ne voglio un altro!

Il luogo del pensiero, dell'approfondimento, della discussione; società, politica, religione e tanto altro su cui riflettere, un occhio critico sul mondo che ci circonda.
Stefania72

Messaggio da Stefania72 »

fra&ma&so ha scritto:Io conosco una coppia che ha deciso di avere un secondo figlio perché così quando saranno vecchi non ci sarà solo la figlia, ma saranno in due a potersi occupare di loro.

Tra tutte le motivazioni questa mi sembra molto assurda...
ma, se questa è la sola motivazione allora è un pò triste però se è un aggiungersi al desiderio di avere un altro bimbo e di far felice il primogenito non è proprio da non considerarsi.
Io già adesso ho il terrore di come sarà se morirò prima io di mio marito, la solitudine è la bestia più brutta che possa esistere, mia mamma vive sola da 15 anni e dice sempre che è la cosa più brutta che ci sia.
Di giorno ancora ancora le passa, si dedica alla cucina, chiacchiera con qualche vicina, ma appena arriva la sera il buio scende anche sul suo cuore e io la capisco.
E' vero che uno può pure avere 10 figli che manco ti calcolano però è anche vero che se li cresci con amore questo amore te lo sapranno restituire.
E poi ti dico:noi siamo rimasti in 3 fratelli e già litighiamo perchè mia madre ha bisogno di molte cose e si appoggia su di noi e secondo me io sono quella che fa di più perchè lavoro part time e ho più tempo(secondo loro), figurati un figlio unico che si deve cuccare tutte le incombenze, poraccio!


Jersey

Messaggio da Jersey »

fra&ma&so ha scritto:Ma quando lei ti cazziava come fosse tua mamma... Tua mamma che faceva?
....
Mi ha sempre detto "vedi te lo dice anche tua sorella".
Poi mia mamma ha sempre avuto un debole per lei, quindi era un continuo "fai come lei; lei non farebbe mai una cosa del genere; studia come lei" ecc ecc.
Diciamo che mia mamma ha contribuito molto a rimarcare le differenze.
Io ho avuto dalla mia parte mio padre, fino circa ai 15-16 anni.
Poi ho portato a casa il fidanzato (il papà di Alessia) ed anche lui si è schierato dalla parte di mia sorella.
caterina ha scritto:E si torna sempre ai genitori.
Quante responsabilità, abbiamo!
Le mie sorelle si sono SEMPRE sostituite a mia madre.
Lei era troppo stanca per discutere con me e quindi loro le facevano un pò scudo.
Io avevo 15 anni, loro 22, 2 anni dopo mia sorella si sarebbe sposata, era praticamente una donna, io sono una ragazzetta.
Nonostante questo, tutto l'odio che ho provato e tutte le volte che ho augurato loro di cadere per le scale e di farsi molto male, lo stesso la vita ci ha tenuto vicine e non potrei mai fare a meno di loro.
STEFYNA77 ha scritto:Il rapporto tra me e mia sorella è , ed è stato , simile al tuo.

Tra noi ci sono 9 anni di differenza, mia madre mi ha avuto a 42 anni quindi per me era più una "nonna" , troppa distanza generazionale.. mia sorella la sostituiva quando era al lavoro, con lei non c'è mai stata confidenza ma diffidenza...dovevo ubbidire, PUNTO. E tacere. la mia opinione non era gradita, ero troppo piccola.

Poi crescendo le cose sono migliorate , ora siamo entrambe mamme e ci siamo riavvicinate, siamo più simili e ci sosteniamo a vicenda.

Detto questo non potrei mai pensare la mia vita senza di lei . So che su di lei posso contare a prescindere da tutto... e lei sa che su di me può sempre contare...siamo legate dal sangue..e non è un modo di dire...c'è un filo sottile che ci unisce e ci unirà sempre qualunque cosa succeda...

Non ho mai pensato di lasciare Leo figlio unico, mai.
Perchè un fratello o una sorella sono UN DONO ... e per "rimediare" diciamo a quello che ho vissuto io, ho sempre desiderato due figli vicini di età , che potessero crescere insieme...

Ma non discuto e rispetto chi preferisce il figlio unico. NOn credo ci sia chi ha "ragione" e chi ha "torto", semplicemente sono punti di vista differenti...

Ad esempio mia sorella ha un figlio e ha già detto che non ne vuole altri.

SOno scelte....che però, ricordiamoci, avranno un effetto non indifferente sulla vita dei nostri figli.

Ho un'amica, una cara amica, figlia unica. Che ad oggi a 32 anni suonati soffre ancora tantissimo per la scelta dei suoi genitori di non avere altri figli.
Ecco a me manca questo passaggio. Non c'è nessun "nonostante tutto".
Per esempio, mia sorella si è sposata lo scorso anno, sabato invece si è sposata un'amica conosciuta su internet. Ci siamo viste di persona per la prima volta venerdì sera... ma al matrimonio di mia sorella ero in un angolo assieme ai parenti lontani, al matrimonio dell'amica avevo il bouquet da damigella e stavo assieme alle amiche con cui è cresciuta, mi ha trattata come una di loro e sembrava davvero che fossimo cresciute assieme.
Adesso vedo mia sorella circa una volta al mese e non mi manca.
Intanto quelle volte che ci vediamo ha sempre una critica pronta (sei ingrassata, non cresci bene tua figlia - notare che lei non ne ha di figli).
Insomma, i momenti di unione tra di noi sono così pochi che non li ricordo.
In compenso ricordo bene quando le saltavo al collo per farle le coccole e lei mi allontanava....
Avatar utente
stefyna77
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3806
Iscritto il: mer ott 17, 2007 3:37 pm

Messaggio da stefyna77 »

mi dispiace Jersey......
agata74

Messaggio da agata74 »

Chi parlava di figli unici di figli unici? Eccomi all'appello. Niente fratelli, niente zii, niente cugini. SOLA. Feste in famiglia: 5 persone (due nonni sono mancati che ero molto piccola). Se volete capire cos'è la solitudine da piccoli, posso tenervi una conferenza. Io sono stata tenuta unica per scelta (i miei hanno scelto di abortire quando è arrivata a sorpresa una seconda gravidanza, avevo 9 anni - ovvio l'ho saputo da adulta). io ho sempre sognato un fratello, e adesso a 35 anni parlo talvolta col mio fratello mai nato. Sono passata da sola da un cancro (mia madre) e un'operazione urgente e grave a mio padre ch lo ha tenuto a lungo ricoverato. E la sera a piangere a letto ero sola.
Per me è stato un grande dolore.
Adesso sto cercando di dare un fratello/sorella a mia figlia, e ho avuto due aborti spontanei. Mi sono trovata nell'assurda situazione di piangere disperata io per il figlio perso e mia madre a piangere disperata per i sensi di colpa per non aver tenuto il secondo figlio che io invece tanto cerco.
Morale: le scelte della vita non sono facili, ognuno dev'essere libero di fare ciò che si sente, ma per il proprio bene, non per quello dei figli.
Io comunque continuo indefessa la caccia al secondo.
agata74

Messaggio da agata74 »

agata74 ha scritto:Morale: le scelte della vita non sono facili, ognuno dev'essere libero di fare ciò che si sente, ma per il proprio bene, non per quello dei figli.
Mi spiego che a rileggermi non mi sono capita da sola, troppa emozione.
I genitori devono scegliere ciò che ritengono giusto per loro come coppia, proporzionalmente a quello che sentono di poter dare affettivamente ai figli. Se una coppia si sente completa con un figlio, è giusto che ne faccia solo uno piuttosto che farne due e poi non saperli gestire serenamente. Io ho sofferto e soffro per la scelta dei miei, però non mi sento di giudicarli. Loro lo hanno fatto per quello che per loro era il mio bene. Che in realtà non era il mio bene secondo il mio punto di vista. Ma lo hanno fatto per amore verso di me.
Jersey

Messaggio da Jersey »

STEFYNA77 ha scritto:mi dispiace Jersey......
Vabbè, ho altre cose più belle :ok:
agata74 ha scritto:Mi spiego che a rileggermi non mi sono capita da sola, troppa emozione.
I genitori devono scegliere ciò che ritengono giusto per loro come coppia, proporzionalmente a quello che sentono di poter dare affettivamente ai figli. Se una coppia si sente completa con un figlio, è giusto che ne faccia solo uno piuttosto che farne due e poi non saperli gestire serenamente. Io ho sofferto e soffro per la scelta dei miei, però non mi sento di giudicarli. Loro lo hanno fatto per quello che per loro era il mio bene. Che in realtà non era il mio bene secondo il mio punto di vista. Ma lo hanno fatto per amore verso di me.
Mestiere difficile quello del genitore....
Avatar utente
Rie
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7933
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:51 pm

Messaggio da Rie »

Vi ho lette con emozione.
Io sono una figlia unica. Non ne sono entusiasta, ma insomma... diciamo che sono serena.

Da piccola sì che ero entusiasta! Adoravo essere sola, libera, non dover condividere, dedicarmi nella massima attenzione dei genitori ai miei passatempi, godere di risorse materiali che con più figli sarebbero state ridotte.
Da adolescente avrei voluto NON essere l'unica da stressare :P
Ma da adulta... da adulta avverto un vuoto, una mancanza, qualcosa che non è certo insostenibile, ma mi procura malinconia.

Ecco perché ho fortemente voluto due figli.
Anche superando l'opposizione di mio marito, il quale, pur nel rapporto corretto con sua sorella, e pur nell'equanimità dei suoi genitori (tanto più ammirevole quanto più la sorella è pecora bianca uniforme ai valori di famiglia e lui pecora nera), non è mai stato a lei vicino.
Persuadendolo a concepire Federico gli dicevo: "però ce l'hai, una sorella!".
E' un rapporto che esiste.
Che a volte, non sempre, si risolve in qualcosa di stupendo.
A volte, purtroppo, in un'interazione difficile come quella di Jersey e sua sorella.
Altre volte, come per mio marito, in una formale appartenenza comune, con un pizzico di tenerezza.

Ma per quell'una possibilità... su quante, poi? - Se mi guardo intorno la maggioranza dei fratelli, con varie sfumature, mi sembra felice di non essere nel club dei figli unici - ebbene, per quell'una possibilità su X, credo di aver dato ad Alex più di quanto gli abbia tolto.
E farò del mio meglio per stemperare i conflitti; per aiutare i miei bimbi a volersi bene, come già accade ora, nelle loro giornate di (occasionali liti e) tanto affetto.

Egoismo? Altruismo?
Non lo so.
Forse, pensando all'altro post in questa sezione che parla di come il nostro modo di essere si rifletta nella nostra genitorialità e influenzi la vita dei figli, è soltanto la mia personale esperienza di figlia, che da madre non accettava di replicare qualcosa che, con il senno di poi, pur con gli incontestabili pregi ha creato in me un piccolo, delicato vuoto.

Ora li guardo con stupore, Alex e Fede.
L'alchimia che a me è mancata.
Mi capita di essere talvolta perplessa nell'interpretarla, dubbiosa nel regolarla.
Eppure sono ottimista. Guidata dall'amore, pari per entrambi, che provo, spero di saperli accompagnare in un rapporto fraterno felice.
Delly

Messaggio da Delly »

Roie che belloleggerti..cmq io come te da figlia unica ho sofferto più ora,e quanto,per quello ne ho voluti due..ma ora non son convinta di aver fatto la cosa migliore..
Rispondi