Bimbi a bordo: viaggiare in auto in sicurezza! 3


bambino-nel-seggiolino-autoCapita spesso che nei periodi di vacanza, le mamme e i papà di tutta Italia decidano di affrontare un viaggio in automobile col proprio bebè. Generalmente gli accorgimenti si sprecano, tutto viene curato nei minimi dettagli, per essere sicuri di non aver dimenticato nulla prima di partire.

Olio e gomme vengono controllati meticolosamente, così come la documentazione necessaria ad affrontare il viaggio, comprensiva di bollo e assicurazione. Infatti tra le leggerezze più ricorrenti c’è proprio quella che concerne la polizza in scadenza, che fortunatamente può essere evitata risparmiando anche sulle spese di assicurazione ad esempio con un click qui e confrontando più assicurazioni direttamente online.

Ma proprio quando tutto sembra essere sotto controllo ecco che emerge un dato allarmante, rilevato opportunamente dall’Associazione amici polizia stradale (“Asaps”): ben sei bambini su dieci non viaggiano sul seggiolino come previsto la dalla legge Italiana. La noncuranza dei genitori, che sovente viene giustificata con un’eccessiva fiducia nella capacità di controllare qualsiasi evenienza pur senza prendere le precauzioni necessarie, è una delle cause principali dei risultati statistici esaminati, assieme alla pigrizia.

Utilizzare gli strumenti necessari per garantire la sicurezza dei più piccoli è di fondamentale importanza, oltre ad essere molto semplice. Pare proprio che la tradizione nostrana non sia particolarmente sensibile a questo accorgimento, che dovrebbe essere un vero e proprio obbligo morale nonché una priorità assoluta. E’ sufficiente un breve momento di distrazione alla guida per compromettere l’incolumità del bimbo, che può comportare conseguenze spiacevoli in caso di incidente stradale.

L’abitudine di tenere i propri pargoli in braccio sul sedile anteriore, può essere erroneamente confusa con un gesto di protezione affettuoso, un modo per tenere la situazione sotto controllo. In realtà è quanto di peggio si possa fare per mettere a repentaglio la vita dei propri figli. Nell’aprile del 2006 sono state apportate alcune modifiche all’articolo 172 del codice stradale, che prevede obbligatoriamente “l’uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per bambini”. Scegliere il seggiolino più appropriato è molto semplice, dal momento che ne esistono vari tipi, classificati a seconda del peso individuale del bambino.

Tuttavia procedere al giusto acquisto non basta, occorre pertanto che questo venga correttamente installato, seguendo passo dopo passo le preziose istruzioni di montaggio. I gruppi principali di sedili sono tre: quelli per i bimbi con un peso inferiore ai tredici chili, quelli che sono compresi tra i nove e i tredici chili, e quelli per i più grandicelli, per un peso che oscilla tra i ventidue e i trentasei chili. Lo stato Italiano prevede l’adozione dei seggiolini con sistema Isofix, dotato di specifici agganci ed in grado di adattarsi in maniera ottimale ai sedili della vettura.

Ad ogni modo, occorre avere sempre un’occhio di riguardo per i più piccoli, evitando ad esempio di far mangiare il bambino in completa solitudine. Il soffocamento da cibo è solo una delle cause che possono portare a creare situazioni davvero allarmanti. Come già osservato poc’anzi, la posizione nel sedile frontale in braccio al genitore è altamente rischiosa. Sebbene il piccolo possa lamentarsi esageratamente, è essenziale che nei genitori non subentri alcun sentimento di pietà nel caso in cui si rifiutasse di accomodarsi nel posto adatto a lui.

Piuttosto è indicato effettuare qualche sosta aggiuntiva, per permettergli di sgranchire le gambe e riposarsi dopo qualche ora di viaggio. Il limite per il quale un bambino può sedersi tranquillamente a bordo dell’auto, senza contravvenire alle norme stabilite dal codice della strada è di trentasei chilogrammi e un metro e mezzo d’altezza. In attesa che il vostro pargolo cresca, è sempre meglio fare affidamento sulle diverse tipologie di sicurezza messe a disposizione, per poter affrontare il viaggio in tutta serenità e mettere al sicuro i nostri figli.

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone