secondo figlio...compatibile con lavoro "particolare"?!

Il luogo del pensiero, dell'approfondimento, della discussione; società, politica, religione e tanto altro su cui riflettere, un occhio critico sul mondo che ci circonda.
Avatar utente
laste
Admin
Admin
Messaggi: 8932
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:58 pm
Contatta:

Re: secondo figlio...compatibile con lavoro "particolare"?!

Messaggio da laste »

bea ha scritto:
emanuela1977 ha scritto:
Laste ha scritto:Io, per contraddire Lucia qui sopra, ho avuto la terza figlia di testa e non di pancia.
Diciamocelo, dopo Ruggero e con la fatica di Dario non avevo voglia di fare un terzo figlio.
Ma sapevo che più avanti me ne sarei pentita.
Ho cominciato la ricerca con un senso di soffocamento, diventato via via eccitazione, e commozione, e gioia.
Ad oggi sono felice di aver "osato" perché la mia non-pancia era soprattutto dovuta alla fatica e al rilassamento che mi veniva dall'aver raggiunto dei traguardi con gli altri figli.
Però...se deciderai di fare un secondo figlio,metterei in conto la possibilità di cercare supporto. Io ad esempio dopo la terza gravidanza ho avuto degli incontri con la psicologa del consultorio per parlare dei problemi di gestione dei 3, che mi mettevano in crisi.Le sensazioni che descrivi per la prima gravidanza non sono da sottovalutare
Marta è stata una scelta più di testa che di pancia, a dire la verità.

Per il terzo figlio sono combattuta. Il desiderio di averne un altro è grande ma adesso vedo quanta fatica faccio con due e questa cosa mi frena tantissimo. Come te, Lav, ho paura di pentirmene in futuro ad aver lasciato le cose così come sono. Non mi sento ancora completa, però....
Ecco, ho sottolineato quello che per me è il nodo della questione.
Sentirsi o meno complete, sentire che "il cerchio si è chiuso" o no.

A volte mi prender il desiderio di un altro bambino. Di nuovo la pancia, la sensazione di un piccolissimo in simbiosi con me...... Però io sento fortemente che il nostro cerchio è chiuso, che il nostro gruppo è equilibrato, che sono - siamo - completi così.

E' una sfumatura eh, ma è chiarissima.
Uhm....anche su questo non sono d'accordo (vi mancavo eh?)
Alcune di noi, sono fisiologicamente incomplete temo.
Fa parte della natura, della prosecuzione della specie per dirla tera-tera, una volta una noimamme disse che bisogna distanziare i figli adeguatamente per raggiungere sane e salve la menopausa senza farne troppi ahaha
E per alcune appunto è davvero così, rimane sempre un senso di...voglia


Rispondi