Quantità cibi pieni di istamina

Per parlare dei più piccoli, da 0 a 5 anni
Avatar utente
Sheireh
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 17185
Iscritto il: mar feb 26, 2008 4:35 pm

Quantità cibi pieni di istamina

Messaggio da Sheireh »

Arianna sta facendo un periodo in cui va pazza per i pomodori, e se la cosa continua mi sta benissimo visto che ora si va verso i pomodori buoni.

Parliamo di quantità come DUE pomodori mangiati per pranzo (uno a fette, l'altro intero a mo' di mela), oltre ad un piatto di pasta.

Il fatto è che se ci sono mangia volentieri anche le fragole.

So che entrambi sono cibi pieni di istamina, e tempo fa mangiare parecchio pomodoro (cotto, però) le provocava rossore in faccia (dove veniva a contatto con il pomodoro stesso), che andava via nel giro di un quarto d'ora.
Ora sembra non farglielo più.

Però dovrei limitare questo tipo di cibi o posso dargliene la quantità che desideri senza rischi di scatenare allergie?
Nel senso, è possibile che assumendone tanti possa arrivare un'allergia che adesso sembra non presentare più?

Quali sono altri cibi nel caso a cui dovrei stare attenta?


Avatar utente
Marialisa
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4574
Iscritto il: mar mag 12, 2009 3:32 pm
Contatta:

Messaggio da Marialisa »

Non so quanto possa essere attendibile il tutto, ma da Salus.it ho trovato questo:
(riporto tal quale da http://www.salus.it/allergie/allergia11.asp)
"ALIMENTI CHE POSSONO ESSERE IMPLICATI CON MAGGIORE FREQUENZA IN REAZIONI ALLERGICHE O DI INTOLLERANZA ALIMENTARE

Alimenti implicati in reazioni allergiche immediate (orticaria, angioedema e anafilassi) e asma nei bambini:

uovo (ovoalbumina),
arachidi,
noci,
nocciole,
pesce,
crostacei,
latte vaccino;

Alimenti che inducono la liberazione di istamina e possono dare orticaria (soprattutto se assunti in grandi quantità):

cioccolato,
fragole,
ananas e frutti esotici,
crostacei,
albume d’uovo,
formaggi fermentati,
cavoli,
alcool;

Alimenti che contengono elevate quantità di istamina e possono dare orticaria (se assunti in grande quantità):

tonno,
sarde,
aringhe,
sgombri,
formaggi (es.gorgonzola, emmenthal, camembert),
salsicce,
salame,
coppa,
pancetta affumicata,
pomodori,
spinaci,
crauti,
alcuni vini sia bianchi che rossi e birra;

Alimenti ad elevato contenuto di salicilati naturali che possono essere la causa di forme di orticaria cronica:

frutta secca,
frutti di bosco,
arance,
albicocche,
ananas,
uva,
cetrioli,

indivia,
olive,
miele,
erbe aromatiche,
salsa di pomodoro,
tè,
vini, liquori;

Alimenti che contengono tartrazina (E102-colora in giallo) e che possono essere causa di forme di orticaria cronica e asma:

succhi di frutta,
bevande colorate,
sottaceti,
salse confezionate,
senape,
maionese,
preparati per torte,

minestre in scatola e sacchetti,
budini istantanei,
cioccolatini ripieni e caramelle,
lecca-lecca,
gelatine
gelati,
marmellate


Alimenti che contengono anidride solforosa (E220)

insalate e macedonie in ristoranti e alberghi (in alcuni casi vengono usati degli spray per evitare che imbruniscano, mantenendo così un aspetto "fresco")
cipolline sottaceto,
frutta secca,
succhi di frutta,
marmellate a base di frutta, baccalà, vini;
Alimenti che contengono solfiti, metabisolfiti, bisolfiti: possono creare problemi alle persone asmatiche
Sono in genere alimenti preconfezionati in cui queste sostanze vengono aggiunte come conservanti/antiossidanti e sono indicati con le sigle E221, E222, E223, E224, E225, E226, E227.

Possono precipitare crisi di emicrania, anche a distanza di ore dall’ingestione alimenti come:

formaggio, cioccolato, agrumi (per il loro contenuto di istamina o amine pressorie come la tiramina e la feniletilamina); anche i nitrati, presenti come conservanti in alcuni insaccati e carni in scatola, a volte sono responsabili di cefalee.

Cibi ricchi di nichel:
Asparagi, Farina integrale, Fagioli, Nocciole, Funghi, Pere, Cipolle, Rabarbaro, Spinaci, Thè, Pomodori, Cacao e cioccolato, Piselli, Birra, Lattuga, Vino, Carote, Lievito in polvere.
Terapia: ingerire per un anno delle compressine di nichel in dosi infinitesimali (prodotti omeopatici)."
GraziaG
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 157
Iscritto il: dom nov 01, 2009 8:48 pm

Messaggio da GraziaG »

Non più di una porzione di cibo istaminico (il sugo di pomodoro o il pomodoro a fette, se gli dai il pomodoro niente fragole quel giorno) per pasto, ma solo se evidenzia intolleranza!
Se non ha nulla, non ti preoccupare!
rita2

Messaggio da rita2 »

Ma se non ha fastidi falla magnà!!! magari una volta pomodoro e una volta fragole, poi se non succede niente vai libera.
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

Se non ci sono intolleranze non c'è motivo per limitare.
che poi fanno benissimo sia pomodori che fragole
Elen
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2736
Iscritto il: mar ott 06, 2009 9:54 pm

Messaggio da Elen »

Ma quando aveva un po' di reazione al pomodoro, tu hai continuato a darglielo oppure lo hai levato per un po'?
Comunque, se non ha reazioni a nessuno dei due, io glieli darei anche assieme, senza problemi.
Avatar utente
Sheireh
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 17185
Iscritto il: mar feb 26, 2008 4:35 pm

Messaggio da Sheireh »

leylia ha scritto:Ma quando aveva un po' di reazione al pomodoro, tu hai continuato a darglielo oppure lo hai levato per un po'?
Comunque, se non ha reazioni a nessuno dei due, io glieli darei anche assieme, senza problemi.
Ho continuato a darglielo, le è successo solo alcune volte, ma ormai saranno un paio di mesi che non capita.

Reazioni adesso sembra non averne proprio più, avevo solo paura che potessero scatenarsi anche in un soggetto "sano" in grossi quantitativi.

Per ora allora non mi preoccupo e gliene do quanto ne vuole, se vedo che le fanno effetto, riduco.
MariannaMJ

Messaggio da MariannaMJ »

Sheireh ha scritto:Reazioni adesso sembra non averne proprio più, avevo solo paura che potessero scatenarsi anche in un soggetto "sano" in grossi quantitativi.
a me è successa una cosa del genere con i kiwi in un periodo che ero stitica: a furia di mangiarli una sera mi si gonfiò il palato. Appurato che erano loro per 6 mesi non li ho toccati ma adesso li mangio tranquillamente.
se la bimba non ha problemi le darei tutto tranquillamente (a desensibilizzare si fa sempre in tempo ;) )
Rispondi