Mi sfogo-problema tecnico futuro

Parliamo dei nostri bambini dai 6 a 12 anni
Smilla

Messaggio da Smilla »

troppi_gatti ha scritto:ma perchè, quando lavori dipendente ed hai un ruolo insostituibile, non è la stessa cosa?
e quando lavori dipendente, ad una catena di montaggio, non è la stessa cosa?
e se sei chirurgo, e magari devi pure operare?
se sei proprietario di un negozio, e quella mattina nessuno può aprirlo al posto tuo?

che è, il titolare non ti fa pesare l'assenza?
i colleghi non ti guardano come se ti inventassi le malattie dei figli, pur di stare a casa a grattarti il culo?
nessuno ti fa battute come "per il suo compleanno gli regaliamo la gita a lourdes?"

e vogliamo parlare poi, di quando dopo l'assenza per il figlio sei costretta a fare malattia per te, perchè il figlio ti ha contagiata?

stare a casa dal lavoro FA BRUTTO.
sempre e comunque.

però quando è necessario si fa, e chi s'è visto s'è visto.
straquoto

ricordiamoci che nessuno è insostituibile e quindi io al primo posto metto la salute di mio figlio poi l'azienda.

poi cate magari ti fasci la testa prima di essertela rotta, nel senso che per es: Edo i primi 3 mesi di nido li ha fatti più a casa che al nido ma poi dal rientro dalle vacanze natalizie ha fatto un giorno a casa.

hai pensato alle varie ferie scolastiche?


Avatar utente
Allibita
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1731
Iscritto il: sab gen 15, 2011 1:01 am

Messaggio da Allibita »

troppi_gatti ha scritto: ma allora non ero mamma.
per i figli non si guarda in faccia a nessuno.
Vabbè è ovvio che quando si tratta di emergenze o situazioni particolari uno dà precedenza alla salute del figlio ci mancherebbe.
Però in generale se lavori in un posto in cui sai che la tua assenza crea problemi tendi a "pararti il sederino" per fare in modo di mancare il meno possibile.

Sono i pro e i contro di determinate realtà in cui non sei solo uno dei tanti ma la tua presenza è importante.
Avatar utente
Allibita
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1731
Iscritto il: sab gen 15, 2011 1:01 am

Messaggio da Allibita »

troppi_gatti ha scritto:ma perchè, quando lavori dipendente ed hai un ruolo insostituibile, non è la stessa cosa?
e quando lavori dipendente, ad una catena di montaggio, non è la stessa cosa?
e se sei chirurgo, e magari devi pure operare?
se sei proprietario di un negozio, e quella mattina nessuno può aprirlo al posto tuo?
Infatti quelle che hai elencato sono situazioni tutte diverse l'una dall'altra in cui restare a casa 3 giorni ha un peso completamente diverso.
Poi, mi ripeto, quando serve ci rimani.
Smilla

Messaggio da Smilla »

Allibita ha scritto:Infatti quelle che hai elencato sono situazioni tutte diverse l'una dall'altra in cui restare a casa 3 giorni ha un peso completamente diverso.
Poi, mi ripeto, quando serve ci rimani.
e no! non è accettabile e ti parlo io che ho fatto 3 giorni di malattia in 8 anni di lavoro, e sono andata anche a lavorare con la febbre.
a maggior ragione che sono i nonni e sanno che non ci sono altri aiuti, credo che dovrebbero dare a CAterina quello che spetta a una normale dipendente nel caso di malattia della Kily o quantomeno studiare un orario ridotto.

Cate tuo marito fa i turni?
Avatar utente
Allibita
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1731
Iscritto il: sab gen 15, 2011 1:01 am

Messaggio da Allibita »

Ma magari Cate non vuole nessun orario ridotto e vuole continuare ad avere il ruolo che ha perchè (ipotizzo) quello che fa le piace.
Ha solo immaginato che si troverà nella situazione di dover far fronte a possibili periodi in cui sua figlia si ammalerà troppo spesso rispetto alla sua possibilità di assentarsi senza creare problemi e vuole essere pronta nel caso succeda.
Sarò strana ma mi sembra un ragionamento normalissimo.
Smilla

Messaggio da Smilla »

l'orario ridotto lo ipotizzavo nel caso di malattia
beatrix

Messaggio da beatrix »

Cate non è detto che Rachele si ammali tanto. I miei sono stati a casa si e no due-tre giorni dall'inizio dell'anno.

E' vero che sono due.... e si erano già presi bei raffreddori e una influenza di pancia l'anno scorso. In questo senso potresti fare un po' di "prevenzione", sia dandole dei rinforzi, sia buttandola in mezzo ad altri bimbi ogni volta che ne hai l'occasione già da ora.

Dai che non è vero che si ammalano sempre....
Trilli2011
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 294
Iscritto il: lun gen 31, 2011 3:06 pm

Messaggio da Trilli2011 »

Non è un problema solo di chi lavora in proprio.
Io insegno, e quando sto a casa per mia figlia malata (NB è successo per un totale di 11 giorni in 2 anni) i genitori sbuffano, perchè l'attività didattica si interrompe, e arrivano a chiedere un'altra sezione dove gli insegnanti hanno figli più grandi.
Anche i colleghi sbuffano perchè devon sostituirmi oppure prendersi in classe due o tre alunni ciascuno.
Rispondi