Punizioni collettive

Parliamo dei nostri bambini dai 6 a 12 anni
Avatar utente
Claudia
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5631
Iscritto il: mar apr 10, 2007 4:46 pm

Punizioni collettive

Messaggio da Claudia »

E' da venerdì che ci rimugino sopra ...

Venerdì alle 14 vado a prendere mio figlio a scuola, 11 anni e prima media, sono le 14,10 la sua è l'ultima classe ad uscire.

Il perchè lo scopro poco dopo da un figlio imbufalito.
Sono usciti così tardi perchè la Prof. di matematica si è incacchiata di brutto con un bambino che faceva un po' lo stupidello, niente di che (a sentir mio figlio) e sempre a suo dire gli altri non avrebbero partecipato.

Ha riempito letteralmente di compiti, da consegnare per venerdì prossimo, l'intera classe.

Mio figlio mi ha detto con voce incazzata: ma perchè io devo comportarmi bene e ci vado di mezzo lo stesso?
Non è giusto che la punizione sia stata data a tutti!
La mia risposta è stata comprensiva, gli ho detto che la Prof. sapeva che lui e gli altri non avevano responsabilità e ne avrebbe tenuto conto ma lui è rimasto di umore nero (giustamente)

Ecco io mi chiedo: ma che valore educativo può avere una punizione collettiva che comprende anche chi non c'entra nulla?

Quale messaggio lancia ai ragazzi?
Forse che non vale la pena di rispettare le regole tanto la punizione è garantita ugualmente?

Allora tanto vale che io non mi sforzi per avere un buon comportamento se poi ...

Voi che cosa ne pensate?

NM insegnanti mi date un parere professionale?



Avatar utente
micmar
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4443
Iscritto il: mer dic 26, 2007 11:42 am

Messaggio da micmar »

se le cose sono andate così ti do ragione, magari era veramente esasperato, sto sparando a caso eh!
a me capita di dare compiti a un'intera classe se la maggioranza della classe fa casino.
i miei però sono grandi e vorrei che capissero che come classe devono trovare un agire collettivo che accontenti tutti, tento di appiattire i casinisti insomma.
in genere però concordo con te, le punizioni vanno date a chi le merita veramente, altrimenti perdono di valore.
fra l'altro spesso mettono più in difficoltà i "bravi" che alle volte hanno famiglie severe alle spalle e quindi vengono sgridati per una punizione immeritata, che i casinisti.
tu lui lo conosci? è una persona ragionevole con cui si può parlare?

Avatar utente
Claudia
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5631
Iscritto il: mar apr 10, 2007 4:46 pm

Messaggio da Claudia »

No Mic, ancora non conosco la prof. di mate.
Pochi gg. fa c'è stata l'elezione dei rapp. di classe ma lei non si è fatta vedere, altre invece si.

Avatar utente
micmar
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4443
Iscritto il: mer dic 26, 2007 11:42 am

Messaggio da micmar »

vai a conoscerla, l'inizio non è promettente
ma non si sa mai!
gli insegnanti sono umani, a me è capitato di essermi accorta di avere sbagliato, e di essere tornata sui miei passi

Avatar utente
laste
Admin
Admin
Messaggi: 8932
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:58 pm
Contatta:

Messaggio da laste »

In classe di mio figlio le maestre usano un metodo alla "full metal jacket" (se si scrive così) di punizione collettiva: la prof di inglese ha sospeso una lezione divertente per colpa di uno solo che disturbava
Risultato: la classe era arrabbiata con il bimbo (spernacchiatore)
Io e mio marito ci abbiamo riso su trovandolo geniale, poi non mi sono posta problemi educativi

Avatar utente
MatifraSo
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 10471
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:59 pm

Messaggio da MatifraSo »

Ionon sono insegnante, ma concordo con Mic.

Se faceva casino uno solo o un piccolo gruppetto, è giusto che la punizione sia data solo a quel ragazzo o gruppetto.

Se invece a fare casino è stata la maggior parte della classe, è giusto così, dovrai essere tu a spiegare a tuo figlio che lui non ha colpa diretta, ma doveva agire con gli altri per raffreddare gli animi dei casinisti.

Avatar utente
Polly
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3134
Iscritto il: ven nov 16, 2007 10:52 pm
Contatta:

Messaggio da Polly »

È un tema davvero difficile da affrontare anche perché ancora non riesco a prendere una posizione netta.

Non entro nel merito di questo caso specifico però mi rendo conto che la 'punizione' collettiva ha un suo perché ma deve rientrare in una economia di classe e non deve essere un assunto da utilizzare sempre.

In alcune dinamiche di classe serve per rendere ad esempio responsabili gli altri che non hanno fatto niente ma che ad esempio hanno riso ad un comportamento di un compagno contribuendo così a far perdurare il suo comportamento.*

In una famiglia il comportamento di uno si riversa, in positivo o negativo che sia, su tutta la famiglia.

Naturalmente una classe non è una famiglia ma deve percorrere un pezzo di strada insieme ed è bene che da subito i ragazzi capiscano che c'è comunque un legame tra loro e che si va avanti o indietro tutti insieme quindi una certa corresponsabilità c'è volente o nolente.

Però non deve a mio avviso essere una regola. Ci sono poi comportamenti che vanno circoscritti e ripresi singolarmente.*

Dovrebbe essere l'insegnante di volta in volta a valutare e a decidere considerando il bene dell'intera classe.

Diciamo che come al solito bisogna essere capaci di valutare bene e qui come sempre entra in gioco la 'bravura' dell'insegnante.

Insomma non la vedo negativa se vista in una economia globale di classe.

Magari io avrei fatto bastare l'uscita ritardata (come prima volta) ed avrei evitato i troppi compiti, ma qui rientriamo nella libertà d'insegnanento!

Avatar utente
Polly
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3134
Iscritto il: ven nov 16, 2007 10:52 pm
Contatta:

Messaggio da Polly »

E quando è davvero uno solo a far casino la punizione collettiva può aiutare gli altri a isolare il disturbatore affinché capisca che in quel suo perdurare non c'è comprensione dei suoi compagni e che quindi gli conviene smettere
Come dice laste

Ma deve essere fatto con criterio e mirato a questo non per esasperaxione della prof

Rispondi