Testamento biologico

Il luogo del pensiero, dell'approfondimento, della discussione; società, politica, religione e tanto altro su cui riflettere, un occhio critico sul mondo che ci circonda.
Avatar utente
Mirko e i furetti
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1622
Iscritto il: sab dic 08, 2007 11:51 pm

Testamento biologico

Messaggio da Mirko e i furetti »

se ne parla, secondo me, troppo poco, visto che stanno discutendo un aborto di legge in questo momento.

vi lascio un buon post di metilparaben che fa un po' di informazione sulla cosa, poi se volete se ne discute pure.
Siccome il testamento biologico è tornato di stretta attualità grazie al disegno di legge che è in via di approvazione in questi giorni, e visto che da quella legge potrebbe dipendere il nostro futuro, vale la pena di chiarire una serie di punti sui quali, tanto per cambiare, qualcuno prova sistematicamente a prenderci in giro.
Buone FAQ a tutti.

Nessuno può rinunciare a una terapia indispensabile per la propria sopravvivenza.
Sbagliato. L'articolo 32 della nostra Costituzione stabilisce esattamente il contrario: "Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana".

D'accordo, ma di fatto queste cose non avvengono mai: chi permetterebbe che un essere umano muoia solo perché si rifiuta di curarsi?
Invece accade tutti i giorni. Senza arrivare al classico esempio dei testimoni di geova, che spesso e volentieri ci rimettono le penne perché decidono -legittimamente, se sono maggiorenni- di non sottoporsi alle trasfusioni, succede tutti i giorni che un malato decida di non avvalersi della chemioterapia, di non fare l'emodialisi, di non prendere i farmaci antivirali o quelli contro l'ipertensione, anche se da quelle terapie dipende la sua sopravvivenza; nessuno, per fortuna, può mandare i carabinieri a prenderli a casa per costringerli a curarsi.

Bene, ma se le cose stanno così qual è il problema?
Il problema è che mentre tutti quei malati sono consapevoli, possono muoversi, e quindi sono materialmente in grado di non sottoporsi alle terapie indesiderate, ci sono altri pazienti che non hanno lo stesso privilegio, vuoi perché sono vigili ma immobilizzati (come Welby), vuoi perché sono incoscienti (come Eluana); loro, evidentemente, non sono in grado di mettere in pratica la loro scelta da soli, e per non essere discriminati rispetto agli altri hanno bisogno di due elementi in più: poter mettere preventivamente per iscritto la loro volontà e avere un medico che li aiuti a realizzarla.

Logicamente fila, ma mica si può obbligare un medico a staccare un respiratore o a togliere un sondino nasogastrico, provocando in tal modo la morte di un paziente.
Infatti nessuno lo pretende: quello che si chiede è che qualora un medico si dichiari disponibile, quel medico non possa essere perseguito per omicidio del consenziente o per assistenza al suicidio. C'è una gran bella differenza.

Certo, però nel momento in cui è immobilizzato o incosciente il malato potrebbe aver cambiato la sua scelta rispetto a quanto aveva scritto in precedenza, con il particolare che non può più dirlo.
Affermazione molto discutibile: se il paziente è immobilizzato ma vigile, come Welby, la tecnologia gli mette a disposizione sofisticati strumenti per consentirgli di dire ciò che vuole anche muovendo soltanto un sopracciglio; se invece è incosciente, come Eluana, non si vede in che modo possa elaborare una decisione, che dovrebbe essere per l'appunto una presa di coscienza.

Va bene, però l'alimentazione e l'idratazione artificiali non sono terapie mediche, ma mezzi ordinari necessari alla sopravvivenza di un essere umano: quindi a quelli non si può rinunciare.
Tanto per cominciare, il fatto che la nutrizione artificiale non sia una terapia è molto discutibile: leggete qua cosa bisogna fare per posizionare correttamente un sondino nasogastrico e poi ne riparliamo. Dopodiché, anche ammettendo che non si tratti di terapie, non si vede perché ciò implichi che non vi si possa rinunciare: anche farsi fare la barba non è una terapia, ma sfido chiunque a dire che per questo motivo un malato ricoverato in ospedale abbia l'obbligo di farsi radere.

Tutto giusto, però ci vuole una legge che disciplini queste questioni, altrimenti finisce che la gente fa quello che vuole e si rischiano gli abusi.
Andiamo per ordine: a rigor di logica una legge sul testamento biologico non sarebbe neppure necessaria, perché il diritto di lasciare per iscritto la propria volontà di rinunciare, in futuro, a determinati trattamenti non desiderati si può desumere dai principi costituzionali, anche se evidentemente una legge che lo consentisse e lo disciplinasse in modo esplicito sarebbe utile; la legge attualmente in via di approvazione, invece, non disciplina, ma vieta: proibisce che si possa rinunciare all'alimentazione e all'idratazione artificiali, e lascia al medico, non all'interessato o a una persona da lui designata, l'ultima parola sull'opportunità di proseguire o interrompere le terapie.

Quindi meglio nessuna legge?
Sì, rispetto a questa meglio nessuna legge: a meno che non vogliate, nel malaugurato caso in cui vi capiti qualcosa di brutto, che sia un altro a decidere al vostro posto, o non desideriate che vi nutrano e vi idratino sine die senza alcun riguardo per la vostra effettiva volontà.

Sta di fatto, però, che la vita non è nella nostra disponibilità, perché appartiene a un essere superiore che ce l'ha data: solo lui può togliercela.
A questo punto si tratta di mettersi d'accordo: o continuiamo a ritenere che l'Italia sia un paese laico, il che equivale a dire che i precetti religiosi non possono essere vincolanti per tutti, ma solo per chi li sceglie, oppure la trasformiamo in uno stato teocratico, e allora introduciamo anche la confessione obbligatoria, la messa forzata e il divieto penale dei rapporti sessuali non finalizzati alla procreazione.
Se ve la sentite...
http://metilparaben.blogspot.com/2011/0 ... mmies.html

saluti sordi
Mirko



Avatar utente
Enza 52
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2141
Iscritto il: ven feb 06, 2009 7:32 pm

Messaggio da Enza 52 »

Mirko mi stai plasmando (come dicono dalle mie parti non allazzarti ahahah), quando ho visto la posizione assunta dalla Chiesa nei confronti delle scappatelle di B. e poi ho sentito del testamento biologico, ho pensato che qui qualcuno stava barattando.

beatrix

Messaggio da beatrix »

Chiarissimo.
Grazie, Mirko.

Avatar utente
LauraDani
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2545
Iscritto il: mar set 21, 2010 11:54 am

Messaggio da LauraDani »

io sottoscrivo tutto quanto, senza alcun se o ma

kikkacdc

Messaggio da kikkacdc »

Grazie, in effetti mi sembrava di aver capito che questa legge non tutela affatto la volontà della persona di decidere se proseguire o meno la terapia, anzi.

Avatar utente
LauraDani
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2545
Iscritto il: mar set 21, 2010 11:54 am

Messaggio da LauraDani »

io orripilo al pensiero che qualcuno mi possa costringere a curarmi contro la mia volontà
io credo che la vita sia sacra, ma credo che ogni decisione a riguardo spetti a me e solo a me
anche la decisione di finire all'inferno e dannarmi per aver volontariamente posto fine alla mia esistenza
potranno cercare di convinvermi che sbaglio, è legittimo e forse anche giusto
potranno offrirmi strumenti e modi per valutare un diverso approccio alla cosa
ma decido io cosa fare di me

Mery71
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 17
Iscritto il: dom mar 13, 2011 7:18 pm

Messaggio da Mery71 »

LauraDani ha scritto:io orripilo al pensiero che qualcuno mi possa costringere a curarmi contro la mia volontà
io credo che la vita sia sacra, ma credo che ogni decisione a riguardo spetti a me e solo a me
anche la decisione di finire all'inferno e dannarmi per aver volontariamente posto fine alla mia esistenza
potranno cercare di convinvermi che sbaglio, è legittimo e forse anche giusto
potranno offrirmi strumenti e modi per valutare un diverso approccio alla cosa
ma decido io cosa fare di me
daccordissimo con te,.... ho avuto mamma allettata x sei anni era quasi un vegetale e che cosa orrenda era vederla così..... ne parlo spesso con mio marito...e abbiamo deciso di mettere nero su bianco le nostre volontà

Avatar utente
Mirko e i furetti
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1622
Iscritto il: sab dic 08, 2007 11:51 pm

Messaggio da Mirko e i furetti »

Mery71 ha scritto:daccordissimo con te,.... ho avuto mamma allettata x sei anni era quasi un vegetale e che cosa orrenda era vederla così..... ne parlo spesso con mio marito...e abbiamo deciso di mettere nero su bianco le nostre volontà
però lo sai che con la legge che sta approvando questo governo le vostre volontà scritte nero su bianco non varranno niente, si?

saluti traditi
Mirko

Rispondi