Striature di sangue nelle feci


Gentile Dottoressa, mio figlio di 7 mesi ha presentato, nelle ultime due volte, delle piccolissime striature di sangue vivo sulla cacca. Le feci erano piuttosto dure e devo dire che soffre un po’ di stitichezza a cui troviamo rimedio dandogli la prugna. A cosa potrebbe essere dovuto questo sangue? La sua pediatra ha pensato ad un eccessivo apporto di latticini, anche se a me non sembra che ne abbia mangiati in quantità così elevate…Grazie.

 

Il sangue di colore rosso vivo, ben distinto dalla massa fecale e non mischiato alle feci tanto da farne cambiare colore, origina sempre dalle ultime porzioni del tubo digerente e, in caso di stitichezza, è dovuto nel 90 % circa dei casi a ragadi formatesi a causa dell’eccessiva distensione della mucosa dello sfintere anale durante la defecazione. La ragade è spesso visibile allargando lo sfintere anale e si presenta come un taglietto posto sul fondo delle pliche presenti a raggiera attorno all’ano. Il sangue derivante da microperdite dovute ad infiammazione cronica del colon a causa di allergia alle proteine del latte vaccino è quasi sempre occulto o comunque misto a muco o sufficientemente abbondante da alterare il colore delle feci del lattante. Qualche volta il lattante ingerisce muco proveniente dalle prime vie respiratorie e questo muco si può ritrovare nelle feci misto a piccole quantità di sangue provenienti sempre dalle alte vie respiratorie infiammate a seguito di flogosi acuta: in questi rari casi, essendo inglobato nella massa mucosa, non riesce ad essere digerito né dallo stomaco né dall’intestino e si ritrova nelle feci, ben distinto da esse. Ma la stragrande maggioranza delle volte, il sangue rosso vivo ben visibile sulla superficie della massa fecale, deriva da ragadi o emorroidi, queste ultime, però, rarissime nei lattanti. Direi inoltre che non vale la pena pensare in prima battuta alla presenza di neoformazioni in quella sede. Meglio cercare accuratamente la eventuale ragade e controllare le feci nel tempo.  

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone