Ricevere visite dopo il parto: no grazie!

0
320

Visite dopo il parto“Guardala con indosso i pantaloni sotto una camicia da notte”, disse con una piccola risatina.

“Non credo tu stia cambiando il pannolino nel modo giusto – sembri schizzinosa”, disse mentre mi spingeva lontano dal fasciatoio.

“Ti stai addormentando di nuovo?”

“Che aspetto ha la cicatrice?”

Dopo aver dato alla luce il mio primo figlio, queste sono state le dichiarazioni con le quali sono stata accolta dai familiari.

So che non volevano danneggiarmi, ma avevo sacrificato il mio personale desiderio di non avere visitatori che venissero a farmi visita all’ospedale per essere gentile con le persone che volevano essere lì comunque.

Con riluttanza, sorrisi e cercai di rimanere sveglia, ma ero esausta.

Ero sotto ossicodone per controllare i dolori del mio parto cesareo e, con tutto il trauma di partorire mio figlio in anticipo di due settimane a causa di livelli di ossigeno pericolosamente bassi, sorridere era l’ultima cosa che avrei desiderato. Volevo mangiare e riposarmi e tenere in braccio il mio nuovo bambino, che non ho nemmeno potuto incontrare fino a quasi quattro ore dopo il mio intervento chirurgico.

Sì, ho perso la nascita del mio bambino perché sono stata sottoposta ad anestesia totale.

Non solo, ma ero sola in sala operatoria da sola perché mio marito si trovava a circa 800 km di distanza per lavoro, e cercava freneticamente di prenotare un volo per ritornare a casa.

Quindi, come potevo sentirmi quando le persone venivano a trovarmi quando invece il mio desiderio era di vivere un’esperienza privata?

Mi sentivo felice di poter essere abbastanza matura da non causare problemi. Ma ero anche sconvolta dal fatto che avevo subito un intervento chirurgico importante, tuttavia, i miei momenti di veglia dovevano essere spesi fingendo che i commenti della gente non fossero offensivi e che la loro presenza fosse una cosa piacevole.

Mi dispiace di non sembrare molto alla moda in questo momento.

Ma correre fuori casa quando mi sono accorta di sanguinare non mi ha dato la possibilità di afferrare il mio abbigliamento più fico (e comunque, per le mie 38 settimane di gravidanza niente di fico era disponibile). E forse sto impiegando qualche minuto in più del dovuto per cambiare questo pannolino, ma sono una mamma per la prima volta e oltretutto non ho chiesto aiuto perché sto cercando di imparare. Sì, mi sto addormentando di nuovo a causa degli effetti collaterali delle medicine forti che sto prendendo e, no, non ti faccio vedere la mia cicatrice. Riesco a malapena a trovare il coraggio di guardarla da sola, quindi ti prego di tenere la tua faccia fuori dalla mia biancheria intima.

Non ero consapevole del fatto che avrei continuato a sanguinare, anche se il parto fosse stato cesareo.

Questo, e altre cose nuove che accadevano al mio corpo, mi hanno fatto sentire estremamente a disagio sdraiata su un letto, senza reggiseno, cercando di essere ospitale per questi “ospiti” non invitati.

Sono una persona riservata;

mi vergogno ancora quando mio marito mi vede nuda e non vado dal ginecologo se non penso che ci sia un tumore lì in basso. Per me stare seduta tranquillamente sul mio pannolino per adulti e provare a portare avanti una normale conversazione è stato molto difficile e imbarazzante, anche se gli altri non sono d’accordo. Avrei preferito stare da sola con il mio bambino.

Invece di avere l’opportunità di costruire un legame speciale con il mio piccolo, ho dovuto condividerlo con la famiglia allargata, oltre a infermiere, specialisti e medici che ogni tanto si rivolgevano a noi per controllarci. Non è che non fossi grata che mio figlio fosse così amato (o che non apprezzavo gli abbracci, il buon cibo che mi hanno portato da casa, i regali). È che volevo recuperare le forze e recuperare il tempo che avevo perso con il mio bambino (tra il suo periodo di terapia intensiva neonatale e la mia guarigione).

Quando finalmente è arrivato mio marito, volevo anche avere del tempo per stare soli come famiglia.

E questo era possibile solo in tarda serata, dopo che i visitatori smettevano di entrare attraverso la porta della mia stanza e dopo che le infermiere avevano completato il loro giro. Sfortunatamente, questo era anche il momento in cui mio marito e io dovevamo provare a dormire. È stato un viaggio emozionante ed estenuante.

Facciamo un balzo avanti nel tempo: ora aspettiamo il nostro secondo figlio.

Negli ultimi mesi, mio ​​marito ed io abbiamo avuto questa discussione numerose volte. Cosa facciamo a riguardo delle visite con il bambino numero 2? Personalmente, non voglio nessun visitatore. Ho cercato di essere gentile l’ultima volta permettendo alle persone di vedermi dopo il mio parto e, come previsto, non mi sentivo a mio agio.

Mio marito, la cui famiglia vive nei paraggi, non è d’accordo con me, perché pensa che i suoi genitori si offenderanno se non vengono invitati all’ospedale, poco dopo la nascita. Mentre capisco che non vuole ferire i loro sentimenti, mi riporta indietro a dove ero prima del mio ultimo cesareo: faccio una lista VIP di persone a cui è permesso di visitarmi e lascio che l’ospedale sbarri la via agli altri, o faccio semplicemente venire qualcuno per evitare le lamentele che in seguito dovrò subire sicuramente?

Siamo giunti alla conclusione che i miei sentimenti contano di più.

Non possiamo accontentare tutti e non dovrebbe nemmeno essere dovuto. Perchè devo star qui a lambiccarmi su come evitare il dramma familiare durante la mia gravidanza? Il nostro obiettivo non dovrebbe essere la felicità degli altri.

Se non voglio vedere nessuno dopo la nascita del mio bambino, allora le persone dovranno farsene una ragione.

Ho anch’io un diritto alla privacy anche se non sto allattando al seno (che sembrava essere l’unica occasione in cui mi è stato “permesso” di chiedere alla gente di lasciare la mia stanza con il mio parto precedente) e il diritto di preferire il mio conforto su quello di qualcun altro. Le mamme raramente diventano egoiste, ma questo sembra un momento importante per tracciare una linea e dar retta ai miei sentimenti.

Abbiamo in programma di chiedere allo staff dell’ospedale di non permettere visitatori.

Se qualcuno lo prenderà come un problema, dovranno capire come superarlo, perché provare a decidere ciò che una donna è autorizzata a richiedere – o limitare – in termini di compagnia dopo la nascita di suo figlio non è un comportamento educato. E se non riescono a tenere in considerazione le esigenze mie e della mia famiglia in questo momento speciale, non vedo perchè dovrei preoccuparmi di come si sentono.

Personale ospedaliero, per favore chiudi la porta. Nessun visitatore permesso.

Ricevere visite dopo il parto: no grazie!
4.2 (84%) 5 votes