Allergia ai pollini e pappa reale per inappetenza


Gent.ma Dott.ssa Natoni, con la presente sono a chiedere un Suo autorevole parere su un problema che sta assillando la mia bambina.

Ebbene, alla mia bambina di 3 anni, è stata diagnosticata una probabile allergia (o meglio iperattività) al polline di alcune fioriture (che molto probabilmente le ha “trasmesso” mia moglie, che è allergica alle parietarie, graminacee, betulle e nocciòlo). Ha continue secrezioni nasali, ma senza starnuti (alterna muco liquido con quello più denso e giallognolo) e una fortissima inappetenza. La pediatra ha prescritto uno sciroppo antistaminico (Zaditen), che però non sta dando alcun risultato: quello che vorrei chiederle è se vi sono altri rimedi e se puo’ darmi dei consigli in merito, se questa inappetenza puo’ dipendere dall’allergia e se vi è una correlazione fra lo scatenarsi delle crisi di secrezione nasale e il fatto che io somministro alla bambina la pappa reale, a causa della forte inappetenza.

La ringrazio per l’aiuto che vorrà darmi e le auguro buon lavoro.


Piero Pappagallo



Gentile Piero,

mi scuso innanzitutto per il ritardo con cui mi trovo a risponderle.

La situazione mi sembra molto articolata, ma partendo dal suo ultimo dubbio le confermo che effettivamente accertata l’allergia ai pollini, l’utilizzo dei prodotti dell’alveare come appunto la pappa reale puo’ acuire le crisi di secrezione nasale della sua bambina. Per recuperare un po’ questa forte inappetenza potrebbe utilizzare (consultando preventivamente il pediatra) la trigonella (fieno greco) associandola al Ribes nigrum o alla betulla.

Per quanto riguarda la rinite allergica consiglierei lavaggi nasali frequenti con il plasma di Quinton e un’integrazione della terapia antistamica che state già effettuando con Ribes nigrum MG1DH e Juglans regia MG 1DH 1 gtt ciascuno pro-kilo 2-3 volte al giorno.

Auguri

Federica

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone