Alimenti surgelati e in scatola


Buongiorno,
le dò il mio personale benvenuto in questo sito e la ringrazio anticipatamente per la sua collaborazione.
Ieri sera sono stata ad un interessante congresso tenuto da un nutrizionista della zona che ha chiarito molti dubbi che avevo sull’alimentazione, tra cui il prezioso utilizzo del burro a crudo, fonte di energia per i bambini, e che io erroneamente avevo eliminato dalla nostra dieta dando preferenza all’olio extravergine d’oliva.
Non c’e’ stato il tempo, pero’, di toccare un argomento che mi sta molto a cuore, ovvero l’impiego di cibi surgelati, in scatola e in cartone.
Per il surgelato mi riferisco in particolare a verdure semplici non cucinate, a pesce, sofficini e bastoncini di pesce, minestroni e zuppe pronte.
Per quanto riguarda il cibo in scatola mi interessava sapere se gli alimenti contenuti in queste lattine sono genuini o meno: per comodita’, infatti, spesso mi trovo ad utilizzare pelati pronti, e soprattutto fagioli borlotti, piselli, mais e simili.
Infine, vedo spesso sugli scaffali dei supermercati dei minestroni o delle zuppe in cartoni simili a quelli del latte: possono essere dati ai nostri figli saltuariamente?
La ringrazio per la cortese attenzione,
Simona

Cara Simona,
l’argomento della tua lettera è di interesse comune a molte mamme che
tengono all’alimentazione dei loro figli e vorrebbero sapere se è il
caso di utilizzare alimenti di più pratico utilizzo. Per quanto
riguarda la verdura si sa che dopo la raccolta, se non viene
conservata adeguatamente, perde molte vitamine con il passare del tempo.
Una valida alternativa è rappresentata dalle verdure surgelate perchè
la surgelazione ha la capacità di conservare la naturale freschezza
del prodotto.
Ricerche effettuate in tal senso hanno rilevato che il contenuto di
alcune vitamine é mediamente più alto nei prodotti surgelati rispetto
a quelli freschi dopo tre giorni dalla raccolta, in condizioni di
vendita al di fuori dei banchi frigoriferi.
Le confezioni di verdure surgelate hanno inoltre una protezione
igienica migliore, offrono un’ampia possibilità di scelta anche al di
fuori delle stagioni e si conservano più facilmente.
Questo discorso vale anche per il pesce e altri prodotti "semplici" non cucinati.
Per quanto riguarda prodotti elaborati come bastoncini e alimenti precotti
bisogna guardare le etichette nutrizionali e la lista degli ingredienti per escludere
elementi poco adatti ai bambini (in genere glutammato, aromi e conservanti a volte indicati
in maniera generica).
I legumi in scatola vanno bene perchè in genere contengono il legume,
sale e/o zucchero e acqua, mentre minestroni pronti e zuppe possono
nascondere ancora una volta conservanti e aromi.
Quindi il consiglio che mi sento di dare è sempre di prestare
attenzione agli ingredienti, alle etichette nutrizionali e alle date
di scadenza.
Un saluto,
Vittoria

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone