Stitichezza a un anno


 

Gent.ma dottoressa,

le scrivo in quanto mio figlio di appena un anno soffre di stitichezza. Il problema è apparso a sei mesi, con l’inizio dello svezzamento, mentre prima, quando prendeva solo il mio latte, scaricava anche più volte e senza problemi.

Cerco di far sì che la sua dieta sia ricca di verdure (brodo vegetale) e frutta, soprattutto prugne e kiwi (ultimamente sta rifiutando il kiwi in quanto credo ne abbia mangiato troppo nei mesi scorsi). E cerco anche di fargli assumere parecchia acqua, oltre al mio latte che ancora prende.

Il problema sembra stia peggiorando. Ultimamente piange quando lo porto nel luogo del cambio (bagno), in quanto lì spesso sono costretta a fargli un microclisma, se non scarica da due o tre giorni. Credo che il problema stia diventando anche psicologico. Il pediatra mi ha consigliato il lattulosio, anche più volte al giorno, ma non sembra trarne beneficio, in quanto il transito è sempre ostruito da una parte dura e grande, che gli provoca dolore.

Attendo suoi consigli e la ringrazio. Silvia, mamma di Nicola

Devi capire se il bimbo trattiene le feci perché l’evacuazione, magari a causa di una ragade, gli causa dolore e di conseguenza si forma un fecaloma duro che peggiora la situazione, oppure se nell’ampolla rettale staziona una massa fecale piuttosto grossa di volume prima che il bimbo avverta lo stimolo a defecare tanto da avere difficoltà ad essere emessa e il bimbo, di conseguenza, trattiene.

Una breve esplorazione rettale toglierebbe ogni dubbio di problema anatomico in quella parte ma altrimenti, al posto del kiwi che non vuole più, puoi ancora trovare i fichi e puoi dargliene qualche cucchiaino di polpa.

Puoi anche sostituire la solita minestrina con fiocchi di avena, aggiungere legumi decorticati e passati nella pappa e, al limite, tentare con alcuni lassativi osmotici simili al lattulosio come il Paxabel o il Macrogol.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone