Autostima del bambino


Gent.ma dott.ssa Balli, 

Mi ritrovo nella lettera firmata dalla Sig.ra Rosaria (stesso tema), e mio figlio (quasi 8 anni) nel suo: scarsa autostima, sensibile, educato e rispettoso delle regole, non estremamente socievole ma inserito sia a scuola, sia nelle attività extrascolastiche; soffre la competizione, si arrende facilmente di fronte alle difficoltà, ma racconta di vincite e successi talvolta poco credibili. 
A scuola è molto bravo, a detta dell’insegnate, anche con ‘qualche numero in più’. Ottiene ottimi risultati anche se non si applica molto, e questo lo si vede soprattutto nell’ordine (a casa e a scuola). 
Non presenta ‘ansia da prestazione’, mi spiego: non è emotivo di fronte ad un compito in classe, ma si distrae parecchio e ama chiacchierare (e disturbare)! 

Anche io chiedo qualche dritta: cosa fare e dire per migliorare il suo stato d’animo? Mio figlio è nel complesso un bambino sereno, pratica nuoto/acquaticità dai 3 mesi, già dall’ultimo anno di materna ha praticato sport di gruppo, adesso pratica il basket (senza infamia e senza lode), ma l’anno prossimo farà calcio (così ha deciso, dietro 
incoraggiamento a praticare quello che vuole fare veramente, poichè si è espresso tempo fa sulla scelta basket motivandola con il fatto che era lo sport praticato dal papà…). 

I consigli alla Sig.ra Rosaria sono molto utili anche per la mia situazione, e cercherò di metterli in pratica fin da stasera. Non viene detto che il ‘grosso’ del lavoro dobbiamo farlo su noi stessi! 

Chiedo cortesemente di indicare qualche suggerimento riguardo a percorsi da intraprendere per potenziare l’autostima di mio figlio e anche qualche libro adatto alla sua età (ha quasi 8 anni, ma legge già volentieri!!!) per incoraggiarlo a stimolare la fiducia in sè. 

Un grazie di cuore 
Chiara



 

Gentilissima Signora 

Non conoscendo in modo approfondito le caratteristiche di suo figlio, posso solo darle alcuni suggerimenti facendo semplici considerazioni.
Essere bravi a scuola, ed ottenere ottimi risultati dovrebbe essere incoraggiante e favorire l’autostima; ma non sempre è così, talvolta puo creare in molti bambini delle aspettative eccessivamente alte verso se stessi e la difficoltà ad accettare tutto ciò che puo esser vissuto come situazione frustrante . Inoltre la sicurezza di un buon risultato , pur con il minimo sforzo, può portare ad adagiarsi ed a maggiore possibilità di distrarsi.
Penso sia sempre utile in ogni caso lavorare sulla possibilità di renderre i bambini consapevoli dei propri limiti, evitando atteggiamenti competitivi che possono allontanare dal valorizzare l’altro e dagli atteggiamenti cooperativi per risolvere problemi.
Alcune strategie che posso consigliarle :

  • stimolarlo all’autovalutazione (chiedere quale voto si darebbe e premiarlo se è appropriato al compito ed alla modalità in cui  ha svolto l’esercizio)–evitare confronti con altri bambini
  • dare esempio di autostima perdonandosi gli errori che commettiamo ed evitando rigidità
  • incoraggiarlo in modo appropriato cercando dicontestualizzare “in questa situazione hai avuto un buon comportamento”
  • favorire la cooperazione con gli altri

 

inoltre posso consigliarle una letturche ritengo molto utile:

 

Aiutare i bambini con poca autostima” attività psicoeducative con supporto di una favola, Margot Sunderland, Erickson editore

Sperando di esserle stata di aiuto 
la saluto cordialmente 
dott.ssa Monica Balli


Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

mm

Informazioni su Dott.ssa Monica Balli

Pedagogista, si occupa da anni di consulenze on line , consulenze familiari, educazione familiare di gruppo, interventi per bambini e ragazzi con difficoltà scolastiche ed educative.

Lascia un commento