Testicolo


Carissima dottoressa Daniela,

mio figlio Enea, un anno in questi giorni, ha un testicolo non ancora in sede. Oggi la pediatra ci ha mandato d'urgenza in urologia perche' il bambino ha avuto un episodio di pianto incontrollato, della durata di un ora, non giustificabile da cause appartenti, e da lei attribuibile forse ad una torsione del testicolo. Il medico in ospedale gli ha fatto una visita escludendo la torsione, che tra l'altro secondo lui e' rarissima a quest'eta', ed un'eco che ha confermato la diagnosi fatta 6 mesi fa:

EsObbiettivo: didimo sinistro posizionato nello scroto, di volume e consistenza normale. Didimo destro a livello del canale inguinale. Eco Testicoli: Didimo dx nel canale inguinale esternamente all'anello inguinale interno. Didimo sx omogeneo

Mi ha riferito inoltre che il testicolo in sede e' cresciuto mentre l'altro no. Ora lui mi ha detto di aspettare che c'era tempo, il primario, intervenuto dopo, mi ha invece consigliato di cominciare a pensare all'intervento chirurgico perche' potrebbe esserci sofferenza. Purtroppo da noi, provincia di Sondrio, non eseguono in bimbi cosi piccoli questo tipo di intervento, per cui dovrei rivolgermi ad altra struttura, lui stesso mi ha parlato di Bergamo, ora vorrei un suo gentile parere: e' meglio aspettare qualche mese ancora o cominciare a prenotare una visita? E che struttura mi consiglia?

La ringrazio infinitamente della gentile attenzione.
Simona

Cara Simona,
sulla questione della ritenzione testicolare spesso non vi è accordo tra il pediatra, che di solito suggerisce di aspettare i primi due, massimo tre anni, l'eventuale discesa spontanea del testicolo, e il chirurgo pediatra che preferisce, ovviamente, risolvere senza indugio il problema chirurgicamente. Quando un testicolo non è sceso nella sacca scrotale ma è facilmente palpabile in sede superficiale nel canale inguinale e, soprattutto, come si dice in gergo, è "in ascensore", cioè facilmente spostabile "a mano" verso lo scroto durante la visita medica, di solito si adotta un atteggiamento di attesa, almeno fino al secondo anno di vita. Durante questo periodo si valuta il suo cambiamento di posizione in media ogni 3-4 mesi: se tende a scendere si aspetta, se non si sposta si invia dal chirurgo pediatra per una valutazione sul da farsi. Ma l'importante è, appunto, la posizione del testicolo ritenuto, che deve essere superficiale e in regione inguino-scrotale. Se invece il testicolo è più alto, cioè in sede addominale, si preferisce operare perché le speranze di una discesa spontanea sono poche. Nel tuo caso che fare? Senza visitare il bimbo mi riesce veramente difficile consigliarti. Ad occhio e croce penso che potresti aspettare un po ma se l'ecografia lo evidenzia più piccolo dell'altro è meglio che tu interpelli un buon chirurgo pediatra. A Bergamo, o comunque in un buon ospedale pediatrico non avrai difficoltà a conoscerne uno di fiducia. Ti consiglio quindi di prenotarla la visita chirurgica, e di farlo sin d'ora se sai che la lista di attesa sarà lunga. Comunque stai tranquilla, un'orientamento sul da farsi si impone sin d'ora ma il problema del tuo bimbo non riveste un carattere di urgenza. Hai tutto il tempo di aspettare i tempi lunghi di un appuntamento preso sin d'ora e di rimandare la decisione magari a dopo l'estate o in autunno, ammesso che in quel periodo non sia sceso di un pochino anche da solo. L'intervento poi è poco invasivo e non riveste difficoltà di sorta. Qualsiasi decisione prenderai, fallo serenamente senza perdere la calma e senza avere fretta.
 Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone