Zoppia 18 mesi


Buongiorno dottoressa,

sono la mamma di un bimbo di 18 mesi, Mattia. Una mattina, esattamente il 30/12/2014 Mattia zoppicava: cerco di controllare meglio ma non c’era niente, allora ho lasciato stare. La mattina dopo però si rifiuta di camminare, quindi chiamo il pediatra, lo porto a visitare e mi comunica che si tratta di sinovite benigna e gli devo dare il nurofen per 5 giorni ogni 12 ore e devo tenerlo a riposo.

Il giorno dopo vado al pronto soccorso del policlinico umberto. Hanno fanno delle lastre e l’ecografia e la diagnosi è: riposo e Nurofen. Passano 10 giorni ma non siamo riusciti a ternerlo fermo, zoppicava ancora e il dolore non passava. 

Mi comincio a preoccupare, allora mi reco al bambin gesù, dove dopo aver fatto la lastra completa alle gambe e l’ecografia mi comunicano che dalle lastre il bimbo non ha niente ma è ancora presente il versamento all’anca, tipico della sinovite transitoria. La diagnosi è: riposo assoluto per 7 giorni e nurofen ogni 12 ore. Facciamo il tampone per escludere lo streptococco e il tampone è negativo. Ora in totale sono 18 giorni che Mattia sta così: è possibile che sia questa sinovite che non passa? Che altro posso fare? La prego mi aiuti.

Grazie,

Romina.

 

 

Un episodio singolo di sinovite dura, mediamente, più o meno una settimana, meno frequenti ma possibili sono i casi che durano due settimane. Però è facile che ad un episodio iniziale ne subentri uno successivo anche dopo la scomparsa del dolore e della zoppia. Tu ha fatto ben due volte tutti gli accertamenti del caso, cioè ecografia e lastra: anche la seconda volta si è confermata la presenza di un versamento intra articolare e questo giustifica il dolore persistente. Io aspetterei la fine della terza settimana se, nel frattempo, il dolore e la limitazione motoria non dovessero peggiorare e cercherei di mantenere il bambino a riposo assoluto anche se sarà molto difficile. Se non dovesse migliorare o dovesse, invece, peggiorare, potrebbe essere opportuno un ulteriore controllo per verificare che non vi sia stata una sovrapposizione batterica nell’articolazione con lo sviluppo di una artrite settica anziché una semplice sinovite benigna, oppure – evenienza molto difficile da ipotizzare visto che il bambino è stato controllato in centri di ottima esperienza – che non stia sviluppando un morbo di Perthes, cioè una anomalia nello sviluppo della testa del femore, oppure un granuloma eosinofilo, o, con opportune analisi del sangue, una malattia ematologica.

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento