Valore TAS sempre elevato


 

Gentile dottoressa,

ho già letto su questo sito le informazioni relative allo streptococco beta emolitico, però volevo un chiarimento.

Mio figlio ha 9 anni e 4 anni fa è stato affetto da glomerulonefrite da streptococco. Recentemente ha eseguito l’esame TAS ed è risultato un valore molto alto (945 su una scala dove avrebbe dovuto essere inferiore a 200).

Alle dimissioni dall’ospedale 4 anni fa il valore era di 445, due mesi dopo si era alzato a 666.I n ospedale è stato trattato con Zimox.

Dimenticavo, tutti gli altri valori del recente esame del sangue sono regolari e il bambino fisicamente sta bene, non presenta sintomi particolari. Mi devo preoccupare? Cosa mi consiglia?

Spero in una risposta, comunque la ringrazio, saluti

Il TAS o titolo antistreptolisinico non è altro che la quantificazione degli anticorpi che il bambino ha prodotto in seguito ad una infezione da streptococco. Tali anticorpi si formano velocemente in presenza di streptococchi ma poi possono durare mesi e mesi prima di estinguersi gradualmente.

Pertanto non è affatto difficile trovare un TAS elevato anche in un bambino in perfetta salute, valore che, in un soggetto predisposto alle infezioni da streptococco o anche semplicemente in un soggetto portatore sano di streptococco in faringe o sulle tonsille, può tranquillamente oscillare da valori altissimi in presenza o in prossimità temporale di una infezione acuta, fino a valori gradatamente decrescenti con il passare dei mesi e valori più elevati in occasione di una possibile ulteriore infezione o colonizzazione da parte di questo batterio così diffuso e frequente soprattutto nella popolazione infantile da calcolare che più di un terzo di una popolazione normale di bambini possa essere, soprattutto nei mesi invernali, portatore più o meno sano di streptococchi in gola.

Quindi, valori molto alti di TAS, vicini o superiori a 1000, specie se affiancati da altri valori alterati come indici di fliogosi o analisi specifiche per malattia reumatica, fanno pensare ad una infezione in atto, con o senza glomerulonefrite secondo il ceppo nefritogeno o meno responsabile dell’infezione, con o senza malattia reumatica secondo il ceppo responsabile dell’infezione, che può anche essere pregressa e la suscettibilità del bambino affetto di sviluppare la malattia reumatica, mentre valori medio alti come 600 o 400 stanno a significare una pregressa infezione da streptococco datante, forse, di alcuni mesi o settimane prima.

Tali valori possono, comunque, risalire nello stesso soggetto se esso viene nuovamente colonizzato da un altro ceppo di streptococco, con o senza sviluppo di malattia evidente per poi ridiminuire e così via in una altalena senza fine quando si praticano tali analisi troppo spesso e senza la possibilità di arrivare a completa normalizzazione dell’analisi a causa delle troppo frequenti reinfezioni o della semplice presenza costante dei colonie di streptococco in faringe.

Un TAS elevato, o meglio, moderatamente elevato, quindi, senza altre analisi alterate, non significa proprio nulla e non permette di trarre nessun tipo di conclusione particolare. Le glomerulonefriti post streptococciche non sono evenienza rara e di solito esitano in totale guarigione.

Il bambino che ne ha sofferto deve stare tranquillo perché non è detto che ne debba soffrire nuovamente in occasione di una sempre probabile nuova infezione streptococcica: di streptococchi, infatti, ve ne sono di moltissimi ceppi, non tutti capaci di provocare nefrite così come non tutti sono capaci di provocare la malattia reumatica.

Soltanto, un bambino che tende ad albergare frequentemente e ripetutamente streptococchi nelle sue tonsille può non essere in grado di produrre sufficienti anticorpi contro di essi tanto da sviluppare una efficace memoria immunitaria e, ovviamente, più frequenti diventano le possibilità di contrarre infezione, più probabili diventano le possibilità di complicanze varie come nefrite, malattia reumatica, ecc., ma in quest’ultimo caso, solo se il soggetto fosse geneticamente predisposto a causa di un problema analogo in un membro della famiglia.

Non bisogna, quindi, preoccuparsi, quando il bambino presenta TAS moderatamente elevato senza altri valori ematochimici anomali e senza sintomi di malattia di nessun tipo ma, data la particolare predisposizione del bimbo a contrarre infezioni da streptococco, un controllo in più in caso di faringite febbrile o di tonsillite e una prescrizione in più di antibiotico idoneo rispetto ad un altro bambino che non ha mai avuto problemi analoghi è sempre prudente.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone