Stitichezza neonato


Buongiorno dottoressa. Il mio bambino di punto in bianco non ha più voluto scaricarsi da solo. Ora ha 4 mesi ed è da un mese che non si è più scaricato da solo. Solo in due occasioni nel corso di questo mese si è scaricato da solo poi più nulla. Io lo allatto al seno e lui cresce, pesa 8 kg . Ogni 4 o 5 giorni gli faccio qualche goccia di peretta e lui si scarica. Ho provato a stimolarlo con sondino o punta del termometro ma nulla. Chiedo il suo aiuto perché non riesco a capire come mai di punto in bianco si è bloccato soprattutto visto che è allattato al seno. Io di mio sono stitica ma ora ho risolto la cosa con minestrone e frutta ma lui purtroppo no e come se non avesse lo stimolo. Ho provato con levolak ma nulla. Grazie x un suo consiglio. Saluti Francesca

La vera stitichezza è l’emissione di feci dure caprine, naturalmente emesse con più difficoltà e più raramente. L’emissione di feci di aspetto normale, anche se a distanza di alcuni giorni, non può dirsi stitichezza ma intestino pigro. In questo caso i lassativi non servono, anzi, potrebbero essere controproducenti e possono essere utili sia i massaggi regolari all’addome – più in generale le tecniche del massaggio infantile – praticati ogni giorno, i fermenti lattici, l’assunzione di una maggior quantità di liquidi nel corso della giornata. In caso di persistenza del problema, il pediatra dovrà valutare la presenza di eventuali malformazioni a livello anorettale come potrebbe essere una relativa anteriorizzazione dell’ano o altro a livello dell’ampolla rettale fino ad arrivare ad esami radiologici e manometrici per escludere la presenza di megacolon. A 4 mesi, poi, si può iniziare ad introdurre piccole quantità di frutta omogeneizzata per aumentare il tenore di fibre dell’alimentazione. Anche la tua alimentazione, in parte, può contribuire alla regolarizzazione dell’intestino del piccolo riducendo la quota di latte, latticini, formaggi e grassi di provenienza animale a favore di verdure ad alto contenuto di fibre e di frutta come pere e kiwi.

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone