I libri di Fabio Volo

Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

zizzia ha scritto:osi criticare un dato statistico???
ti cito:
Una statistica fatta su un campione ampio e significativo è quanto di più esatto si può reperire.

in pratica è scienza!
Non critico il dato statistico (comunque sì possono essere criticabili) critico il dato statistico così come viene esposto e l'ente che c'è dietro il dato statistico.

Sinceramente mi fido di più di dati OMS che delle statistiche della PLASMON

Faccio male?

Rimane il fatto che puoi continuare a trattarmi da scema zizzia.

Ma senza la statistica non c'è la medicina.
Mendel e darwin hanno usato la statistica ne più nè meno.


Certo che ci sono vari livelli di affidabilità ma andare a fondo serve anche a cercare di capire dove appoggiarsi (in linea di massima io mi appoggio all'oms e all'unicef parlando di bambini)



Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

zizzia ha scritto:stiamo parlando di statistica sull'uso del ciuccio, non stiamo prendendo in esame altri fattori, quali il dormire con la mamma.

questa che ti ho appena riportato è stata pubblicata nei giorni scorsi, trattandosi di ciuccio penso che riguardi un campione superiore includerà anche le mamme che non allattano al seno, "costrette" quindi a utilizzare il ciuccio per allontanare il rischio sids.


ma perchè non ti va bene questa statistica?
Non ho detto che non mi va bene.
Dico che non è una statistica dei giorni scorsi (sarà stata ripubblicata) e che va vista considerando tutti i dati e non come singolo dato :mumble:

(che poi Lorenzo il ciuccio lo prendeva eh)

Sicuramente se una mamma non allatta al seno fa bene a usare il ciuccio (perchè addormentare il bimbo con il biberon è più complicato soprattutto se si sveglia spesso)

Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Messaggio da Cosetta »

ah vabbé io ci rinuncio, infatti non mi importa molto, semplicemente però spiegare cosa significa un dato statistico (e non un dato neutro, ma un dato che dimostra FATTORI DI RISCHIO) sarebbe importante
ma se per te Lucia è importante che non sia chiaro, ti faccio contenta, è la tua sezione del resto.

Per quanto riguarda il ciuccio non capisco il problema. Se è stato dimostrato che è un fattore di prevenzione non ho nulla di dire, perrò quando si dimostrano queste cose di solito ci si chiede anche: perché? Lenina te l'ha spiegato, il probabile perché, ma è questa la sede? Apriamo un post nei Cuccioli sui fattori di rischio e prevenzione della SISD!

Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

Poi comunque zizzia non ho mai detto "prendiamo le statistiche e usiamole tutte come base"

Si tratta di statistica appunto.

Si può tenerne conto o meno sapendo cosa si rischia e cosa no.

A me pare che tu mi stia buttando dati senza comprendere il seno dell'uso della statistica posso dirtelo?

Che poi non ho certo l'abitudine di sparare dati statistici di continuo (se tu leggessi sapresti che non mi piacciono neppure le statistiche a favore dell'allattamento al seno perchè non ritengo che siano quelle il motivo base per allattare)

Ci sono migliaia di studi.
Bisogna cercae di capire quali sono più accreditati

Ci sono dati certi da anni (il fumo fa male) e altre novità che richiederanno anni di approfondimenti per essere accreditate.

Tempo fa ci fu uno studio che diceva che l'uomo che si fa la barba ogni giorno ha meno possibilità di morire di infarto.
Uno studio accreditato eh.

Però andando a fondo si capì che non era farsi la barba a fare l'effetto.
Il farsi la barba era uno dei segnali, di solito l'uomo che si fa la barba ogni giorno è un uomo che tende a curarsi di più anche in altri aspetti della vita.

Quindi lo studio era reale.
Ma se il giorno dopo tutti gli uomini si fossero messi a farsi la barba ogni giorno non lo sarebbe più stato.

Perchè avrebbero dovuto migliorare gli altri aspetti.

zizzia
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5858
Iscritto il: sab dic 16, 2006 1:35 pm

Messaggio da zizzia »

lenina ha scritto:Non critico il dato statistico (comunque sì possono essere criticabili) critico il dato statistico così come viene esposto e l'ente che c'è dietro il dato statistico.

Sinceramente mi fido di più di dati OMS che delle statistiche della PLASMON

Faccio male?

Rimane il fatto che puoi continuare a trattarmi da scema zizzia.

Ma senza la statistica non c'è la medicina.
Mendel e darwin hanno usato la statistica ne più nè meno.


Certo che ci sono vari livelli di affidabilità ma andare a fondo serve anche a cercare di capire dove appoggiarsi (in linea di massima io mi appoggio all'oms e all'unicef parlando di bambini)

la medicina è un continuo progresso, è un qualcosa che non si ferma mai, i numeri per la medicina possono essere d'aiuto ma spesso (vedi proprio Darwin) è il caso che ci mette lo zampino.
Anche perchè il numero delle giraffe con il collo lungo forse era lo stesso anche per Lamarck, o no??

anche tu puoi continuare a trattarmi da scema Lenina come la miscredente che non accetta la statistica (cosa che tra l'altro non è), tu accetti solo le statistiche OMS, ok ho capito adesso.

Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

zizzia ha scritto:la medicina è un continuo progresso, è un qualcosa che non si ferma mai, i numeri per la medicina possono essere d'aiuto ma spesso (vedi proprio Darwin) è il caso che ci mette lo zampino.
Anche perchè il numero delle giraffe con il collo lungo forse era lo stesso anche per Lamarck, o no??

anche tu puoi continuare a trattarmi da scema Lenina come la miscredente che non accetta la statistica (cosa che tra l'altro non è), tu accetti solo le statistiche OMS, ok ho capito adesso.
Non accetto solo quelle.
Certo solo di capire cosa vi sia dietro.

non ti tratto da miscredente.
penso che tu mi stia criticando di usare troppo la statistica senza aver OBIETTIVAMENTE mai letto i miei post visto che nonostante mi piaccia la statistica la uso pochissimo in campo pratico.
Certo che conta il caso ma il caso viene poi mandato avanti.
Se la mutazione che ha portato la giraffa ad avere il collo lungo fosse stata recessiva che probabilità c'era che tutte le giraffe finissero per avere il collo lungo nonostante i vantaggi? Se invece fosse stata dominante?

La medicina è in progresso certo.
Ma sono progressi fortemente legati ai numeri e agli studi.
E gli studi si basano sulla statistica torniamo sempre li.

Ci sarà anche il caso ma per fare uno studio servono dei numeri.

Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Messaggio da Cosetta »

zizzia ha scritto:la medicina è un continuo progresso, è un qualcosa che non si ferma mai, i numeri per la medicina possono essere d'aiuto ma spesso (vedi proprio Darwin) è il caso che ci mette lo zampino.
Anche perchè il numero delle giraffe con il collo lungo forse era lo stesso anche per Lamarck, o no??

.
:mumble:
me la spieghi questa?

Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

Detto questo lascio perdere questo OT.
Però sinceramente zizzia non ho capito dove vorresti arrivare.

A dirmi che infarcisco troppo i post di statistica e perdo di contatto?
Non mi sembra davvero

A dirmi che non bisogna tenerne conto per nulla oppure tenerne conto al 100%?
non sono d'accordo.

Rispondi