La riforma della scuola superiore



stitica.jpg

Lascuola superiore è stata modificata e ammodernata, o almeno questo èciò che il nostro ministro va dichiarando.
Sapete in quantotempo è stato decisa questa "meravigliosa" riforma? In unConsiglio dei Ministri durato cinquanta minuti, che ha analizzato(così scrivono, anche se a pensarci fa sorridere) e licenziato 11provvedimenti, dopo di che ha pure "analizzato alcune leggiregionali" (sempre dal loro verbale). Fatti due calcolielementari vuol dire che ai tre regolamenti non hanno potuto dedicarepiù di 5 minuti (1 minuto e 30 a testa) e in questo tempo non c’èda meravigliarsi se nessuno abbia chiesto di poterli almeno vedere,questi benedetti regolamenti.
I regolamenti non sono ancora statipubblicati sulla Gazzetta Ufficiale ma le scuole stanno giàaccettando iscrizioni e modificando i quadri secondo quantopubblicato.
Cercherò di spiegarvi in breve di cosa di tratta equali conseguenze avrà.

Istituti tecnici e professionali
Negli istituti professionali si riducono tutte le attivitàdi laboratorio più professionalizzanti.
Si confermano, sia pergli istituti tecnici che per gli istituti professionali, le inizialiarticolazioni dei diversi indirizzi, e se ne aggiungono delle nuove.

Gli indirizzi approvati sono i seguenti
Istitutitecnici:
Settore economico
1. Amministrazione,finanza e marketing
Articolazioni: relazioni internazionali per ilmarketing e sistemi informativi aziendali
2. Turismo
Settoretecnologico
1. Meccanica, meccatronica edenergia
Articolazioni: meccanica, meccatronica ed energia
2.Trasporti e logistica
Articolazioni: costruzioni del mezzo;conduzione del mezzo; logistica (nuove articolazioni conl’esplicitazione del mezzo: aereo, navale e terrestre)
3.Elettronica ed elettrotecnica
Articolazioni: elettronica,elettrotecnica e automazione
4. Informatica etelecomunicazioni
Articolazioni: informatica e telecomunicazioni
5. Grafica e comunicazione
6. Chimica materiali ebiotecnologie
Articolazioni: chimica e materiali, biotecnologieambientali; biotecnologie ambientali
7. Sistemamoda
Articolazioni: tessile abbigliamento e moda; calzature e moda
8. Agraria, agroalimentare e agroindustria (nuovadicitura)
Articolazioni: produzioni e trasformazioni, gestionedell’ambiente e territorio, viticoltura ed enologia (nuovaarticolazione)
9. Costruzioni, ambiente eterritorio
Articolazione: geotecnica (nuova articolazione).

Istituti professionali:
Settore servizi
1.Servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale
2. Servizi sociosanitari
Articolazioni: odontotecnico e ottico (nuovearticolazioni)
3. Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalitàalberghiera
Articolazioni: enogastronomia, servizi di sala e divendita, accoglienza turistica (nuove articolazioni)
4. Servizicommerciali
Settore industria e artigianato
1.Produzioni industriali e artigianali
2.Manutenzione e assistenzatecnica.

Apparentemente è una riforma rigida che stabiliscedall’alto le materie di insegnamento, in realtà le scuole potrannogestire e modificare il quadro orario di un 20% circa. Non sirealizza quindi la tanto declamata riduzione della pletora diindirizzi, che in termini numerici non si discostano moltodall’esistente, mentre ciò che si azzera, drasticamente e senzadiscussioni, sono le sperimentazioni.

Ciò che però ilministero stabilisce in maniera rigida è la riduzione oraria:mediamente una riduzione di 4 ore la settimana. Non solo ilper primo anno ma per tutte le classi escluse le quinte.
Cosasuccederà a settembre 2010 alle seconde, terze, quarte, per le qualisi riduce il monte ore settimanale, "fermo restando gli attualiordinamenti"? Lo sapremo dopo la pubblicazione dei regolamenti.
Al momento si sa che la riduzione seguirà due criteri: siridurranno i "raggruppamenti disciplinari" con un monte oreannuo pari o superiore a 99 ore e nessun raggruppamento potrà essereridotto più del 20%.

Vengono anche cancellate quasitotalmente le ore in laboratorio con la compresenza dell’insegnantee dell’insegnante tecnico pratico. C’è da chiedersi quanto, conclassi che spesso supereranno le trenta unità, sarà gestibile eproficua l’attività laboratoriale.

In quinta un insegnamentocurricolare potrà essere impartito in una lingua comunitaria. Bene,benissimo, peccato che sarà a discrezione delle scuole attivarlo eche spetterà all’insegnante curricolare "adeguatamente formato"dall’istituzione scolastica.

Licei
Si articolerannonei seguenti indirizzi
Liceo artistico con indirizzo: artifigurative, architettura e ambiente, audiovisivo e multimediale,design, grafica, scenografia
Liceo classico
Liceolinguistico
Liceo musicale e coreutico
Liceo scientifico
anche con opzione scienze applicate
Liceo delle scienzeumane anche opzione economico-sociale.
La vera difficoltànello scrivere cosa cambi al liceo classico (o in uno scientifico) èche in realtà non cambia moltissimo per quanto riguarda gli istituti"tradizionali", anzi si può teoricamente dire che ci saràun leggero potenziamento dell’area scientifica. Non è retoricoaffermare che questa "riforma" è profondamente classista:il liceo tradizionale rimane sostanzialmente invariato, e sono itecnici e i professionali a subire le penalizzazioni peggiori.

Vuoldire che sui licei non ci sono tagli? No, perché ci sono sugli altrilicei e in modo drammatico sugli artistici (e istituti d’arte) eperché anche sui classici e sugli scientifici si taglia su tuttele sperimentazioni. Lasciando da parte il discorso delloscientifico tecnologico, anche il classico conosce un notevoleimpoverimento (e un processo di invecchiamento… i "nuovilicei" puzzano di muffa), perché non sarà possibile attivarequei corsi potenziati che prevedevano più arte, o più informatica,o una seconda lingua straniera.

La riduzione a sole 27 ore neibienni dei Licei, che hanno tutti sperimentazioni tra le 30 e le 32ore, è ancora più pesante per l’indirizzo scientifico tecnologico,che prevedeva un orario di 34 ore settimanali, sia che fosseincardinato agli istituti tecnici che ai licei.
Sarannocancellate tutte le ore di laboratorio in compresenza (mediamente 9alla settimana in ogni classe). Le scienze (fisica, chimica, biologiae scienze della terra), da cui trae il nome il liceo, vedranno unariduzione di 10 ore nel quinquennio. Non va meglio alle altrediscipline, oltre alla cancellazione del diritto come anche neglialtri licei (tranne quello sociale), sarà ridotta anche l’areastorico filosofica (-4 ore nei 5 anni) e quella di disegno (-3 ore)con la totale cancellazione dell’insegnamento di tecnologia.
La"profonda innovazione" del liceo coreutico vanta in questomomento dieci sezioni in tutta Italia.

Attualmente le scuolestanno accettando le iscrizioni che si chiuderanno il 26 marzo. Igenitori si stanno fidando, ma i quadri orario delle scuole non sonopronti. E come potrebbero visto che manca la pubblicazione?
Insommala scuola superiore è in alto mare, l’unico dato certo è chefinalmente si risparmierà sulle spalle dei ragazzi e che lariduzione dei posti di lavoro supererà le 50.000 unità.

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone