Zymafluor e stitichezza


Gentile dottoressa,

le chiedo due consigli.

1) Fino a che età si deve assumere lo Zymafluor? Il mio bimbo ha due anni, devo continuare?

2) Ogni tanto fa la cacca a pallini, beve poco e mangia poca frutta, ma in compenso mangia molta verdura e yogurt, va bene lo stesso?

Si sa che fibre e crusca fanno bene, ma per i bimbi così piccoli non credo, vero?

Ringrazio anticipatamente

Lorella

 


Dando per scontato che un bimbo a due anni beva acqua del rubinetto e, ovviamente, consumi cibi cucinati con acqua di rubinetto, se quest’ultima contiene una concentrazione di fluoro attorno a 0,7 mg per litro, non è necessario integrare con Zymafluor l’alimentazione di un bambino nemmeno nei primissimi tempi.

Se, invece, la concentrazione media del fluoro contenuta nell’acqua dell’acquedotto del comune dove vive il bimbo è inferiore addirittura a 0,3 mg per litro, la supplementazione con fluoro è consigliata a dosaggio pieno, cioè o,25 mg fino a 2 anni, 0,50 mg fino a 4 o 5 anni, 1 mg fino a 16 anni, si intende sempre una volta al giorno.

Se la concentrazione di fluoro nell’acqua che beve il bambino è una via di mezzo tra 0,3 e 0,7 mg per litro, i dosaggi sopraindicati vanno dimezzati. Per sapere la concentrazione media di fluoro dell’acqua del proprio comune penso si asufficiente informarsi presso l’ufficio di igiene o presso il comune.

Ricordo, comunque, che oltre alla profilassi con fluoro, alla quale non va delegata completamente la prevenzione delle carie, di estrema utilità è una corretta igiene dentale e del cavo orale, da praticarsi possibilmente dopo ogni pasto e la sera prima di andare a dormire e una corretta igiene alimentare evitando, oltre ai dolciumi da sgranocchiare i cui residui possono rimanere tra i denti, il ciuccio tenuto troppo a lungo in bocca, specie se intinto nello zucchero o nel miele e il latte prima di addormentarsi. Ovviamente, per quanto riguarda le carie, vi è anche una importante predisposizione familiare.

Per quanto riguarda la stitichezza, invece, io limiterei un po lo yogurt, sempre che il bimbo ne assuma in grosse quantità e, più in generale, non esagererei in formaggi, latte e latticini; non farei mai mancare almeno due porzioni di frutta, dandone un po’ anche di mattina a colazione, manterrei una buona quantità di verdure e penserei a una certa quantità di cereali integrali senza eccedere perché le fibre che non vengono assimilate si eliminano con le feci e portano con se molti nutrienti contenuti negli altri cibi.

Meglio pensare a verdure verdi a foglie larghe, a carciofi (possibilmente solo il cuore con una quantità limitata di foglie), ai legumi, in buona parte decorticati, a fare assumere al bimbo molti liquidi e a dare, ogni tanto, un brodo di carne molto magro e ben sgrassato. I cereali integrali possono essere limitati a qualche fetta biscottata o qualche biscotto, oppure ad una fettina di pane integrale al giorno, ma tutti i cereali assunti dal bambino del tipo integrale sarebbe troppo. A parte tutto ciò, una buona oretta di movimento fisico al giorno non guasterebbe.

Un caro saluto,

Daniela

  

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone