Varie: pelle secca e zecche

0
168

 

Buongiorno dottoressa,

 

mia figlia di 18 mesi presenta da un po’ di tempo una pelle in tutto il corpo molto secca, o meglio come se si stesse "sfogliando", in particolare nel tronco e sotto alle ascelle.

 

Io ogni tanto provo a darle la crema che utilizzo per la sua dermatite atopica che si presenta nelle zone delle gambe e che è un composto di vaselina e ossido di zinco, ma non mi pare sia la terapia giusta.

 

Nell’acqua del bagnetto a volte metto bicarbonato o addirittura nulla. Dovrei idratarla con qualche prodotto specifico?

 

Inoltre le chiederei, se possibile, informazioni su come riconoscere le zecche e come intervenire per rimuoverle.

 

Grazie infinite,

 

Federica

 

 

 

 

Posto che il bimbo soffra di dermatite atopica, posso indicarti alcuni prodotti per il bagnetto e per il dopo bagno.

 

Per il bagno potresti usare Triderm bagno, oppure Oilatum bagno, oppure Eubos olio da bagno, oppure Soagen olio da bagno.

 

Il bimbo va immerso in acqua appena tiepida bagnando tutta la pelle con una spugnetta morbida naturale; poi si può versare nell’acqua del bagno un po’ di uno di questi prodotti che non fanno schiuma, continuando a bagnare la pelle con la solita spugnetta.

 

Il risciacquo non servirebbe però, se l’acqua del rubinetto della zona dove vivi fosse molto ricca di sali minerali, alcuni consigliano di sciacquare per l’ultima volta la pelle con acqua bollita o acqua oligominerale.

 

Poi si asciuga la pelle tamponando e si può applicare una di queste creme: Eubos emulsione fluida, Avene Trixera o altri prodotti emollienti, ripetendo l’applicazione più volte al giorno se necessario.

 

Naturalmente la diagnosi di dermatite atopica deve essere certa. Anche l’alimentazione deve essere ben controllata: bisogna evitare cibi potenzialmente allergizzanti come agrumi, banane, ananas, melone, pomodori, spinaci, frutta secca, legumi, albume d’uovo, yogurt, formaggi fermentati come parmigiano, pecorino, gruviera, cioccolato.

 

Non si devono usare prodotti ammorbidenti nel lavaggio dei capi di abbigliamento, non si devono usare indumenti sintetici ma solo di cotone, si dovrebbe usare un coprimaterasso e un copricuscino in tessuto specifico antiacaro. Naturalmente la dermatite atopica è solo parzialmente influenzata dall’alimentazione, però in primavera si assiste alla recrudescenza di tutte le patologie allergiche, alle sensibilizzazioni crociate e così via, quindi è possibile che anche una dermatite atopica che nei mesi precedenti era silente si riacutizzi a causa dell’influenza di alcuni cibi che possono provocare reazioni crociate con alcuni pollini atmosferici, per esempio.

 

Per quanto riguarda le zecche, esse sono parassiti di piccolissime dimensioni che, quando sono adulti, misurano da uno a quattro millimetri di lunghezza. Il corpo ha una forma ovaloide, le femmine sono più grosse dei maschi.

 

Gli insetti hanno 6 zampe, tre per lato, come alcuni ragni. Saltano sulla pelle degli animali a sangue caldo e dell’uomo sentendo l’odore della loro pelle e sulla pelle si attaccano fortemente e in modo spesso indolore perché prima di mordere secernono una sostanza anestetica.

 

Possono rimanere aderenti alla cute anche per una settimana, alcuni tipi di zecche solo uno o due giorni, altre più giorni e solo quando sono sazie si staccano da sole. Si possono individuare osservando con attenzione la pelle e i peli della persona che si suppone infestata, ma ci vuole pazienza e metodo, un po’ come quando si cercano le lendini sul cuoio capelluto di un bambino, perché sono molto piccole e di colore marrone scuro o nero.

 

Il modo migliore per toglierle è quello di munirsi di una pinzetta sottile che abbia una presa precisa e stringere con essa saldamente il corpo della zecca per poi estrarla lentamente e delicatamente con movimenti circolari o semicircolari come quando si vuole stappare col cavatappi una bottiglia col tappo di sughero un po’ vecchio che potrebbe sbriciolarsi se non si fa attenzione.

 

Spero di essere stata piuttosto chiara.

 

Un caro saluto, Daniela

Varie: pelle secca e zecche
Vota questo articolo