Richiesta danni

0
170

Salve Avvocato,


io ho una bambina di due anni che frequenta un asilo nido comunale, alcuni giorni fa è cadura da un tavolo e si è fratturata un incisivo superiore e il dentista purtroppo ha dovuto toglierlo. Il dentista ci ha detto che potrebbe darsi che il dente definitivo che deve nascere potrebbe aver avuto qualche trauma ma purtroppo fino a quando non nascerà non si può sapere. Pertanto non ci ha potuto quantificare il danno a parte per quanto riguarda l’estrazione effettuata. La mia domanda è ci sono gli estremi per chiedere eventuali danni morali visto che la bambina fino all’eta di sei anni dovrà avere questa finestrina con la possibilità che si possa chiudere non eventuali denti storti?
Si potrebbe rimandare il risarcimento dei danni al momento dell’eruzione del dente permanente così da poter quantificare il danno subito?

Grazie per l’attenzione

 

 

 

 

 

 


Cara Cristina, 

 

Ti suggerisco di far redigere al dentista una relazione medica corredata da eventuale documentazione (rilevazioni a mezzo video camera indorale, radiografie ecc..) e inoltrare subito la richiesta di risarcimento del danno (sarebbe meglio tu ti rivolgessi ad un legale), quantificandolo sia per il costo dell’estrazione sia per danno biologico e per danno morale (devi però fartelo calcolare o da un medico legale ovvero dall’avvocato), riservandoti di chiedere eventuale ulteriore maggior danno.

 

 

Buona fortuna Avv. Chiara Donadon

Richiesta danni
Vota questo articolo

Condividi
Articolo precedenteSeparazione affido e trasloco
Articolo successivoCasa coniugale
mm

L’avvocato Chiara Donadon, iscritta all’Albo degli avvocati di Pistoia dal 2004, si occupa di diritto civile, in particolare di diritto di famiglia. È titolare dello Studio Legale Donadon che ha sede in Pistoia. È socia ed ex presidente dell’ Osservatorio Nazionale sul Diritto di Famiglia – Avvocati di famiglia, sezione territoriale di Pistoia ed ha creato un sito internet dedicato a questa materia che gestisce personalmente.

Ha partecipato a numerosi seminari in materia di diritto di famiglia, sia in qualità di moderatrice che di relatrice, ha pubblicato alcuni articoli su riviste specialistiche e partecipato, in passato, ad alcune trasmissioni dedicate alla materia per emittenti televisive locali. È altresì socia di “Avvocati&Avvocati”, associazione che si propone di perseguire una più efficace tutela dei diritti.