Un risveglio di notte per fame

0
103

Buongiorno,

da circa una settimana il mio bimbo (4 mesi domani per 8,4 kg) ha cominciato a svegliarsi la notte piangendo, poppa e si riaddormenta (prima saltava già la poppata notturna). Mi sembra che la poppata della sera non sia sufficiente a riempirlo, perché si sveglia per mangiare.

La mia pediatra lo vuole rivedere a metà settembre e non riesco a contattarla, così ho portato il bimbo alla mia dottoressa di base (che è specializzata in pediatria) e mi ha detto di dargli a metà mattina e a metà pomeriggio un omogeneizzato di pera/mela con 2 cucchiani di biscotto granulare dicendomi che essendo il bimbo già abbastanza grandicello il latte non lo sazia più.

Secondo lei posso seguire questo consiglio o è meglio che gli dia delle aggiunte di latte all’ultima poppata (cosa che secondo me mi avrebbe detto la mia pediatra, che mi aveva già preannunciato di volere arrivare fino a settembre col latte materno)?

Oppure posso lasciare le cose come stanno, tanto si sveglia e dopo avere mangiato dorme nuovamente altre 4 orette. Se, secondo lei, il mio latte gli fornisce tutti i nutrienti necessari per me non è un problema la poppata notturna, anche se mi ero già abitutata bene dormendo 6 orette di fila. Il dubbio mi è venuto perché ho letto che un bimbo di 8-9 kg dovrebbe iniziare lo svezzamento perché il latte non basta più, non solo in termini di quantità ma di capacità nutritive.

Vi ringrazio molto

Saluti

Mariangela


Si, il bimbo potrebbe avere fame, però, visto che, in fondo, si sveglia soltanto una volta di notte e, attaccandolo al seno, dorme per 4 ore di fila e ciò fa pensare che tu abbia ancora latte in quantità discreta, io cercherei di non dare aggiunte di latte artificiale di nessun tipo e di integrare con frutta e biscotto come ti ha suggerito la tua dottoressa.

Considera che il bimbo potrebbe avere soltanto o prevalentemente sete quando si sveglia di notte, visto il clima attuale e quindi mi sembra prematuro concludere che ha bisogno di latte artificiale.

Prova ad arrivare al quinto, sesto mese così come stai facendo, cerca di bere molto anche se non hai molta sete e se il caldo ti ha fatto diminuire la pressione, prendi integratori, cibi un po’ salati come il prosciutto e, se puoi, vai al fresco da qualche parte con il tuo bimbo.

Se, così facendo, il bimbo mantiene un solo risveglio notturno e non li aumenta a due, tre, ecc., se durante il giorno è tranquillo, se le poppate lo saziano ancora per circa 4 ore, se continua a crescere di peso in modo regolare, meglio aspettare settembre per lo svezzamento: un mese passa in fretta.

Un caro saluto,

Daniela

Vota questo articolo