Verdura a foglia larga: inadatta a 13 mesi?


Gentile dottoressa,

ho un bimbo di 13 mesi che mangerebbe di tutto se potesse e quindi a volte gli do anche, oltre alla sua razione, degli assaggi di cose nostre chiaramente cucinate adattandole a lui. Ho tanti dubbi che il cibo possa essere troppo. Le dico un suo pasto tipo:
Colazione: 200 di latte intero con due biscottini sciolti e due da sgranocchiare.

Pranzo: 40 grammi di pasta al pomodoro o con olio e parmigiano, di secondo 50 grammi di carne cotta al vapore o 50 di pesce o legumi o 20 grammi di prosciutto cotto o una frittatina, un contorno di verdure lesse e frutta.

Merenda: uno yogurt con due biscottini e un vasetto di frutta.

Cena: 40 grammi di minestra con brodo vegetale, per secondo 30 grammi di formaggio o un secondo a scelta tra quelli che  non ha mangiato a pranzo.

Gli davo verdure anche a cena tipo cicoria o spinaci ma ho avuto il dubbio che di notte si svegliasse per via di dolore di pancia rimanendo sveglio anche per tre ore.
Potrebbe essere imputabile a questo?
Mi farebbe anche sapere se come lo sto alimentando è giusto.
Il bimbo è alto 80 cm e pesa 10 kg e mezzo.
Grazie e attendo con ansia la sua risposta

 

Cicoria a parte, decisamente inadatta per un bimbo così piccolo, a me sembra che tu lo stia alimentando egregiamente: è cresciuto bene e tende ad essere snello e piuttosto alto. Dal compimento del primo anno di vita in poi, piano piano, si possono aggiungere gradualmente tutti gli alimenti con un giusto equilibrio tra le proporzioni, che tu stai rispettando e con le giuste modalità di cottura, cioè evitando cotture elaborate, fritti, alimenti piccanti, grassi cotti o grassi in eccesso, insaccati, troppi zuccheri e così via…

Le verdure a foglie larghe vanno adeguatamente cotte e sminuzzate se si tratta di verdure da cuocere, ma vanno evitate quelle dal retrogusto amaro come la cicoria e i broccoletti, vanno date con moderazione le verdure e gli ortaggi che contengono solanine come cavoli, peperoni, melanzane, alcuni tipi di patata, vanno dati i carciofi ma senza foglie o almeno soltanto con una piccolissima parte di quelle centrali più tenere, ma in linea di massima tutte le altre vanno bene. Abitua il bimbo ai legumi, possibilmente decorticati e, volendo, puoi aumentare un po’ il latte se il bimbo lo beve volentieri senza disturbi. Per quanto riguarda la presentazione dei cibi e delle verdure, va sempre tenuta presente la capacità di masticare che ha il bimbo in quel determinato momento in quantoché si sa che la prima importante digestione degli alimenti inizia in bocca.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone