La moltiplicazione e la preferenza

Il luogo del pensiero, dell'approfondimento, della discussione; società, politica, religione e tanto altro su cui riflettere, un occhio critico sul mondo che ci circonda.
Avatar utente
nani P.T.
Utente
Utente
Messaggi: 640
Iscritto il: sab gen 13, 2007 2:28 pm

Messaggio da nani P.T. »

Mi emoziono come Nau.


Avatar utente
Daria
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6327
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:36 pm

Messaggio da Daria »

Fra ti ho letto con un rospetto in gola. Non so perche', mi piace molto la sincerita' e franchezza con cui affronti questo problema, con te stessa e con noi. E questa e' una cosa bellissima e importante: tu ammetti di avere una preferenza, tu lo sai. Questo mi fa tenerezza e mi fa pensare che saprai affrontare la situazione con lucidita', e' pericolosa invece la mamma che non ammette di avere una predilizione (se ce l'ha si intende) per un figlio piuttosto che l'altro e agisce inconsciamente facendo del male. Io credo siano fasi di passaggio, prima o poi troverai il tuo equilibrio con entrambe, per il momento cerca di passare piu' tempo con Matilde per dissauderla da queste sue convinzioni e togliere ogni dubbio dalla sua testolina
Avatar utente
Nat
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6237
Iscritto il: sab dic 16, 2006 12:38 pm

Messaggio da Nat »

mah! secondo me non è la preferenza di un figlio all'altro
l'affetto è uguale per tutti
è solo che certi atteggiamenti nei figli sono più difficili da accettare che altri
è come per chi ha un solo figlio e lo vorrebbe (forse) diverso da quello che è
e si chiede se desiderare di cambiarlo sia giusto e se invece bisogna volergli bene così com'è
quando se ne hanno due è più facile cadere nell'errore del confronto
forse confondendo un rapporto più facile con una preferenza
ma io penso che alla fine così non è
anzi credo che quando il rapporto più difficile sarà "superato" o "maturato" (non so come dire) ci si voglia ancora più bene...
Delly

Messaggio da Delly »

anche a me capita non mi vergogno a scriverlo
Lory,2 anni e mezzo desiderato e voluto tanto e tanto a lungo...e poi 2 anni e mezzo in simbiosi
e MArtina 2 mesi
ecco tu dici che credevi fosse dato dal fatto che lei era più piccina,la mia è micro ma il mio cuore seppur moltiplicato per loro due,che amo entrambi follemente ma in modo diverso,resta del primo
lui è stato il primo,è la mia ombra,la mia pelle e la mia anima
lei la amo,follemente
però lui è lui
e con questo so che non tolgo nulla a lei
Avatar utente
Superaffaella
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1679
Iscritto il: ven dic 15, 2006 11:50 pm

Messaggio da Superaffaella »

Anche io credo sia solo una fase.
Anzi. credo che questo post sia l'inizio della fase successiva.
Ne sono quasi sicura perche' è successo anche a me.
Poi fu Lisa a richiamare la mia attenzione.
Mi chiese di poter andare a stare dalla nonna.
A dormire.
Da sola.
Piangendo le ho preparato il trolley,
ma alle 21:00 mi ha fatto chiamare per andare a prenderla.
Da quel giorno ho analizzato meglio il mio cuore.
Questa bimba bella, sana e forte che non mi dava problemi.
E il fratellone grande invece da seguire sempre ed in ogni aspetto.
Davide e i compiti,
Davide e la terapia,
Davide e il basket,
Davide e i controlli a Roma....
Pensa che Lisa, se Davide studia per 4 ore,
disegna per 4 ore,
pur di poter venirmi vicino a chiedere se "va bene"
come sta facendo.
Un giorno mi ha chiesto:
"Mamma, mi insegni l'alfabeto?".
Povera cara.
Da allora coinvolgo Lisa nelle cose di Davide:
le faccio notare quanti compiti ha, come è lento,
come lei sia piu' agile....
e a Davide mostro la gelosia della sorella,
il suo tentare di compiacermi, i suoi picchi di sveltezza.
In questo modo loro si sono avvicinati tantissimo,
per me è piu' piacevole godermeli contemporaneamente
ed ho finalmente capito che entrambi hanno bisogno di me.
Allo stesso modo.
Quelle difficolta' di Davide che mi facevano pendere verso di lui,
sono state bilanciate dall'essere femminuccia di Lisa,
dal modo in cui guarda le mie scarpe,
i miei reggiseni e le mie collane.
E' come se sentissi il fatto che lei abbia una mamma
fragile come me, UNA SUA DEBOLEZZA.....
e questa cosa, invece di spaventarmi, mi ha commossa,
mi fa sentire importante, viva ed amata.
Robebè

Messaggio da Robebè »

ecco perchè temo un secondo figlio, non riuscirei a d accettare di preferirne uno
ed è vero che succede, mia mamma preferisce me lo so
Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Messaggio da Lella »

Io la penso come Nat, preferire o apprezzare di più certi aspetti di un figlio o dell'altro non significa volere meno bene.
Secondo me l'affetto, l'amore, la cura e la dedizione è la stessa ma mi sembra normale e umano avere preferenze caratteriali.
NymphadoraTonks

Messaggio da NymphadoraTonks »

Robebè ha scritto:ecco perchè temo di fare un secondo figlio non riuscirei a d accettare di preferirne uno
ed è vero che succede, mia mamma preferisce me lo so
io non credo sia un fatto di preferenza... ma più di complicità... o più di colmare chi dei figli ha più bisogno in quel momento...

noi siamo 3 figlie.... la grande ha 47 anni, quella di mezzo 45 e io 33...
mia mamma a seconda del periodo della vita ha "preferito" più una alle altre...

mia sorella grande ha avuto problemi in adolescenza... i miei le sono stati vicini molto!!! ma cmq io ero piccolina quindi stavano dietro anche a me!!! chi ci è andata di mezzo è stata la seconda.... che forse è stata un po' "trascurata"

poi quella di mezzo ha avuto un bimbo a quasi 19 anni... i miei le sono stati molto vicini... perché sia lei che suo marito erano giovani... li hanno aiutati a sposarsi, a mettere su casa; mia sorella è stata con noi per i primi 3 mesi del bimbo... e anche dopo i miei sono stati molto presenti! io ero ancora piccola (avevo 7 anni)... e cmq sempre seguita e coccolata!! chi è stata un po' "trascurata" in quel caso è stata la prima...

con il passare degli anni siamo state trattate poi tutte nello stesso modo... quando stavamo tutte "bene" l'amore e l'attenzione erano distribuite equamente...

poi è mancato mio papà... io avevo 14 anni... mia mamma si è concentrata molto su di me... per non farmi mancare niente... e per non farmi sentire la mancanza... ci è riuscita benissimo!! e ci sono riuscite anche le mie sorelle che allora erano più adulte e entrambre "sistemate" fuori casa...

tra tutte tre io sono forse quella a cui è andata meglio... ho avuto sempre le attenzioni su di me... prima perché ero piccola e poi perché io e mia mamma siamo rimaste da sole... tra di noi si è creato un legame molto molto forte... mi rendo conto che il nostro legame è più forte rispetto a quello che ha con le mie sorelle... ma non è preferenza... non è un voler più bene a me... il suo bene è diviso in egual misura tra tutte e tre... solo che stando tanto sola con me, anche in un periodo molto particolare (quando è rimasta vedova e io orfana) ha creato una complicità e un affiatamento particolare e unico...

se lei ha bisogno di qualche cosa (burocratica, economica, di salute) si rivolge a me... perché è sempre stato così da quando è rimasta vedova...

io sono quella che gestisce i suoi conti, le sue visite mediche...

sono quella che ha vissuto di più in casa (30 anni!!)...

non è che lei voglia più bene a me... semplicemente lei si appoggia un po' di più a me rispetto che alle altre...

c'è anche da dire che io sono sempre stata mamma "dipendente".... e lo sono ancora a 33 anni... al contrario delle mie sorelle che sono state sempre un po' più "indipendenti"

questa è la mia esperienza di figlia...

quella di madre per ora si concentra ovviamente sul mio unico pulcino...
Rispondi