sale iposodico

Moda, tendenze e bellezza
Avatar utente
marika
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5165
Iscritto il: ven dic 15, 2006 10:35 pm

sale iposodico

Messaggio da marika »

in casa mia si è sempre usato il Novosal, perchè entrambe i miei genitori sono ipertesi figli di ipertesi.
Quando mi sono sposata non mi sono posta il problema ed ho continuato ad usare quello, come faccio ancora oggi. Non so perchè però adesso mi è venuto il dubbio: è un sale che va bene per tutti? C'è qualche ragione per cui, in assenza, per ora, di problemi, NON dovrei usarlo?


Avatar utente
Sheireh
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 17185
Iscritto il: mar feb 26, 2008 4:35 pm

Messaggio da Sheireh »

Sto guardando in giro.

In pratica da quel che ho capito, il sale iposodico è fatto con cloruro di potassio invece che con cloruro di sodio.

Quello che c'è di dubbioso è che un apporto aumentato di potassio potrebbe non far bene.

Ho letto qui, tra vari altri link: http://www.my-personaltrainer.it/nutriz ... odico.html

Bisognerebbe chiedere ad Erin.

Io comunque sono dell'idea che i prodotti "normali" siano sempre meglio in assenza di problemi, perché quello "corretti" spesso fanno male in altri sensi.
TitaLara
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 324
Iscritto il: lun ago 02, 2010 11:53 pm
Contatta:

Messaggio da TitaLara »

Leggi qui:

Chi non riesce o non vuole rinunciare a cibi sapidi e, per motivi di salute, deve seguire una dieta a basso tenore di sodio, può trovare un possibile aiuto nei sostituti del sale (es. Novosal, Sal Dieta) in cui il cloruro di sodio è sostituito parzialmente dal cloruro di potassio.
L'aspetto più importante da evidenziare per tali prodotti è appunto l'elevato contenuto di potassio, costantemente presente per più del 25%. Il potassio è una sostanza importante per l'organismo soprattutto per la contrazione muscolare e la regolazione dell'attività cardiaca; per questo la sua concentrazione deve rimanere entro determinati limiti. L'assunzione di potassio attraverso questi sostituti salini si va ad aggiungere a quella che normalmente avviene attraverso gli alimenti, pur se in quantità diversa a seconda di come vengono utilizzati. Quando impiegati per insaporire i cibi dopo la cottura è presumibile che la quantità assunta sia modesta (tanto più che se usati in grandi quantità possono risultare sgradevoli a causa del retrogusto amaro-metallico del sale di potassio). Diverso è invece se vengono utilizzati anche nella cottura, in sostituzione al sale da cucina.
Se nelle persone sane, che non assumono potassio da altre fonti, questo non rappresenta un rischio particolare, merita invece attenzione l'eventualità, certamente più frequente, che ad utilizzare questi prodotti siano persone ipertese. Se queste persone sono in trattamento con determinati farmaci vi è il rischio che l'eccessiva assunzione di potassio provochi iperpotassiemia (o iperkaliemia). Questa evenienza si può presentare con farmaci antipertensivi come i potassio-risparmiatori (es. Spironolattone), gli ACE inibitori (es. Captopril, Enalapril, Lisinopril, ecc.) e i sartani (es. Losartan, Telmisartan, ecc.) che sono in grado di provocare ritenzione di potassio. Un'altra situazione ancora più rischiosa riguarda le persone con funzionalità renale ridotta che non sono in grado di eliminare efficacemente l'eccesso di potassio (anche quello contenuto nei soli alimenti). L'insufficienza renale e l'uso degli antipertensivi appena menzionati rappresentano dunque controindicazioni assolute all?uso di prodotti sostitutivi del sale. Altri farmaci infine possono provocare ritenzione di potassio, fra questi alcuni antinfiammatori (es. indometacina e piroxicam).
In assenza di queste situazioni, l'uso dei sostituti del sale si può ritenere sicuro, ma è bene comunque prestare attenzione ed essere in grado di rilevare precocemente eventuali segni di iperpotassiemia come battiti cardiaci irregolari, stanchezza, debolezza, pesantezza delle gambe, intorpidimento e formicolio alle mani, piedi e labbra. In presenza di questi segnali è consigliabile sospendere immediatamente l'assunzione di sale iposodico e contattare il proprio medico.

Fonte
Avatar utente
marika
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5165
Iscritto il: ven dic 15, 2006 10:35 pm

Messaggio da marika »

mmmmm...no, non credo che dovrei continuare ad usarlo...incredibile come non mi sia mai venuto in mente prima.

E voi usate sale normale o iodato?
TitaLara
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 324
Iscritto il: lun ago 02, 2010 11:53 pm
Contatta:

Messaggio da TitaLara »

marika ha scritto:mmmmm...no, non credo che dovrei continuare ad usarlo...incredibile come non mi sia mai venuto in mente prima.

E voi usate sale normale o iodato?
Io ho usato per un bel po' il novosal, perchè il mio ex aveva non ricordo quale problema di salute. Poi per abitudine ho continuato ad usarlo anche dopo, fino a quando un amico diplomato in chimica mi ha detto più o meno la stessa cosa che ti ho postato :)
Allora sono tornata al sale normale, cercando di non usarne mai troppo perchè è risaputo che non fa granchè bene.
Avatar utente
marika
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5165
Iscritto il: ven dic 15, 2006 10:35 pm

Messaggio da marika »

ma infatti io ne uso poco di solito.
Leggevo però che Gonzales in "Un dono per tutta la vita" raccomanda di usare quello iodato
TitaLara
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 324
Iscritto il: lun ago 02, 2010 11:53 pm
Contatta:

Messaggio da TitaLara »

marika ha scritto:ma infatti io ne uso poco di solito.
Leggevo però che Gonzales in "Un dono per tutta la vita" raccomanda di usare quello iodato
Sì, anche io sapevo questa cosa... me lo dice mia mamma da tempo, chissà dove l'avrà letto o sentito :)
Avatar utente
Sheireh
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 17185
Iscritto il: mar feb 26, 2008 4:35 pm

Messaggio da Sheireh »

marika ha scritto:ma infatti io ne uso poco di solito.
Leggevo però che Gonzales in "Un dono per tutta la vita" raccomanda di usare quello iodato
Io ho sempre usato quello normale.
Un'amica di mia mamma che ha usato il sale iodato si è ritrovata un problema di tiroide, se non sbaglio, ampliato dall'iodio in più.

Non so, io ritengo sempre che le cose "in più" servano solo in casi specifici di carenze.
Rispondi