Tremori


Buongiorno dottoressa,

da cosa potrebbero dipendere alcuni episodi di tremarella mattutina del mio bambino che quasi tre anni? Non accade sempre, ma siccome è successo stamane dopo diverso tempo, mio marito ed io ce lo siamo chiesti. Anche in passato sarà accaduto una decina di volte in tutto; ho sempre pensato che potesse dipendere semplicemente dal cambiamento di ambiente, nel passare dalla camera da letto al bagno, seppure in casa la temperatura di mattina è abbastanza omogenea (in realtà nella cameretta la temperatura è più bassa che in bagno, però c’è comunque il passaggio per il corridoio…).

Stamattina, ad esempio, Matteo era sveglio a giocare, seduto nel suo letto già da qualche minuto e quindi fuori dal piumone quando l’ho preso in braccio per portarlo al bagno e lì ha iniziato a tremare. Ha continuato qualche minuto finché lo spogliavamo e rivestivamo nel mentre che faceva pipì sul vasetto. Qualcosa legato alla glicemia? Riferirò questi episodi al pediatra in occasione del bilancio di crescita del 3° anno che faremo tra qualche settimana, ma nel frattempo sarei curiosa di avere un Suo parere.

La ringrazio e saluto cordialmente.

Visto che si tratta di manifestazioni molto sporadiche, se il bimbo non dà altri motivi di preoccupazione dal punto di vista motorio e neurologico, non è ipertonico, non ha ritardo psicomotorio, esaurisce velocemente queste manifestazioni di tremori o lievi clonie anche prima di essersi alimentato, io penserei proprio a brividi di freddo, specie se il bimbo tende ad essere freddoloso e piuttosto magro e se l’uso del piumone lo surriscalda molto quando dorme. Se questi tremori si esauriscono prendendogli in mano la sua mano o il suo braccio, se non si presentano tutte le volte che si accinge ad effettuare un movimento, per esempio, di prensione fine, cioè quando deve prendere in mano una matita e disegnare, quando indica un oggetto, oppure quando si mette in punta di piedi, se smettono appena lo rivesti, non vedo motivo di preoccupazione.

I fini tremori da ipoglicemia sono di solito accompagnati anche da altre manifestazioni neurovegetative come sudarella, pallore, languore allo stomaco, senso di svenimento, ecc. Ad ogni buon conto controlla i suoi movimenti spontanei, come sale le scale, come corre, se cade spesso o meno, se si raffredda velocemente la cute quando lo spogli e così via.

Se non noti nulla di anormale, puoi stare tranquilla.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone