I figli ci cambiano la vita?

Per parlare dei più piccoli, da 0 a 5 anni
Avatar utente
caterina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 17805
Iscritto il: ven feb 22, 2008 10:55 am
Contatta:

Messaggio da caterina »

Tra l'altro ero molto più libera quando era piccola piccola piuttosto di adesso.
Quando era piccola dormiva lo stesso anche se in casa c'era casino e orde di amici.
Adesso che è "grande" finchè non rimaniamo noi tre soli non c'è verso di farla dormire e quindi la gente è costretta ad andare via non dopo le 21.30, pena sentirsi una sirena nelle orecchie..


galdy

Messaggio da galdy »

caterina ha scritto:Tra l'altro ero molto più libera quando era piccola piccola piuttosto di adesso.
Quando era piccola dormiva lo stesso anche se in casa c'era casino e orde di amici.
Adesso che è "grande" finchè non rimaniamo noi tre soli non c'è verso di farla dormire e quindi la gente è costretta ad andare via non dopo le 21.30, pena sentirsi una sirena nelle orecchie..
ma anche a te capita che se c'è solo anche una persona, seduta in salotto_ferma-muta, lui in camera non ne vuole sapere di dormire???????????????????
michael ha il radar. o forse sono io che, essendo un pò agitata perchè so che di là qualcuno mi aspetta, gli trasmetto nervosismo???
Avatar utente
caterina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 17805
Iscritto il: ven feb 22, 2008 10:55 am
Contatta:

Messaggio da caterina »

Solo io-lei-suo padre.
Stop.
Una sera è venuta la sua madrina a vedere x factor con me.
La Kily era stanca quindi siamo andate in camera da letto al buio con tv accesa al minimo.
NIENTE.
Alla fine è stata sveglia a giocare sul letto, ha combattuto il sonno pur di non cedervi!
Avatar utente
Vavi
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 3861
Iscritto il: ven dic 15, 2006 7:00 pm

Messaggio da Vavi »

Riflettevo su questo thread e pensavo che ora Sara io me la porterei ovunque... a volte me la porto a prove di teatro la sera e puntualmente mi pento perche' va a letto troppo tardi (mai prima delle 22.30) eppure lei e' felice di condividere questo tempo con me e io anche, perche' a prescindere dall'affetto che ovviamnete provo, trovo mia figlia davvero simpatica e mi diverto con lei.
Cioe' potessi scegliermi una figlia sceglierei lei senza ombra di dubbio, ora man mano che cresce trovo che stia diventando davvero una bella persona, interessante, sensibile, divertente. (Si sente che sono orgogliona? :cisssss: )
Mammetta
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 440
Iscritto il: lun set 07, 2009 4:10 pm

Messaggio da Mammetta »

E fai bene ad esserlo VAVI. Mi stanno piacendo tanto le vostre risposte.
magica_emy
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 881
Iscritto il: mer ago 19, 2009 11:24 am

Messaggio da magica_emy »

Anche noi, assolutamente della prima. La pizza l'abbiamo sempre preferita a casa.. ma se proprio si dovesse.. ci si può andare il martedì! Meno caos, meno gente, pizzaiolo meno indaffarato. La pizza è pure più buona!
Avatar utente
Polly
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3134
Iscritto il: ven nov 16, 2007 10:52 pm
Contatta:

Messaggio da Polly »

credo che non si possa parlare in termini delle due categorie così specificate. La penso come vavi quando nasce un figlio nasce una nuova "categoria" di famiglia che deve trovare i propri equilibri. Quando nasce il secondo figlio ri-nasce un nuovo nucleo e di nuovo ci saranno altri equilibri e così via.......
Tra l'altro il discorso dei rumori per dirne una, può valere per quel che mi riguarda con il primo figlio, poi quando nasce il secondo e poi il terzo e poi il qaurto o come me il quinto, ci si abitua a tutti i rumori possibili ed il bello sempre con serenità, quindi temo che spesso siamo noi con le nostre "ansie" a creare più o meno "serenità" intorno con o senza rumori!
marzia80
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4645
Iscritto il: lun lug 14, 2008 5:38 pm

Messaggio da marzia80 »

Io penso che sia questione di trovare un equilibrio in base alle esigenze del proprio figlio.Con Alice non facciamo nessuna fatica ad andare in pizzeria,però si va presto e si torna presto.Per il resto,io e mio marito ci alterniamo con gli impegni in modo da non scombussolare i suoi ritmi e nel frattempo trovarci un pò di svago.Quindi si,un figlio cambia la vita in meglio e qualche rinuncia non potrà mai ripagare la gioia nel vederli crescere.
Rispondi