I bambini e le lingue: false credenze 3


Prec1 of 11Succ
Usa i tasti ← → per navigare
937195_85372981.jpgAvete deciso di crescere vostro figlio in un ambiente multilingue?
Ottima idea, ma… come sempre accade quando si decide di fare qualcosa che si allontana dallo “standard”, anche nel caso del bilinguismo ci si attira una valanga di critiche e “consigli” di chi immancabilmente la sa più lunga di noi.
Il panettiere, la nonna, il postino, lo sconosciuto alla cassa del supermercato: qualcuno di loro sicuramente vi dirà che: è certo che vostro figlio si confonderà, non dirà una parola prima dei quattro anni e non parlerà mai bene nessuna lingua.
Insomma, non c’è dubbio: lo state rovinando!
Sono gli stessi che quando allattavate vi dicevano che il vostro latte dopo tre mesi diventava acqua.
Quindi, non ascoltateli.

La linguistica è una scienza estremamente giovane e gran parte di quello che gli studiosi ritenevano certo 40 o 50 anni fa è stato smentito dagli studi svolti nel corso dell’ultimo trentennio.
Purtroppo però nel corso del tempo molte di queste credenze, anche se prive di prove a loro supporto, si sono radicate, prendendo la valenza di “verità scientifiche” e creando dubbi e incertezze nei genitori che vorrebbero creare un ambiente multilingue per i propri figli.

Vediamo allora alcune delle più comuni credenze relative al bilinguismo e i bambini, e qual è il loro reale fondamento.

Prec1 of 11Succ
Usa i tasti ← → per navigare

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento

3 commenti su “I bambini e le lingue: false credenze