Reggiseni per l’allattamento: Come scegliere quello giusto

0
150

Per un allattamento spensierato e per avere il giusto sostegno per un seno che sarà sicuramente aumentato già dagli ultimi mesi di gestazione, la scelta di un buon reggiseno è sicuramente importante. I modelli che si trovano in commercio sono ormai simililissimi a quelli normali e se ne trovano per tutti i gusti e le taglie. L’unica differenza del reggiseno per allattamento è quella di avere le coppe aperte o più basse per poter allattare comodamente senza doverlo togliere. Riuscire a offrire il seno al bebè anche con una mano sola, è essenziale quando ci si trova con il pargoletto in braccio. Soprattutto per chi allatta a richiesta o comunque quando capita di dover allattare fuori casa, è essenziale poter scostare la coppa e rimettere tutto in ordine in modo facile e veloce. Inoltre un buon reggiseno deve vestire bene e comodo, senza il rischio che possa costringere il seno e di conseguenza i dotti del latte, rischiando così di infiammare la mammella.

Come scegliere il giusto reggiseno per l’allattamento

Per scegliere il giusto reggiseno bisogna però fare attenzione a determinati elementi. Primo tra tutto la scelta della misura. Ci dicono da prima di partorire che si deve scegliere una taglia in più rispetto al normale, ma quello che spesso si sottovaluta è la dimensione della coppa. Bisogna fare attenzione, nello scegliere una taglia in più, al fatto che anche se la gabbia toracica dovesse aumentare, potrebbe starvi grande ugualmente il reggiseno di una taglia in più. Assicuratevi quindi che si possa regolare la larghezza del giro seno, così da non rischiare di avere un accessorio eccessivamente largo anche se giusto di coppa. Infatti è proprio la dimensione della coppa che cambierà durante l’allattamento ed è questa che va aumentata di dimensione, ricordando che di norma i reggiseni normali vengono venduti nella coppa B e che esistono misurazioni che vanno dalla A alla D, ma con modelli che arrivano anche alla I per i modelli specifici da allattamento.

Altro errore che spesso si commette è quello di acquistare prodotti a basso costo solo perché si dovrà utilizzare per poco tempo. La scelta migliore invece è proprio quella di puntare sulla qualità di un prodotto che mai come in questo momento sarà più necessario anche per sostenere il seno. Prodotti di qualità vi potranno poi dare massimo confort e praticità e anche di garantire sicurezza e proteggere la vostra salute.

Il materiale con cui vengono realizzati deve essere sicuro e possibilmente naturale, così da evitare infezioni e da poterlo lavare senza problemi. Soprattutto per un lavaggio costante, si consiglia di acquistare almeno due reggiseni per l’allattamento, così da averne sempre uno pronto mentre l’altro viene lavato e asciugato.

Ricordiamo poi che molto probabilmente sarà necessario inserire nel reggiseno le coppette assorbilatte e che quindi la vestibilità deve essere buona anche per sostenere le coppette nel posto e nel modo corretto e dare la possibilità di cambiarle quando necessario senza doverci spogliare completamente ogni volta.

Scopri i reggiseni per allattamento più popolari su Amazon:

 

Reggiseni per l’allattamento: Come scegliere quello giusto
5 (100%) 1 vote

Condividi
Articolo precedenteCiclo di vita dei capelli nei bambini
Articolo successivoCome inserire i legumi nello svezzamento
mm

Eva Forte, nata a Roma il 5 Maggio 1976 si
è laureata in Sociologia delle Comunicazioni di massa nel 2001 con il Prof Mario
Morcellini. Entrata da subito nell’editoria come giornalista per diverse testate cartacee
e come esperta sociologa sulla genitorialità e i contesti familiari per vari mensili di
settore, ha aperto nel 2005 l’Associazione Mamme Domani Onlus, un portale
enciclopedico per aiutare le coppie in cerca di gravidanza e i neo genitori . Oggi scrive
su magazine online di diversi argomenti, dalla cucina alla tecnologia fino all’attualità
di cronaca. Due è il suo primo romanzo a cui è seguito un giallo “In Equilibrio” e ora è
impegnata nella stesura del suo terzo romanzo “10 amanti in cucina”. Ha due figli che
prendono il primo posto nella sua vita e la passione per la cucina, la montagna e la
pittura.