11 giugno 2008

Scopa leopardataOggi protagonista è la signora Nada, collaboratrice domestica: non parla italiano ma neanche inglese. Solo serbo. Le abbiamo spiegato che io parlo solo italiano o al massimo inglese ma lei imperterrita continua a dialogare con me sulle cose più disparate. A un certo punto Sara le fa: "La smetti di parlare INGLESE che mi fa male la testa?". Per Saretta tutto ciò che non è italiano è inglese, è quella a cui il non capire da più fastidio: alla collega di Fabri venuta a trovarci ha detto: "Questa è casa mia, non puoi parlare inglese!".
Alle 18 seconda lezione di danza, diluvio universale, ma non potevamo mancare, infatti eravamo in quattro: due erano mie.

Il body era arrivato, ma il tutù non ancora: per fortuna Tania ne ha procurati due. Stavolta non ho potuto assistere, ma lei era molto soddisfatta ("They are very good"): sono due giorni che provano in casa, ci credo!
La loro lezione è dalle 18 alle 19, alle 19 inzia danza del ventre.
In giro per la città non ci sono pubblicità di donne svestite o altro, niente tette o culi in bella mostra; ero convinta avessero un senso del pudore e una riservatezza ormai persasi da noi e invece ieri, quando alle 19 sono arrivate tutte ‘ste ragazzone sui 20 anni per la lezione, incuranti del fatto che ci fosse Fabri hanno cominciato a spogliarsi tranquillamente.
Il poveretto, rosso come un peperone, è scappato fuori mortificato (lui).