la responsabilità dei genitori

Il luogo del pensiero, dell'approfondimento, della discussione; società, politica, religione e tanto altro su cui riflettere, un occhio critico sul mondo che ci circonda.
Avatar utente
dani9\6\08
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1890
Iscritto il: sab feb 28, 2009 11:05 pm

Messaggio da dani9\6\08 »

Lella ha scritto: Genitori si cresce insieme ai figli ma non solo come genitori anche come donne e come uomini.
Oltre a tutto essere madre è anche un'occasione per migliorarsi.
su questo è sicuramente vero!!!
in 10 mesi da quando è nata giada sono certamente cambiata,cresciuta!!
il pensare sia per me ma soprattutto per lei,della responsabilità di una bimba che dipende totalmente da te,non la si può capire prima di avere un figlio!!

io ho avuto dei genitori,2 fino che il tempo me lo ha concesso,che non mi hanno fatto mancare nulla!!sono stati ottimi genitori,soprattutto mio papà che si è trovato solo con due bambini!!
ma so che qualcosa non è andato,ovvero che certi problemi che ho avuto in seguito sono dovuti a delle mancanze,di certo non volute appositamente!!
le ripercussioni psicologiche che possono esserci,el tutto non volute che possono esserci sui nostri figli!!!
è anche vero che fa parte del "gioco"....altrimenti un figlio non lo fai!!
ma questo mettersi in discussione,a volte mi spaventa,soprattutto perchè per mia figlia voglio il meglio!!!


Saba

Messaggio da Saba »

Rie ha scritto: ... Piuttosto, sono spaventata dalla mia NON-influenza su di loro, per un'età precisa in cui il contesto pesa infinitamente più della famiglia: l'adolescenza.
So bene che a quel punto contano le basi che sono state date in precedenza, il dialogo, la fiducia.
Ma chissà perché, complici anche agghiaccianti racconti di un'amica professoressa delle medie, sono portata a credere che tutto ciò non soccorra, dinanzi alla forza del contesto e alla violenza oppositiva della spinta al distacco dai genitori.

Chi vivrà vedrà!
So solo che per altri otto anni o giù di lì, a patto che non mi nasca una terzA figliA, sarò abbastanza serena sull'osmosi genitori-figli.
Sheireh ha scritto:Quoto, anche se c'è tempo per pensarci, questo mi spaventa assai...
secondo me non c'è molto tempo per pensarci...certo Sheireh, qualche mese ancora lo hai :ehehe: , ma comunque bisogna ricordare che le basi per il futuro rapporto che si avrà nell'adolescenza si mettono proprio i primi anni di vita del bambino..quando si istaurano le dinamiche su cui si baseranno tutti i futuri conflitti(che ci saranno..ohh, come se ci saranno!!!).
Prima di avere filgi pensavo che sarebbe stato facile, tutto sommato, tirare su un bambino...ora mi capita di guardare le "pance" ignare e pensare"se pensi che la difficoltà stia nel farlo ucire di lì, non sai cosa ti aspetta dopo".
Forse ad alcuni viene naturale più che ad altri...io sono contentissima di essermi rivolta ad una pedagogista che ci "supporta" nel nostro mestiere di genitori..eppure , guardate, non è che fossi una che non sapeva da che parte girarsi(un'idea me l'ero fatta, qulche libro l'ho letto, ho pure una madre maestra d'asilo con competenze pedagogiche, un po' datate forse, ma ci sono)..eppure mi sono accorta che ci sono errori che ripetevo e di cui neanche mi accorgevo. Ci sono così tante cose su cui varrebbe la pena riflettere , e invece spesso neanche le si notano.
Ba
Avatar utente
dani9\6\08
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1890
Iscritto il: sab feb 28, 2009 11:05 pm

Messaggio da dani9\6\08 »

Saba ha scritto:secondo me non c'è molto tempo per pensarci...certo Sheireh, qualche mese ancora lo hai :ehehe: , ma comunque bisogna ricordare che le basi per il futuro rapporto che si avrà nell'adolescenza si mettono proprio i primi anni di vita del bambino..quando si istaurano le dinamiche su cui si baseranno tutti i futuri conflitti(che ci saranno..ohh, come se ci saranno!!!).
Prima di avere filgi pensavo che sarebbe stato facile, tutto sommato, tirare su un bambino...ora mi capita di guardare le "pance" ignare e pensare"se pensi che la difficoltà stia nel farlo ucire di lì, non sai cosa ti aspetta dopo".
Forse ad alcuni viene naturale più che ad altri...io sono contentissima di essermi rivolta ad una pedagogista che ci "supporta" nel nostro mestiere di genitori..eppure , guardate, non è che fossi una che non sapeva da che parte girarsi(un'idea me l'ero fatta, qulche libro l'ho letto, ho pure una madre maestra d'asilo con competenze pedagogiche, un po' datate forse, ma ci sono)..eppure mi sono accorta che ci sono errori che ripetevo e di cui neanche mi accorgevo. Ci sono così tante cose su cui varrebbe la pena riflettere , e invece spesso neanche le si notano.
Ba
la penso esattamente come te!!
è proprio la qualità della relazione primaria che costituisce un elemento decisivo,nella previsione a lungo termine,di disturbi e disagi che si evidenzieranno nella preadolescenza e adolescenza.
mi sembra una bellissima cosa quella che hai fatto i rivolgerti ad una peagogista!
anzi ti chiedo,dove ti sei rivolta?
come l'hai trovata?
è una cosa che,appena mi sistemo,vorrei iniziare a fare con il mio compagno!!
papaverina

Messaggio da papaverina »

Penso che ognuno di noi alle sue spalle ha una sua storia, e siamo come siamo proprio per il nostro vissuto, ognuno diverso, ognuno unico, ed è questo che ci identifica in individui unici.
I nostri figli, avranno il loro vissuto, le loro storie.
Saranno influenzati da noi come noi lo siamo stati dai nostri genitori e come loro lo sono stati....
Personalmente la mia storia mi ha portata a sentirmi molto insicura in passato, a sentirmi fuori posto avvolte, ma crescendo sono diventata più forte.
Ecco non sò se la mia storia influenzerà la sua vita, ma l'importante è che io sia lì a mostrarle che tutto si può superare, che la nostra storia siamo ingrado di cambiarla, di riscriverla, e che siamo quello che siamo, per colpa di nessuno, siamo noi e dobbiamo accettarlo.
Rispondi