Sideremia bassa?


Buon giorno, mi chiamo Darla.
Vorrei sapere un’ informazione.
Una bambina di 10 anni, con la sideremia a 18,9 ha anemia? (è portatrice sana di microcitemia).
Un medico, dice che deve assolutamente fare la cura, un altro che è normale perché è portatrice… io non capisco più nulla.
Qual è la sua opinione?
La ringrazio infinitamente e spero mi risponda presto.
Darla.

Bisogna che tu ti spieghi meglio: i valori di sideremia, cioè di concentrazione di ferro nel sangue, considerati normali nell’infanzia si aggirano attorno ai 100 microgrammi/dl, con una fascia che si può considerare normale piuttosto ampia, cioè compresa tra 40 e 150 microgrammi /dl. Se 18,9 fosse il valore della sideremia della bimba e fosse riferito a microgrammi /dl, sarebbe quindi decisamente basso. Siccome non mi riferisci le misure di riferimento, cioè i microgrammi/dl, mi viene un piccolo dubbio che 18,9 si riferisca, invece, al valore dell’emoglobina che, espresso in grammi/dl è considerato normale tra 11 e 18. Ma, ripeto, se tu non ti fossi sbagliata e il valore fosse realmente riferito alla sideremia, sarebbe veramente molto basso e la terapia con ferro andrebbe iniziata al più presto.

La tua bimba è portatrice sana di microcitemia, quindi è sana e non è microcitemica, ma se lo fosse, la sua emoglobina potrebbe essere un po più bassa del normale, non la sua sideremia che, al contrario, potrebbe anche essere aumentata. Sia in caso di microcitemia che in caso di anemia da carenza di ferro i globuli rossi si presentano di volume più piccolo e di colorazione sbiadita, però nella microcitemia il ferro non è diminuito, anzi, può essere aumentato, pertanto i microcitemici non vanno di solito trattati con ferro, mentre nella anemia da carenza di ferro, oltre a globuli rossi più piccoli del normale vi è, ovviamente, carenza di ferro. Detto ciò, potrei spiegarti meglio queste differenze se avessi maggiori notizie riguardo alle analisi della bimba.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone