I compiti per casa

Parliamo dei nostri bambini dai 6 a 12 anni
Pisola
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 241
Iscritto il: mar apr 06, 2010 2:51 pm

I compiti per casa

Messaggio da Pisola »

Non so piu' che fare, come comportarmi, che dire...
Emanuele va in seconda elementare ,a scuola è bravo e non nutro dubbi sulle sue capacità di comprensione ,di espressione ..insomma a livello cognitivo non ci sono problemi ma probabilmente è qualcosa a livello emotivo che mi 'sfugge'.
Le cose stanno cosi..dopo pranzo guarda un'oretta di cartoni in tv e a quel punto, saranno le 15:30, le 16,comincia il calvario.Io gli chiedo che comici a fare i compiti e lui deve andare in cameretta a giocare..ok..poi la merenda..ok..la pipi..già comincio ad innervosirmi..Nel frattempo Emma si sveglia e il gioco è fatto.Le attenzioni per lei, la cena da preparare e non riesco a seguire Manu con calma nei compiti.
Si, perchè lui vuole che gli stia vicina e io lo assecondo volentieri in questo soprattutto perchè sta sempre con la testa tra le nuvole e se non lo sveglio starebbe a fantasticare per ore dimenticandosi di avere davanti un libro aperto.
Il fatto è che è già ora di cena e non siamo neanche a metà strada, lui ovviamente è già stanco e ancor piu distratto, io sempre piu nervosa e lui pure.. e son rimproveri e litigi ..E a me sembra di essere entrata in un circolo vizioso da cui non so piu come uscire
So già in partenza che non è solo di un suo problema che si tratta ma ma anche di un problema mio che non riesco a capire come andargli incontro..Mi pare d'averle provate tutte...Anche e non dirgli niente,a lasciarlo decidere da solo ma l'esito non è meno catastrofico perchè lui rimanda e rimanda finchè è sera e poi si fa prendere dal panico perchè è tardi, è stanco,ha sonno ma al contempo vuole farli perche teme il rimprovero delle insegnanti..ecco questo conflitto lo fa arrabbiare di bestia! Il fatto è che io mi stanco pure e finisco con l'arrabbiarmi anche io anche se so che non è questa la soluzione,,Senza contare poi che in questo modo lui finisce con l'andare a letto non prima delle 22:30 e la mattina alle 7 gli vien dura a svegliarsi
Scusate il poema e lo sfogo..è che mi viene il magone ma non so a chi parlarne :tristess:


Azur
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5030
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:03 pm

Messaggio da Azur »

provare a fare un elenco scritto di tutti i compiti del giorno,
e fare un compito - una pausa -un compito - una pausa - ecc?

avete già provato?
Pisola
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 241
Iscritto il: mar apr 06, 2010 2:51 pm

Messaggio da Pisola »

No, ma potrei provare a fare cosi..in effetti potrebbe essere una sorta di compromesso un po piu paritario rispetto a quello più 'di parte' (tipo il mio "prima tutti i compiti e poi i giochi" o il suo "prima i giochi e poi i compiti")
alemia
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7117
Iscritto il: ven dic 15, 2006 5:08 pm

Messaggio da alemia »

io eviterei proprio la tv fino alle 16.
ho sempre detto ai miei bimbi che i compiti si fanno subito ,per poi avere il tempo di fare altro (gioco sport o simili)
Avatar utente
la yle
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3291
Iscritto il: gio ago 23, 2007 3:03 pm

Messaggio da la yle »

Azur ha scritto:provare a fare un elenco scritto di tutti i compiti del giorno,
e fare un compito - una pausa -un compito - una pausa - ecc?

avete già provato?
Io lasciavo dieci minuti di break e puntavo la sveglia e marco arrivava per un altro round di compiti. Oppure fai guardare un piccolo cartone e poi richiami per I compiti
alemia
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7117
Iscritto il: ven dic 15, 2006 5:08 pm

Messaggio da alemia »

ripensavo a ciò che ho letto ,
dici di averle provate tutte, ma anche a "imporgli" in un certo senso, di farli prima della tv?

io credo che a sei\sette anni non abbiano la capacità di organizzarsi il pomeriggio in maniera proficua
ritengo logico che tenda a farsi prima tutte le sue cose, devi essere tu ad insegnargli a studiare ed a sfruttare bene il pomeriggio

io cerco di rendergli allettante il fatto di farli subito, prospettandogli tutte le cose che riusciremo a fare dopo se si sbriga in fretta i compitini.

mi rendo conto che è un bel problema che vi rende nervosi entrambi, e spero ti possano dare buoni consigli per risolvere la faccenda
Avatar utente
Fede
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 8468
Iscritto il: ven dic 15, 2006 11:16 pm

Messaggio da Fede »

Stesso nostro problema fino ad una settimana fa. Solo che Tom doveva finire i compiti prima delle 15 (io poi vado in ufficio). Lui è molto veloce ed ha pochi compiti per casa ma trovava sempre scuse x posticipare.
Sfuriata mia, Nintendo sequestrato ed ora alle 14.40 ha già finito i compiti. :lol:

Ho usato questo metodo poco ortodosso solo per fargli capire che se fa prima il suo dovere poi ha tutto il pomeriggio libero per le varie attività o per i giochi
Pisola
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 241
Iscritto il: mar apr 06, 2010 2:51 pm

Messaggio da Pisola »

alemia ha scritto:ripensavo a ciò che ho letto ,
dici di averle provate tutte, ma anche a "imporgli" in un certo senso, di farli prima della tv?

io credo che a sei\sette anni non abbiano la capacità di organizzarsi il pomeriggio in maniera proficua
ritengo logico che tenda a farsi prima tutte le sue cose, devi essere tu ad insegnargli a studiare ed a sfruttare bene il pomeriggio

io cerco di rendergli allettante il fatto di farli subito,prospettandogli tutte le cose che riusciremo a fare dopo se si sbriga in fretta i compitini.

mi rendo conto che è un bel problema che vi rende nervosi entrambi, e spero ti possano dare buoni consigli per risolvere la faccenda
Non le conto piu le volte che ho cercato di fargli capire che prima finisce più avrà il tempo di starsene libero per fare ciò che vuole. Sono casi eccezionali quelli in cui riesco a convincerlo a cominciare presto e anche in questi casi è un continuo di richiami per manterlo con la testa sul compito.
Ad impormi ci ho provato .ma se non guarda la tv e non va in camera a giocare, si mette sotto il plaid e dopo un po si addormenta sul divano.
Probabilmente sono poco dura e forse mi illudo che abbia un senso di responsabilità che invece ancora non possiede
Rispondi