Soffio al cuore in bimba di sei mesi



Salve,
allamia piccola di 6 mesi, è stato diagnosticato un soffio al cuore consecondo tono accentuato mai sentito prima…..cosa significa? Èpreoccupante?
Vi prego rispondetemi, sono nel panico.

Unsoffio al cuore può voler dire molto o nulla: rumori di soffio,infatti, nei bambini, possono dipendere da una malformazione cardiacavera e propria – che, però, normalmente avrebbe dato segnidi sé già alla nascita o comunque nei giorni immediatamentesuccessivi e difficilmente dopo sei mesi – dalla ritardata chiusuradi alcune comunicazioni tra atri o tra ventricoli, peresempio, che erano fisiologiche quando la circolazione sanguigna eradi tipo fetale ma che si sarebbero dovute chiudere alla nascita, dauna malformazione vascolare, da una anemia, da una forma particolaredel cuore molto allungato o ruotato sul suo asse principale  oaltro – che può facilitare la formazione di vortici nel normaleflusso sanguigno dai quali possono originare rumori particolari,dalla febbre che aumenta la velocità del flusso sanguigno perchégenera tachicardia e via discorrendo…

Pertantoun soffio cardiaco deve essere ben interpretato. Ma anche sesolitamente sono necessari approfondimenti diagnostici per formulareuna diagnosi di certezza, cioè almeno un elettrocardiogramma eun’ecocardiografia, anche alla sola auscultazione con ilfonendoscopio si possono individuare alcune caratteristiche chepossono classificarlo tra i soffi innocenti o comunque nonpreoccupanti oppure tra i soffi cardiaci meritevoli diapprofondimento.

Pertanto,il medico che ha visitato il bambino avrà sicuramente espresso ilsuo parere in merito. Io, più di tanto non posso azzardarmi a direperché non mi fornisci nessun particolare del problema riscontratoal tuo bimbo. Se il bimbo sta bene, però, non vedo il motivo distare nel panico: una cardiopatia importante si sarebbe manifestatagià da tempo con sintomi che avrebbero preoccupato prima ancora discoprire il soffio.

Uncaro saluto, Daniela

{loadpositionlegals}

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento