Tonsilliti frequenti, cause e condizionatori


 

 

Buongiorno dottoressa,

 

io ho un po ‘di domande. Sono una mamma straniera, il papà è italiano e abbiamo due bambine: una di un anno e due mesi, l’ altra di due anni e nove mesi ca.

Abbiamo avuto un momento difficile: la grande ha avuto una bronchite un mese fa curata con terapia antibiotica (senza verificare se fosse streptococco), una settimana dopo la piccola ha avuto la tonsillite, sette giorni di antibiotico (senza controllo) dopo sette giorni la tonsillite si è ripresentata.

 

Il pediatra mi ha dato un’ altra cura antibiotica per sette giorni (augumentin).

 

Adesso un settimana dopo la grande ha avuto tonsillite pure lei (e sono distrutta) e sta facendo un’ altra cura antibiotica.

 

Ho tolto la grande dall’asilo per paura che prenda malattie e non incontrano più né bambini né adulti, ma ho un dubbio: "posso essere io la causa di queste continue tonsilliti?"

Ho saputo che si può essere portatori di batteri senza stare male e contagiare il resto della famiglia. Dopotutto noi tre stiamo sempre insieme.

 

Non conosco nessuno a cui posso chiedere aiuto. I miei stanno lontano, i suoceri pure . Vi chiedo, non si controlla mai se la tonsillite è di origine batterica o virale ? Non si può fare il tampone e verificare o è necessario il ricovero come mi è stato detto?

 

Un’ altro problema che ho è che io sono del nord Europa dove non fa cosi caldo come qua e io non so come gestire aria condizionata e queste malattie di gola, ho un po’ paura di peggiorare la situazione. Come mi consiglia di usarla?

 

Scusi tutti i dubbi ma sono molto preoccupata e non so a chi rivolgermi

 

Louise

 

Le tue due bambine si possono essere ammalate ripetutamente per vari motivi senza per forza pensare che tu sia responsabile in quanto portatrice sana di infezione da streptococco tanto più che, non avendo eseguito nessun tampone, non puoi sapere se le varie febbri delle tue bimbe sono state la conseguenza di infezioni streptococciche.

 

Però, specialmente se tu stessa, da piccola, oppure il papà delle bimbe, sempre da piccolo, vi siete spesso ammalati con tonsilliti o altre infezioni dovute allo streptococco, sarebbe una buona idea eseguire un tampone faringeo, sia sotto forma di test rapido, che da la risposta in pochissimo tempo, sia con un comune tampone faringeo che puoi farti fare in un laboratorio qualsiasi e senza nemmeno bisogno della richiesta del medico se lo paghi (almeno, che io sappia, è quasi sempre così).

 

Le tue bimbe, però, possono anche essersi ammalate a causa di virus o di altri batteri, perché non esiste certo soltanto lo streptococco come germe circolante, così, dopo una prima febbre, magari, di natura virale, può essere sopraggiunta una complicazione batterica oppure la bambina che si è ammalata per prima può avere trasmesso l’infezione alla seconda che si è ammalata dopo una settimana e la prima può anche essersi reinfettata a scuola oppure dalla sorella.

 

Difficile capirlo senza avere praticato tamponi o analisi varie. Comunque periodi come quelli che hai attraversato tu ultimamente capitano con una certa frequenza quando vi è più di un bimbo ancora piccolo in una casa e ancor di più se tutti e due frequentano una comunità, con infezioni che fanno ping pong da un bambino ad un altro.

 

Hai fatto bene ad allontanare le bambine dall’asilo momentaneamente. Adesso si tratta di controllare le bimbe almeno una volta anche se sono guarite e non presentano più sintomi per valutare, eventualmente, lo stato delle loro tonsille anche quando non hanno febbre ed eventualmente, più che fare a loro un tampone faringeo, procedere con alcune analisi del sangue per capire se hanno una infezione sub clinica: il tampone faringeo, per loro, non ha molta importanza al di fuori di un episodio febbrile perché non si somministrano antibiotici ai bambini portatori sani di streptococco, semmai si evidenziasse uno streptococco, a meno che in famiglia non vi siano dei casi di malattia reumatica.

 

Tu mamma, invece, potresti fare un tampone, specie se da piccola hai sofferto di tonsilliti da streptococco e se hai ancora le tonsille, per toglierti un dubbio che può essere in parte giustificato e per stare più tranquilla.

 

Puoi utilizzare il condizionatore regolando la temperatura ambientale inferiore di non più di 5, 7 gradi rispetto a quella esterna, però abbi cura di pulire e lavare i filtri che sono importanti veicoli di infezione e su di loro possono moltiplicarsi germi strani, poco aggredibili dai comuni antibiotici.

 

Però questa attuale ondata di calore non durerà molto, almeno per ora, quindi non devi preoccuparti esageratamente del caldo. Puoi installare dei ventilatori a pale sul soffitto che sono molto efficaci per il caldo intermedio, cioè non eccessivo e puoi usarli nelle camere da letto tenendo, magari, il condizionatore acceso nel salone o in una stanza diversa da quella dove dormite: l’aria fresca sarà trasportata in tutta la casa anche senza che il condizionatore sia presente in ogni ambiente.

 

Appena saranno guarite cerca di portare le due bimbe a respirare un’aria diversa, cioè portale un po’ fuori città se vivete in città, oppure al mare o in montagna se non piove prima di rimandarle a scuola.

 

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone