tuo marito, io che sono infermiera e ho visto interventi di tutti i tipi sono stata male quando ho visto quello di mio padre ad un ginocchio, è strano vedere una persona amata sotto i ferri!

4) la cosa più importante e così rispondo anche a Sole: le persone che possono entrare in sala operatoria, che siano altri chirurghi, che siano studenti di medicina, di ostetricica, di infermieristica o altri tirocinanti sono persone che: hanno studiato auel determinato intervento e SANNO STARE in una sala operatoria (cosa niente affatto facile) in sala operatoria lo spazio è poco, ci sono tantissime cose che non si devono assolutamente toccare perchè sterili e non sempre è facile riconoscerle ( e i rischi per la persona operata se vengono toccate queste cose sono davvero tanti!!), le persone stesse che sono in sala in caso di urgenza o intervento difficoltoso vengono fatte uscire tutte tranne quelle strettamente necessarie. Se penso alla nostra sala con un padre dentro mi viene male, è talmente piccolina che una persona non esperta non saprei proprio dove metterla perchè non sia d'intralcio.
Cosa di non minore importanza tutti i tircinanti hanno un'assicurazione specifica perchè in sala operatoria può capitare di tutto!

5) SPesso le sape operatorie per fare i cesarei (a meno che non sia in urgenza) è la stessa che viene usate nell'ospedale anche per altri interventi, nel senso che c'è un'area dell'ospedale usata per tutti gli interventi (ci sono circa 5-6 sale operatorie tutte vicine) quindi tuo marito dovrebbe passare attraverso quest'area dove ci sono altri interventi. Le persone che ci entrano sono solo persone che hanno l'obbligo al segreto professionale o i pazienti stessi che però ci entrano su una barella e non vedono quel che hanno intorno.

L'unica possibilità secondo me è se vai in un grosso ospedale dove hanno il vetro per vedere gli interventi senza entrare in sala, in questo modo lui potrebbe assistere senza essere un rischio per lui e per la persona operata.
Rispondi