Le cure termali per i bimbi

da . 23 luglio 2007
Vota questo articolo

Prec1 of 2Succ
Usa i tasti ← → per navigare

termeL’Italia ha un numeroelevatissimo di sorgenti termali: forse è il paese europeo che ne ha di più.Ciononostante la cultura del termalismo, benché antichissima, non è a tutt’oggimolto diffusa da noi, o per lo meno sembra relegata ad una fascia particolaredi fruitori, magari di età piuttosto matura, con le classiche patologiecronico-degenerative osteoarticolari regalate dagli anni oppure con, spesso,non troppo definite disfunzioni epato-biliari. Roba per anziani, insomma.

I giovani sembrano peròattualmente riscoprirle e essere così in contro-tendenza, ma le nuove modeimposte dalla fiorente imprenditoria dei centri benessere e delle Spa portanoad identificare il soggiorno in una località termale con l’idea di relax ebenessere associato ad una “remise en forme” molto incentrata sulle cureestetiche, anche se etichettate come “approccio olistico alla persona”, con unocchio al corpo, cioè, e l’altro alla mente.

Le promesse, di solito, sonosufficientemente mantenute, ma spesso è il portafoglio a protestare, oppurechi, avendo obblighi famigliari e figli piccoli a cui badare, vorrebbe si,concedersi, per una volta, il privilegio di farsi coccolare, visto che per mesio anni non ha fatto altro che coccolare, ma non sa come conciliare questodesiderio con le necessità pressanti del menage famigliare.

A queste considerazioni siassocia il frequente scetticismo dei medici stessi nei confronti della realeefficacia delle cure termali rispetto agli strumenti terapeutici ben più potentiforniti dalla medicina allopatica moderna e l’ancor più frequente riluttanzadel datore di lavoro a concedere giorni di permesso per usufruire di curetermali tendendo a etichettare il lavoratore che le richiede come lavativo, unoche le prova tutte, appunto, pur di non andare al lavoro.

Attualmente, però, la scienzaviene in aiuto alla ricerca con nuove tecnologie che permettono di studiare inmodo più approfondito  le modificazioniapportate nei vari organi ed apparati sottoposti alle cure delle acque o deifanghi termali e riscontri scientifici precisi ed interessanti stannofinalmente emergendo.

Certo, le cure termali non sisostituiscono a quelle tradizionali, ma quando ben scelte e ben condotte,possono affiancarsi ai farmaci e spesso permettono una riduzione del bisognodel farmaco stesso.

Per decidere di sottoporsi a curetermali bisogna inoltre che alcuni criteri di ordine generale sianosoddisfatti: per es. bisogna valutarne l’opportunità con il proprio medicoperché il “fai da te” non esiste in questo campo, può essere dannoso. Bisogna,inoltre, che la patologia che si intende curare sia accertata con diagnosiprecisa e, quanto possibile, precoce (le cure termali si addicono a patologiecroniche o recidivanti solo di un certo tipo e sono soggette a specifichecontroindicazioni); bisogna conoscere la reattività individuale di ognuno;bisogna che chi vi si sottopone lo faccia per il tempo ed i cicli necessari, inuna struttura accreditata e con possibilità di controllo nel tempo deirisultati ottenuti; bisogna, ovviamente, che il paziente stesso sia favorevolee contento di trascorrere un certo periodo – di solito non inferiore alle duesettimane e spesso ripetuto nel tempo – proprio in quel luogo, con quel clima,quell’atmosfera, quel tipo di accoglienza ecc. Le cure termali non sono unamedicina da ingerire in una frazione di secondo con un sorso d’acqua e via!D’altra parte il nuovo concetto di salute non è più considerato solo assenza dipatologia ma un particolare stato di benessere sia fisico che mentale eattualmente anche sociale.

Ma se tutte le giuste condizionisono rispettate e vi è desiderio di fare questa esperienza, perché non provare?

Tralasciando tutte le patologiedegli adulti che possono beneficiare di cure idroponiche, vorrei soffermarmisulle patologie pediatriche.

Prec1 of 2Succ
Usa i tasti ← → per navigare

Le cure termali per i bimbi ultima modifica: 2007-07-23T18:16:10+00:00 da NoiMamme.it

Devi fare il log-in per postare un commento Login

Lascia una risposta

Oppure