Valore basso di somatomedina c 1


Gentilissima dottoressa,

le ho già scritto, le scrivo di nuovo perché nel frattempo abbiamo fatto le analisi del sangue a mio figlio, per il problema della scarsa crescita.

Attualmente a due anni, 10 mesi e 10 giorni è alto 89,3 cm per 11,6 kg.

Le analisi del sangue sono nella norma (emocromo, glicemia, azotemia, ferritina, sideremia, ves, cpr, albumina, creatinina, azotemia) tranne il valore della somatomedina c 35,1(49-327). 

Cosa significa questo valore? Che ci sono problemi di gh?

Le riscrivo i dati del bambino: alla nascita kg 3100 per 49 cm… ad un anno 71 cm per kg 8,2… a due anni kg 10,2 per 82 cm… noi genitori abbiamo un’altezza media di 160 cm.

Secondo il pediatra il bambino viaggia sul 4°/5° percentile… dice che va tutto bene ma noi siamo preoccupati per il valore basso della somatomedina c.

Grazie mille

La somatomedina c è una proteina del sangue che viene definita come un fattore di crescita, cioè una sostanza che, come l’insulina, stimola l’accrescimento somatico e cellulare in sinergia con l’ormone della grescita o GH secreto dall’ipofisi. Si riscontrano valori più bassi della norma nei soggetti affetti da ipotiroidismo, da ridotta funzionalità ipofisaria o ipopituitarismo e da nanismo.

Però nei bambini i valori di questa sostanza considerati entro il range di normalità sono, da 2 a 5 anni, minimo 17, massimo 248 nanogrammi/ml, valori, quindi, diversi dai riferimenti utilizzati per gli adulti che ti sono stati forniti. Pertanto si tratta di una preoccupazione assolutamente inutile visto che il valore deve considerarsi nella norma.

Peso e altezza del bimbo si collocano su percentili bassi ma armonici tra loro e soprattutto la sua curva di crescita è parallela a quella di normalità. Continuando di questo passo, molto genericamente e senza tenere conto né di variabili individuali né dell’eventuale scatto di crescita puberale, la statura definitiva presunta del piccolo dovrebbe arrivare attorno ai 165 cm, in linea, pertanto, con quella di voi genitori, ma si tratta di una previsione assolutamente generica che serve soltanto per tranquillizzarti sull’assenza, almeno stando ai dati che mi fornisci, di qualsiasi tipo di patologia di tipo auxologico.

Per tua ulteriore tranquillità potresti fare una età ossea al bimbo: se fosse in ritardo di 4 o 6 mesi rispetto alla sua età cronologica, sarebbe una tranquillità in più. Ma solo per te, visto che le modalità di crescita del bimbo risultano nella norma e che sin dalla nascita i suoi 49 cm di lunghezza x 3,100 gr di peso non deponevano certo per un bimbo molto grande di costituzione. Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone