Si sveglia piangendo durante il giorno


Buonasera dottoressa,

da circa una settimana la mia bimba di 19 mesi si sveglia dal sonnellino pomeridiano piangendo disperatamente.

Dorme – notte e pomeriggio – da quasi un anno nella sua camera, al buio e addormentandosi da sola.

Di notte dorme circa 13 ore e al mattino ha un risveglio lento e sereno, aprendo la porta la trovo sorridente che gioca nel lettino.

Al pomeriggio dorme 2-3 ore, ma si sveglia bruscamente, sentendo le grida vado subito in camera sua, ma la mia presenza non basta, il pianto si placa solo con un diversivo: giochi, merenda … nei casi più gravi la televisione (che la bimba normalmente non guarda). Il resto del pomeriggio lo trascorre normalmente, come se nulla fosse accaduto.

Ho pensato ai brutti sogni, ma perché di notte no?

E se avesse un dolore fisico, potrebbe sparire così nel giro di 5-10 minuti?

Grazie

Maria Teresa


Il sonno diurno di un bimbo, così come quello di un adulto, non è esattamente strutturato come quello notturno perché il nostro organismo segue un ritmo circadiano particolare che fa si che solo il sonno notturno sia così profondo e ristoratore.

Di pomeriggio, quindi, la bimba potrebbe avere un risveglio fisiologico e naturale immediatamente dopo essere passata attraverso la fase di sonno rem nella quale si svolgono i sogni e può anche sognare qualcosa di pauroso che la fa svegliare, soprattutto se in famiglia anche uno dei genitori o di eventuali fratelli ha avuto lo stesso problema da piccolo o comunque un disturbo del sonno di qualsiasi natura.

Io ti consiglio di non fare dormire completamente al buio la bimba durante il giorno: primo perché, qualora si dovesse svegliare all’improvviso e dovesse trovarsi da sola al buio, il senso di paura è scontato, anche se non ha questo atteggiamento al suo risveglio mattutino, forse più graduale e meno improvviso del risveglio dal sonno pomeridiano; secondo perché non è consigliabile disorientare il bimbo creando il buio totale nella stanza quando è ancora giorno per non alterare, appunto, la percezione del regolare avvicendarsi della luce e del buio.

Basta una leggera penombra e il silenzio e il sonno assumerà caratteristiche più leggere proprio come dovrebbe essere il pisolino pomeridiano. Se non lo fai già, puoi anche lasciare la porta socchiusa.

Un caro saluto,

Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone