Infertilità in aumento e bassa natalità: le cause in un’infografica


In Italia, è cosa nota, si fanno sempre meno figli. Tra le cause l’infertilità in aumento.

Indice degli argomenti

Le cause sono varie e tra queste l’infertilità e Centro per la Fecondazione Assistita Alma Res,  clinica specializzata in Procreazione Medicalmente Assistita, ha creato questa infografica che raccoglie dati demografici aggiornati, le percentuali relative al tasso di infertilità, il confronto con altri Paesi UE e una panoramica sui risultati raggiunti con la fecondazione assistita.

L’infertilità riguarda il 15% delle coppie. Nel 2017 sono nati 464.000 bambini: mai così pochi. Inoltre l’età media della donna che mette al mondo il primo figlio, è arrivata a 31,8 anni: la più alta in tutta l’Unione Europea.

Le principali cause di infertilità maschile

  • Anormale produzione o funzione dello sperma a causa di testicoli ritenuti, difetti genetici, problemi di salute come il diabete o infezioni da clamidia, la gonorrea, la parotite o l’HIV. Anche le vene dilatate nei testicoli (varicocele) possono influenzare la qualità dello sperma.
  • Disfunzione erettile. Problematiche come l’eiaculazione precoce; alcune malattie genetiche, come la fibrosi cistica; problemi strutturali, come un blocco nel testicolo; o danni o lesioni agli organi riproduttivi.
  • Sovraesposizione a determinati fattori ambientali, come pesticidi e altri prodotti chimici e radiazioni. Il fumo di sigaretta, l’alcol, la marijuana o l’assunzione di alcuni farmaci, come certi antibiotici, antipertensivi, steroidi anabolizzanti o altri, possono influenzare la fertilità. L’esposizione frequente al calore, come nelle saune o nelle vasche idromassaggio, può aumentare la temperatura corporea interna e può influire sulla produzione dello sperma.
  • Danni correlati al cancro e al suo trattamento, incluse radiazioni o chemioterapia. Il trattamento per il cancro può compromettere la produzione di sperma, a volte gravemente.

Principali cause di infertilità femminile

  • Disturbi dell’ovulazione, che influenzano il rilascio di ovuli dalle ovaie. Questi includono disturbi ormonali come la sindrome dell’ovaio policistico. Anche l’iperprolattinemia, una condizione in cui si ha troppa prolattina, l’ormone che stimola la produzione di latte materno, può interferire con l’ovulazione. Troppo ormone tiroideo (ipertiroidismo) o troppo poco (ipotiroidismo) può influenzare il ciclo mestruale o causare infertilità. Altre cause possono essere esercizio fisico eccessivo, disturbi alimentari, lesioni o tumori.
  • Anomalie uterine o cervicali, comprese anomalie con l’apertura della cervice, polipi nell’utero o la forma dell’utero. Tumori non cancerosi (benigni) nella parete uterina (fibromi uterini) possono raramente causare infertilità bloccando le tube di Falloppio. Più spesso, i fibroidi interferiscono con l’impianto dell’uovo fecondato.
  • Danni o blocchi delle tube di Falloppio, spesso causati dall’infiammazione della tuba di Falloppio (salpingite). Ciò può derivare da una malattia infiammatoria pelvica, che di solito è causata da un’infezione a trasmissione sessuale, endometriosi o aderenze.
  • L’endometriosi, che si verifica quando il tessuto endometriale cresce al di fuori dell’utero, può influire sulla funzione delle ovaie, dell’utero e delle tube di Falloppio.
  • Insufficienza ovarica primaria (menopausa precoce), quando le ovaie smettono di funzionare e le mestruazioni finiscono prima dei 40 anni. Sebbene la causa sia spesso sconosciuta, alcuni fattori sono associati alla menopausa precoce, comprese le malattie del sistema immunitario, alcune condizioni genetiche come la sindrome di Turner, radioterapia, trattamento chemioterapico e fumo.
  • Adesioni pelviche, fasce di tessuto cicatriziale che legano gli organi dopo infezione pelvica, appendicite o chirurgia addominale o pelvica.

In Italia infertilità in aumento

Infertilità in aumento e bassa natalità: le cause in un’infografica
5 (100%) 3 votes


Condividi se ti è piaciuto!

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.