La sua prima "grande" bugia ..

Il luogo del pensiero, dell'approfondimento, della discussione; società, politica, religione e tanto altro su cui riflettere, un occhio critico sul mondo che ci circonda.
Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Messaggio da Cosetta »

AH ah oddio scusa Simo, il tuo racconto mi ha commossa ma le successive evoluzioni sono troppo buffe!!!

Adesso ti rispondo: capisco l'effetto che può averti fatto questa grossa e convinta bugia, elaborata e consapevole, non vaga, insomma è un tipo di bugia che non piace nemmeno a me, perché c'è una malizia che nella bugia immediata, quella per coprire un'azione sbagliata, non ci vedo (dar la colpa al fratello, dire che non si sa com'è successa una cosa ecc)
però è pur sempre normale nei bambini, che hanno molta fantasia e forse voleva convincersene anche lui.
Guarda, è un periodo che hanno una voglia esagerata di stare insieme, lo vedo anche con Irene e i suoi compagni. Torna alle 16 e dopo mezz'ora vorrebbe qualche amica. Ieri l'ho presa a scuola e depositata a casa di un'amichetta, non eravamo nemmeno d'accordo con la mamma, ci siamo incontrate e accordate lì per lì, e quando me l'ha riportata, alle 18, non era ancora abbastanza per lei e "la prossima volta vuole starci di più"!
Se ti è possibile, cerca di assecondarlo in questo desiderio che ha.

Poi, razionalmente, la mamma non invita il bambino. La mamma invita la mamma o da un biglietto, quindi questa cosa era da verificare subito, forse bastava dirgli che tu se non parli con la mamma non lo porti proprio da nessuna parte perchè non è educato..

Infine, ma lo sai, il pianto era meglio evitarlo, ma non perché non possano vederci che abbiamo delle emozioni, ci mancherebbe! Però loro danno una lettura tutta particolare alle cose e non vorrei mai che avesse pensato che hai pianto perchè in realtà non era stato invitato, o per altri motivi che noi non ci immaginiamo... insomma gli hai spiegato bene che il pianto era semplicemente per il dispiacere che lui ti avesse detto una bugia? che della cosa in sè non ti importa, che non è grave, e che hai pure sbagliato tu a credergli perchè di solito le mamme non invitano direttamente il bimbo, ma solo perché lui non ti aveva detto la verità, ossia che gli piacerebbe partecipare a delle feste e che ha voglia di stare con i compagni anche fuori dalla scuola.
Perché se ti diceva la verità potevi cercare di accontentarlo, mentre la bugia non serve a nulla.. dove ti presenti? a una festa che non c'è?


Avatar utente
Nat
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6237
Iscritto il: sab dic 16, 2006 12:38 pm

Messaggio da Nat »

Saba ha scritto: Mi ritrovo "pinnocchiara" invece perchè è , a parer mio, giustissimo che i bambini imparino che le bugie non si dicono..dato che oggi è una cosa da nulla, (commisurata ai suoi 5 anni) ma domani a 14 , potrebbe avere un'altra portata. meglio che imparino subito che mentire è sbagliato e se lo fanno dovranno prendersi le conseguenze del gesto(sia buone che meno buone).
Ba

l'imparano piano piano , proprio come Damiano quando vivono in prima persona le conseguenza delle loro bugie
dirglielo secondo me non serve a molto
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

Saba ha scritto: Mi ritrovo "pinnocchiara" invece perchè è , a parer mio, giustissimo che i bambini imparino che le bugie non si dicono..dato che oggi è una cosa da nulla,

e noi adulti quando lo dobbiamo imparare ;)?
(non parlo solo di "bugie positive" come babbo natale e la fatina dei denti eh).
Avatar utente
Nat
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6237
Iscritto il: sab dic 16, 2006 12:38 pm

Messaggio da Nat »

Nat ha scritto:l'imparano piano piano , proprio come Damiano quando vivono in prima persona le conseguenza delle loro bugie
dirglielo secondo me non serve a molto
vi racconto altre due chicche di tito

lui:" mi passi l'acqua?"
io: "per..." (aspettavo un "per favore)
lui:" per bere no!"

siccome ammazza qualsiasi essere vivente sotto una certa taglia e spesso da calci alla povera gatta, gli volevo iniziare a spiegare per bene che è sbagliato ecc...
gli ho comprato un libro della storia di un bimbo che colpisce con la fionda un uccellino che quasi muore ecc... alla fine il bambino tramite il canto dell'uccello capisce ciò che ha fatto e lo libera e vissero felici e imparati
morale:
vuole pure lui la fionda!
dove ho sbagliato?
:ahahaha:
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

La bugia è un argomento difficile.
Secondo me a 5 anni più che di bugia si parla di fantasia (è una cosa diversa di base).
Pensare a un bambino che vuole stare con altri bimbi e per farlo dice una bugia mi fa tenerezza.
Anche perchè questo bambino a 5 anni avrà già sentito (e sentono anche quando non ci si pensa) che le bugie sono di tanti tipi.
Sono cattive se le dicono i bambini (tranne se glie lo dicono i genitori di dirle).
Quelle degli adulti invece possono essere buone e giuste.
Chi non ha mai insegnato a un bambino che non si dice "quella persone è brutta"?
Io ho l'impressione che la bugia la insegnamo senza volerlo e che per un bimbo sia veramente difficile capire quando è giusta e quando no.
marte71

Messaggio da marte71 »

lenina ha scritto:La bugia è un argomento difficile.
Secondo me a 5 anni più che di bugia si parla di fantasia (è una cosa diversa di base).
Pensare a un bambino che vuole stare con altri bimbi e per farlo dice una bugia mi fa tenerezza.
Anche perchè questo bambino a 5 anni avrà già sentito (e sentono anche quando non ci si pensa) che le bugie sono di tanti tipi.
Sono cattive se le dicono i bambini (tranne se glie lo dicono i genitori di dirle).
Quelle degli adulti invece possono essere buone e giuste.
Chi non ha mai insegnato a un bambino che non si dice "quella persone è brutta"?
Io ho l'impressione che la bugia la insegnamo senza volerlo e che per un bimbo sia veramente difficile capire quando è giusta e quando no.
quoto tutto ;-)
caramella

Messaggio da caramella »

Ciao, ho seguito la storia e ho sorriso...perchè il bimbo non ha fatto nulla di male nella sua innocenza..il suo è solo stato il desiderio di andare dal compagnetto e ha finto di essere stato invitato...ci avrei riso sopra sapendolo insieme all'altra mamma, non credo sia una bugia, anche perchè avrei chiesto conferma alla madre de compagnetto se la festa ci fosse realmente, perchè non crederei solo alle parole di mio figlio all'età di 5 anni, perchè i bimbi tra loro si dicono un sacco di cose per gioco e fantasia...Non piangere e pensa solo che ancora non capisce il gesto, certo la tua reazione di stupore andava bene, però non rimproverlo, secondo me a quest'età non possono decidere loro, diciamo cosi, se l'altra mamma è comprensiva e intelligente, ridendoci sopra e raccontando questa cosa dovrebbe spontaneamente invitare tuo figlio a casa...se no prendi l'iniziativa tu, per dimostrargli che non è grave..col tempo glielo dirai.
demy

Messaggio da demy »

il piccolo voleva andare alla festa
tra bambini parlano si vede che l'amichetto lo aveva invitato e lui vuole andare
sono bambini anche se ha detto una bugia ma e una cosa innocente
spiegaglielo che non si fa deve ire la verità altrimenti si fanno brutte figure ecc........
ma non essere dura con il piccolo e solo un bambino.un po vispo .......
Rispondi