Vaccini e Sindrome di Kawasaki


Salve dottoressa,
avrei un quesito sulle vaccinazioni per mia figlia Sara che ha tre anni (domani).
Per una serie di imprevisti, Sara a tempo debito non fece la vaccinazione MPR, ma "la prendemmo comoda" perché non è mai andata all’asilo.
A gennaio però Sara si è ammalata della Sindrome di Kawasaki (congiuntamente ad una mononucleosi violenta) ed è stata trattata con immunoglobuline.
Attualmente prende ancora l’aspirinetta per il rischio alle coronarie e siamo in attesa per l’esame ecocardiografico.
Che si fa ora per i vaccini, considerato che a settembre dovrebbe iniziare la scuola materna?
Grazie mille e benarrivata.
Vavi

Cara Vavi,
la tua bimba ha superato una bella batosta il mese scorso!
I pediatri che l’hanno in cura ti avranno sicuramente spiegato che la malattia di Kavasaki, anche quando tempestivamente curata, ha un decorso piuttosto lungo: superate infatti le prime due fasi, acuta e subacuta, entrambe più o meno della durata di quindici giorni, superato cioè il primo mese, resta un lungo periodo di recupero o di convalescenza, durante il quale, gradatamente, i valori delle piastrine si normalizzano e le eventuali, temute, anomalie delle coronarie, si risolvono. Quest’ultima fase, anche quando le cure sono state idonee e soprattutto tempestive, com’è il caso della tua bimba, credo, non duri meno di un mese e mezzo, due. Per prudenza si considerano di solito tre mesi. Per di più vi è stata anche una mononucleosi concomitante, malattia che lascia una immunodepressione residua per alcune settimane.
Le immunoglobuline ad alte dosi necessarie per limitare o prevenire i danni vascolari, soprattutto alle coronarie, provocati dalla vasculite tipica della malattia di Kawasaki, hanno una vita media di tre o quattro settimane, ma i loro effetti sul sistema immunitario del bambino durano più a lungo, fino a tre, ma anche sei mesi.
Per giunta mi dici che è ancora sotto controllo ecografico per valutare una eventuale coronaropatia che, qualora si presentasse tardivamente, suggerirebbe un ulteriore trattamento con immunoglobuline.
Per tutte queste considerazioni ti consiglio quindi di posticipare il vaccino MRP almeno di altri 5 mesi. Se tutto andrà per il meglio, potrai vaccinare la piccola a luglio, ma anche a settembre: a sistema immunitario normalizzato, gli anticorpi si formeranno entro 3-4 settimane e la tua bimba sarà protetta quando andrà a scuola. Considera anche che si tratta di 3 malattie (morbillo parotite rosolia) che di solito si manifestano a fine inverno, anche se, a dire il vero, in questi ultimi anni, la stagionalità non esiste quasi più, per svariati motivi (clima cambiato, vaccinazioni di massa, ecc.). Quando la bimba sarà completamente guarita, chiedi al tuo pediatra se è d’accordo a praticarle il vaccino contro la meningite da meningococco C e contro la varicella.
Un abbraccio e tanti affettuosi auguri.
Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone