Stasera m'è presa male....

Il luogo del pensiero, dell'approfondimento, della discussione; società, politica, religione e tanto altro su cui riflettere, un occhio critico sul mondo che ci circonda.
Avatar utente
Saramik
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3682
Iscritto il: lun lug 26, 2010 8:44 am

Messaggio da Saramik »

vinziana ha scritto:ti abbraccio sara. non è facile parlare con chi difficilmente esterna i propri sentimenti, ti capisco per questo.
Grazie Vinziana, merito della sua mamma, che non è per niente baci e abbracci, anzi.... Però è migliorato molto da quando ci siamo sposati.... :clap:



Avatar utente
Linda Eva
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2985
Iscritto il: dom gen 09, 2011 5:46 pm

Messaggio da Linda Eva »

Sara, mi dispiace sentirti così giù..............
Vorrei poterti essere più di aiuto, ma al massimo posso "ascoltarti" e dirti che ti sono vicina.

Però posso dirti che, come sai, la malattia dei figli posso capirti bene perché questa è stata la prima settimana dopo 1 mese intero che il tartarugo è andato a scuola, e sta anche piuttosto bene, ma finora sono stata MURATA VIVA trenne uscita per spesa e pediatra e questo mi aveva fatta diventare idrofoba.
Anche per il marito con lavoro a 200 Km (Roma) tutti i giorni, e anche lui spesso torna stanco e nervoso anche se il suo lavoro è di tutt'altro genere ed è più una stanchezza psicologica........

Un bacio.

beatrix

Messaggio da beatrix »

Sara sei fin troppo brava.

Tieni duro, passerà presto, perlomeno con l'arrivo della bella stagione potrete uscire di più, tu e la bimba...

ti lascio un abbraccio e tutta la mia ammirazione, davvero.

Avatar utente
franceschina
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1678
Iscritto il: lun apr 20, 2009 1:22 pm

Messaggio da franceschina »

Ti capisco, Sara, soprattutto per quanto riguarda l'assenza del marito.
Quando non c'è mi sento "mezza".
Un po' è così perché le belve sono in due ed io una, ma la realtà è che la sensazione di smarrimento deriva proprio dal fatto di trovarmi senza la mia metà, quella che mi completa, che con complicità condivide ogni momento con me, che mi rende migliore ogni giorno.
Ed è una sensazione che sicuramente col tempo si affievolisce, ma che non svanisce, rimane lì, a farmi innervosire ad ogni vigilia della sua partenza.
Però nello stare sola a gestire il tutto, scopro risorse inaspettate, mi godo la crescita delle mie bimbe raccontandone i progressi al papà lontano, creo un rapporto complice con loro che ci aiuta a vivere con meno pesantezza l'assenza di un papà speciale.
Vedrai che con la primavera e le giornate più belle e più lunghe le cose andranno meglio, i capelli ti giuro che riscresceranno (a me è successo da qualche mese e il mio scalpo era ridotto all'osso) e anche questo marito preso dai primi tempi di un lavoro impegnativo, potrà magari pian piano allentare e passare più tempo con voi.
Ti abbraccio forte

Rispondi